Ripercorriamo il cammino pedagogico di Giacomo Leopardi a 185 anni dalla sua morte

Giacomo Leopardi, il poeta-filosofo che descrisse l’infinito, ha messo le radici ad alcuni dei più importanti concetti pedagogici.   Pilastro della letteratura italiana e mondiale, Giacomo Leopardi ha composto liriche intrise di passione, vita e libertà. Incompreso e limitato al “pessimismo” appare sotto la superficie il suo disperato bisogno d’amore e contatto con la realtà … Leggi tutto

Le necessità della cura educativa spiegate da Pablo Picasso e Don Milani

Due personalità apparentemente antitetiche spiegano il concetto dell’amore e la cura.           

Pablo Picasso esprime nella sua opera “Maternidad” ciò che è il legame madre-figlio, così come Don Milani con la sua vita ha espresso il medesimo concetto dell’opera: Mi prendo cura di te, ti dono il mio ascolto, come solo l’amore materno può fare.

Apparentemente distanti, una personalità maggiormente legata al mondo Sacro e una al lato profano si intrecciano raccontando due modi di cura complementari.

 

La carezza infantile

La carezza sul viso, lo sguardo che si posa sull’immagine del suo bambino che ritrova appagato il suo struggente bisogno di tenerezza, porta a chi osserva il quadro, quella cura ormai sospesa nella tenera età dell’infanzia.

Picasso, con la sua mano, ferma per sempre quell’istante effimero, e lo porta a compimento tra l’unione dello stringersi al seno del bambino, e la devozione di una donna che, con appena un velo a coprirla, come un concedersi di anime, gli dona quel nutrimento in grado di tenerlo in vita.

Cosa starà pensando quella donna? Riuscirà per tutta la vita a dargli le cure delle quali il bambino necessita? E quali sono queste cure? 

 

 

L’ I-care come inno alla vita

Questo ce lo spiega Don Milani, la quale vita ha trovato espressione dagli anni ’20 del novecento, fino agli anni ’70, un periodo apparentemente moderno, caratterizzato però dalla noncuranza, dall’indifferenza, che si fermerà solo dopo la morte del Priore di Barbiana, con la rivoluzione del ’68, il quale manifesto per la rivoluzione scolastica è stato proprio il suo libro più famoso: “Lettera a una professoressa“.

Le sue opere sono state di rilievo in quanto fu una delle prime personalità appartenenti alla Chiesa a ribellarsi alle sue regole strette pur di aiutare gli ultimi, i dimenticati, ciò che la società, il sistema educativo e la Chiesa stavano lasciando “morire”.

Si è preso in carico l’analfabetismo delle persone che frequentavano la messa a San Donato Calenzano, ideando per loro una scuola serale con la lettura di quotidiani che potessero aumentare nelle persone il senso critico, e di conseguenza la capacità di pensiero.

La sua opera però di maggiore impatto, è stata quella di Barbiana: un paesino sperduto nelle campagne toscane nel quale appena arrivato Don Milani compie  un gesto simbolico e rivoluzionario: costruisce dal nulla e nel nulla la sua scuola popolare per giovani operai e contadini.

Nella scuola di Don Milani si studia dodici ore al giorno, 365 giorni all’anno, nessuno è ultimo, nessuno è “troppo poco preparato” o “troppo figlio del contadino”. 

Il motto della personalità del priore è: “I-care”, ovvero mi riguarda, mi sta a cuore, mi prendo cura.

Una cura che non è poi solo scolastica, ma umana, critica, come l’amore materno trasposto in una cura educativa che dura tutta la vita, ciò che si osserva anche in Pestalozzi nel suo amor pensoso.

 

Trasformare le parole in azioni

Questa necessità sempre più crescente d’amore e di cura trova luogo tra le parole di Don Milani e i tratti evocativi di Pablo Picasso.

Dunque, di cosa necessita una persona per sentirsi amata? 

