Il Superuovo

La morte è davvero così spaventosa? Rispondono “Il settimo sigillo”, Epicuro e Heidegger

La consapevolezza di dover morire ha sempre suscitato nell’animo umano un forte sentimento di sconforto, ma è davvero così spaventosa la morte? “Il settimo sigillo” Il settimo sigillo è un film svedese del 1957 che racconta la storia di un crociato, Antonius Block. Tornato in Europa dopo un periodo di lunghe battaglie in terra santa … Leggi tutto

Heidegger contro i nuovi supermercati intelligenti giapponesi per combattere l’inautenticità dell’essere

Da qualche tempo è giunta dal Giappone un’innovazione pronta a cambiare i supermercati del futuro. Si tratta di carrelli della spesa intelligenti, in grado di registrare gli acquisti e fornire informazioni al cliente. L’obiettivo è quello di abolire le casse, velocizzare la spesa e rendere i clienti più indipendenti. Ma fornire mezzi specifici all’individuo per … Leggi tutto

Heidegger ascolta Salmo: quando il rap parla di scelta e di esistenza

Il rap, genere tanto versatile quanto crudo. Maurizio Pisciottu, in arte Salmo, lo sa bene. Col tempo il genere cambia veste e diventa sempre più di massa, ma cosa resta quindi dell’esprimersi del rapper? La storia del rap ci mostra vicende di vita underground che talvolta danno notorietà al cantante di turno. A volte il … Leggi tutto

Hitler può tornare? Capire il passato grazie a Nietzsche ed Heidegger

‘Lui è tornato’ è un film tedesco del 2015 che immagina il ritorno di Hitler nel nostro tempo. Al di là della finzione cinematografica, un tale personaggio può tornare? Parliamone. Uno dei capitoli più tragici della storia recente è sicuramente il periodo delle grandi guerre mondiali. L’uomo, per sua natura, deve metabolizzare, esorcizzare e talvolta … Leggi tutto

La tensione umana alla filosofia, dai mille perché dei bimbi alla meraviglia di Aristotele

Seguendo l’addentrarsi nel mondo dei bambini, possiamo immaginare il viaggio del sapere che l’uomo ha fatto dall’inizio della sua presenza sulla Terra. I bambini entrano nella vita e gli uomini, evolvendosi, sono entrati nel mondo, varcandone la soglia. Per tutti la domanda è una: “perché?”, l’architrave della ricerca filosofica è il principio da cui tutto … Leggi tutto

Heidegger e Bion interpretano paura e dolore in 50/50

Quando si ha la concreta percezione, a causa di un fatto o di un’esperienza, di poter morire, qualcosa scatta in noi. Volontà di vivere e istinto di sopravvivenza, paura, riflessione sul significato del dolore e della vita. 50/50 è un film del 2011 diretto da Jonathan Levine. Adam Lerner è un giornalista radiofonico ventisettenne che … Leggi tutto

Nell’epoca degli Hater, la dialettica può ancora farci crescere come esseri umani

Litigo dunque sono. Esisto nello spazio della discussione, dell’alterco e del confronto. Litigare appare sempre di più la dimensione quotidiana dell’uomo, l’unico modo per affrontare e comprendere le questioni più importanti. L’alterco infiamma però sfinisce: alla fine ci troviamo stanchi, insoddisfatti, meno fiduciosi. Incattiviti. Non abbiamo più il lusso di sceglierci gli interlocutori, dobbiamo imparare a … Leggi tutto

Domatore sbranato dalle tigri: la colpa dell’animale in Heidegger, Kant e Derrida

La vicenda Ettore Weber era impegnato in una sessione di addestramento, stava ultimando gli ultimi particolari in vista dell’imminente spettacolo. Un’attività che l’uomo di 61 anni, tra i più noti domatori italiani, ripeteva quotidianamente da anni. Ieri, però  qualcosa è andato storto. All’improvviso è stato attaccato dalle tigri. Prima una, poi le altre tre. Per … Leggi tutto

Prima del tramonto: la morte come mistero prevedibile. Da Micromort a Guccini

Siamo così sicuri del fatto che una vita rassicurante diminuisca le nostre probabilità di morire? Come reagire alla vita consapevoli dell’eventualità del suo atto finale?      Micromort: l’unità di misura che calcola la probabilità di morte Negli anni ’70 Ronald A. Howard, professore presso la Stanford University, mise a punto un’unità di rischio che … Leggi tutto

Dutch Nazari, proemio di una società moderna votata al nichilismo

Introduzione “Cantami, o Diva, del pelide Achille l’ira funesta che infiniti addusse dolore agli Achei”. Così recita il celeberrimo proemio della classica opera di Omero, un’epoca quella greca ricca di valori e imprese memorabili che hanno condizionato l’evoluzione artistica e culturale dell’intera umanità. Oggi però la domanda da porsi è: cosa resta di quella gloriosa civiltà nella … Leggi tutto