Il Superuovo

“Il ritratto di Dorian Gray”: Oscar Wilde ha previsto l’ossessione moderna per la bellezza

“Il ritratto di Dorian Gray” è il libro più famoso del grande scrittore Oscar Wilde.

Un’immagine dello scrittore Oscar Wilde (Google)

Il romanzo continua ad essere un classico della letteratura affrontando temi molto moderni e contemporanei.

“Il ritratto di Dorian Gray”: il romanzo

Il libro è del 1890-1891. La trama è molto famosa.
Nella Londra Vittoriana del XIX secolo, un giovane borghese, Dorian Gray, fa del suo aspetto esteriore una vera e propria ragione di vita.
La sua ossessione comincia con un dipinto che lo ritrae nel pieno della sua bellezza, regalatogli dall’amico pittore Basil Hallward.
È però Lord Henry Wotton, conosciuto presso lo studio dell’amico, con i suoi lunghi discorso ad avvicinarlo ad una visione malsana di se stesso.
Dorian Gray diventa quindi ossessionato dal quadro che rimarrà per sempre belli mentre lui andrà inevitabilmente incontro alla vecchia e alla decadenza del suo florido aspetto.
Assalito dal panico, Dorian si spinge a firmare un “patto con il diavolo” grazie al quale lui preserverà per sempre la sua bellezza mentre il quadro invece invecchierà al posto suo.
Dopo una tormenta storia d’amore con Sybil Vane, Dorian, accortisi che il quadro assume espressioni ogni qual volta il protagonista commette qualcosa, come se fosse lo specchio della sua coscienza, chiede il quadro in soffitta e si dà ad una vita sregolata, convinto che sarà il quadro a soffrirne le conseguenze.
L’unico a sapere del quadro sarà Henry, ucciso da Dorian in preda ad un attacco di collera scaturita dalle critiche del pittore.
Di tanto in tanto, Dorian di reca in soffitta ad osservare quel quadro “maledetto” che poi squarcerà con lo stesso coltelli usato per uccidere Henry.
I servi troveranno Dorian trafitto dal coltelli, invecchiato e irriconoscibile, mentre il quadro, ai suoi piedi, è tornato a ritirarlo giovane e bello.

Un’immagine del film “Il ritratto di Dorian Gray” (Google)

Leggi tutto

La bellezza è il frutto di un’arte bugiarda: il pensiero di Frida e Tasso

La definizione di arte non si può canonizzare. Il testo de La Casa Azul di Marco Mengoni veicola fino a noi il messaggio di Frida Kahlo, non molto lontano da quello dello scrittore Torquato Tasso. Frida Kahlo, pittrice messicana, visse durante la prima meta del 1900. Torquato Tasso, autore italiano esistito nel periodo più maturo … Leggi tutto

Come l’Amore ci fa trovare la bellezza: ideale in Platone e collaterale in Collateral Beauty

È possibile trovare la bellezza nella vita anche in momenti atroci? I personaggi di Eros e Howard Inlet ne vanno alla ricerca  Howard Inlet, protagonista di Collateral Beauty, lotta con la depressione dopo la scomparsa della figlia, provando a riscoprire la bellezza della vita attraverso l’Amore, figura presentata da Platone come necessaria al raggiungimento della … Leggi tutto

Ravello: il paradiso terrestre che ha incantato Boccaccio, Woolf e Wagner

Incastonato nella roccia, sospeso a mezz’aria tra cielo e mare, dove l’uno si confonde nell’altro e non se ne può cogliere il confine, il piccolo paese di Ravello domina la costiera, spalancando i cancelli dell’infinito.   Uno scorcio di paradiso sulla terra “Città moresca, con torri e case di stile arabo, fabbricata di tufo nero, … Leggi tutto

Stop al body shaming: la storia insegna che la bellezza non ha canoni

Body shaming: che cos’è questa forma di bullismo e perché non ha motivo d’esistere. Lo so, a prima vista il titolo può sembrare una contraddizione. Chi di noi, d’altronde, non ha mai sentito parlare di canoni di bellezza? Gli ideali estetici su ciò che, se presente nel corpo, rende una persona bella esistono, dopotutto, fin … Leggi tutto

Il narcisismo patologico: da Games of Thrones a The Young Pope

Al mondo ci sono poche cose più nocive di un narcisista patologico, se non fosse che spesso, molto spesso, il narcisista è una persona affascinante, suadente, seducente. Fantasie di successo illimitato, potere, bellezza, costante bisogno di ammirazione rendono i narcisisti patologici oltre che poco simpatici anche approfittatori. Tutto gli è dovuto e la loro invidia … Leggi tutto

L’arte come rivincita: dall’antichità classica a Picasso e Kurt Cobain

L’arte come riscatto, denuncia e redenzione: dalla statuaria classica, come rappresentazione idealizzata del popolo greco, all’arte del ‘900 fino alla musica degli anni ’90 che, attraverso il rifiuto dei canoni artistici, rappresentano la deduncia delle atrocità di una società devastata o il riscatto della vita travagliata di un artista L’arte è, dalla prima apparizione dell’uomo … Leggi tutto

Nascondersi dietro l’opinione altrui: la spirale del silenzio sfidata dalla musica

‘Cercalo su Instagram!’, ‘E tu, cosa ne pensi?’, ‘No, io ho deciso di non espormi’…. Quante volte sentiamo (o pronunciamo) queste frasi? Potrebbe essere un fatto legato allo spirito di adattamento. L’uomo, desideroso per bisogno innato di sentirsi parte di qualcosa di più grande, continua a ricercare l’opinione dominante al fine di adattarsi ad essa. … Leggi tutto

Il bacio di Klimt è tra due uomini: a Carnevale sfilano amore e libertà

Al Carnevale di Putignano “Il Bacio” di Klimt è tra due uomini. Tra i tanti carri che hanno sfilato per le strade del paese in provincia di Bari, dove il Carnevale rappresenta tradizionalmente una ricorrenza molto sentita e sempre festeggiata al meglio, è spiccato quello del maestro Deni Bianco, pluricampione della manifestazione pugliese. Quella che … Leggi tutto