Poche e semplici regole della pedagogia rendono la vita di tutti una vita più umanamente impegnata, che mira al richiamo dell’Icare:

  • L’ascolto attivo, interessato, mirato, assumendo che la ragione non sta solo da una parte, ma che esistono più punti di vista da sondare e comprendere per come una persona vive e vede la vita diversamente da un’altra.
  • L’effetto Pigmalione, che consente di riversare le proprie aspettative positive nei confronti della vita stessa, e delle persone delle quali ci si vuole prendere cura, notandone successivamente gli effetti positivi sulle medesime. 
  • Il contagio empatico, che consente di posarsi alla giusta distanza in modo da non mostrare nè invadenza, nè indifferenza, capace di accogliere il mondo dell’altro, ma di esserne lontani al punto giusto. 
  • La motivazione Intrinseca, quella che dev’essere trovata, lo scopo, la ragione di ognuno di noi che guida i nostri cuori.

 

Rievocando le parole di Pablo Picasso:

“Il senso della vita è quello di trovare il vostro dono, lo scopo della vita è quello di regalarlo”.

Maestre escludono un alunno per il regalo di Natale: analizziamo la vicenda e le conseguenze

Come può la scuola educare i bambini se gli insegnanti stessi peccano di educazione? Sta creando molta indignazione sui social network la notizia diffusa da molti giornali secondo cui un bambino di soli quattro anni sarebbe stato l’unico a non ricevere il regalo di Natale da parte delle inseganti perché “cattivo” o “troppo agitato“. La … Leggi tutto

La tensione umana alla filosofia, dai mille perché dei bimbi alla meraviglia di Aristotele

Seguendo l’addentrarsi nel mondo dei bambini, possiamo immaginare il viaggio del sapere che l’uomo ha fatto dall’inizio della sua presenza sulla Terra. I bambini entrano nella vita e gli uomini, evolvendosi, sono entrati nel mondo, varcandone la soglia. Per tutti la domanda è una: “perché?”, l’architrave della ricerca filosofica è il principio da cui tutto … Leggi tutto

I bambini e la tv: nemici-amici?

La televisione è vista da molti come il male in terra. Una scatola magica cattura menti e totalmente e completamente ipnotica. Un essere che se riesce a catturarti, non ti lascia più andare. Quello che è certo, è che passare una giornata a guardare la tv non sarà mai paragonabile allo spendere lo stesso tempo … Leggi tutto

Arrestato per aver svelato la verità su Babbo Natale: le regole per sopravvivere ai “traumi natalizi”

Non è verde, peloso e nemmeno accompagnato da un fedele complice a quattro zampe. Eppure, si è comportato esattamente come il Grinch del noto film natalizio, il trentunenne che poche ore fa è finito in manette per aver “spifferato” ad una folla di bambini che Babbo Natale non esiste. Il “tentativo di boicottare lo spirito … Leggi tutto

Alberto Angela e Rai: un unico amore per la cultura, spiegato dalla storia

Durante un’intervista al Corriere della Sera, il famoso ricercatore e divulgatore Alberto Angela ha dichiarato: ‘Quando mi è stato chiesto di trasferire Ulisse da Rai3 a Rai1 mi è sembrata una missione coraggiosa: non c’è tv pubblica ammiraglia in Europa che il sabato sera metta un programma culturale’. Inoltre, ha anche affermato che per lui … Leggi tutto

L’avanzamento scientifico e il relativismo nello scenario postmoderno

Breve definizione di Postmodernismo Il Postmodernismo è una corrente di pensiero filosofica del tardo XX secolo caratterizzata da spiccato scetticismo e relativismo, nonché da un acuto interesse per il ruolo dell’ideologia in quanto mantenitrice e assertrice di potere politico ed economico. Molte delle dottrine al giorno d’oggi associabili con il Postmodernismo possono essere genericamente accomunate … Leggi tutto

Harry Potter e la pedagogia della scuola, l’ermeneutica pedagogica di Albus Silente

Il personaggio di Harry Potter e le sue avventure hanno dato il via ad una vasta letteratura critica, nella quale non sono mancate sottolineature pedagogiche, come quella contenuta nel saggio di Michele Caputo La “pedagogia” della scuola nella saga di Harry Potter, nella raccolta Pop Education.  La ricchezza degli spunti pedagogici che il saggio di … Leggi tutto