“Inception”: cosa ne penserebbe Freud? Una nuova interpretazione del concetto di Inconscio

L’Inconscio, descritto largamente in psicologia, viene affrontato in una nuova chiave di lettura nell’ambito del cinema in Inception. Sigmund Freud ha parlato largamente del concetto di Inconscio, il film Inception ne racconta alcune caratteristiche. Se Freud vedesse con i suoi occhi la pellicola, rimarrebbe sorpreso dalle differenze tra la sua interpretazione e quella del regista? … Leggi tutto

Il fascino del sogno intrappola i personaggi del film “Inception” e il poeta Leopardi

Sognare è evadere dalla realtà, distaccarsi da essa, liberarsi delle preoccupazioni e di ciò che non va. Sarebbe forse meglio vivere sempre in questa idillica dimensione parallela o è giusto che rimanga una tregua isolata nella faticosa vita quotidiana? Questo dilemma tra sogno e realtà, tra una felicità costruita e immaginata e la durezza delle … Leggi tutto

L’uomo è illusione, desiderio e paura: Inception, Ariosto e Tasso descrivono il subconscio

Nel proprio personale labirinto ognuno è sia Teseo che il Minotauro: se la mente inganna se stessa, come fidarsi del filo di Arianna? Il film Inception descrive un mondo popolato da onironauti capaci di manipolare il subconscio altrui. Il Castello di Atlante è un non-luogo fatto di assenze che prendono la forma dei desideri. La … Leggi tutto

Il tempo non esiste: l’idea di Agostino che troviamo nel film “Inception”

In “Inception” il tempo si allunga e si restringe come se non esistesse: è quello che dice anche Agostino.  Siamo dentro il mondo dei sogni: tutto è diverso, addirittura il tempo scorre in modo strano. Ma come è possibile? Ce lo spiega Agostino: il tempo esiste solo dentro di noi.  Il tempo non esiste Prova … Leggi tutto

Chi può salvarci dai nostri labirinti mentali se non noi stessi? Inception ed il mito d’Arianna

Che cosa hanno in comune un antico mito cretese con un film di Christopher Nolan? E’ possibile metterli a confronto? Ecco come dare nuova vita ad un antico racconto. Fin dall’antichità, il labirinto, un groviglio inestricabile di meandri, simboleggia il caos primordiale e costituisce il tentativo dell’uomo di imporgli un ordine: è dunque un viaggio … Leggi tutto

Il film Inception di Nolan spiegato da Sant’Agostino con il tempo come distensio animi

Il regista ha incentrato gran parte della sua cinematografia sul concetto di tempo, ma da chi può aver tratto ispirazione? “Una sola idea, molto semplice, che avrebbe cambiato tutto”. Che il suo finale non era reale. Stiamo ovviamente parlando di quello di Inception (2010), non già primo film a consegnare il regista Christopher Nolan alla … Leggi tutto

Inception e la trottola del dubbio: quando Cartesio non basta

Chiunque abbia visto almeno una volta Inception, non può essere rimasto indifferente di fronte al suo finale: quella trottola che continua a ruotare fino all’inizio dei titoli di coda ha tenuto tutti in apnea nei minuti successivi, oltre ad aver animato le discussioni al bar di migliaia di appassionati per i mesi seguenti (se non … Leggi tutto

Sogno o son desto? L’esperienza onirica e il dubbio amletico in Inception

L’uomo è un mistero che va risolto, dice Dostoevskij, in tutta la sua essenza e in tutte le sue molteplici sfaccettature, passando per i corridoi più profondi della psiche e approdando mai ad un punto d’arrivo definitivo. Può l’uomo conoscersi nella sua vera natura? Ha coscienza di chi è realmente? La curiosità che il fenomeno … Leggi tutto

La trottola di Inception: possiamo dimostrare l’esistenza di ciò che ci circonda?

La questione del Totem Strumento chiave nella missione, che Cobb (Leonardo Di Caprio) e il resto della squadra si trova incaricato a svolgere, è il cosiddetto Totem. Esso è un piccolo oggetto che, se si trova in un sogno è in grado di infrangere le regole della fisica e il cui reale peso ed equilibrio … Leggi tutto

La malleabilità dei ricordi: modificarli ed innestarli come in Inception

La vostra memoria non è così buona come probabilmente pensate. Ci affidiamo ai nostri ricordi non solo per condividere avvenimenti con gli amici o imparare dalle nostre esperienze passate; li usiamo anche per cose importanti come la creazione di un’identità individuale. Eppure, l’evidenza mostra che la nostra memoria non è così coerente come ci piacerebbe pensare. C’è di peggio: cambiamo spesso i fatti aggiungendo falsi particolari, senza accorgercene … Leggi tutto