Ecco 8 effetti dell’insonnia su mente e corpo

Non dormire abbastanza ha effetti devastanti sulla salute: mente e corpo soffrono e ne pagano le conseguenze. Il termine insonnia indica la difficoltà ad addormentarsi, la sensazione di non essere capaci di dormire o l’impossibilità di rimanere addormentati per tempi sufficientemente lunghi da potersi riposare. Tuttavia si può parlare di insonnia solo nei casi in…

Sindromi occidentali che non avrebbero senso in altri mondi e il relativismo culturale

Quanto incide la cultura di appartenenza nella psicologia? E’ sempre giusto analizzare un disturbo con i criteri del mondo occidentale? Il relativismo risponde a queste domande

Partendo dalla definizione di relativismo, storico e culturale, in questo articolo verrà analizzato come alcune condizioni hanno bisogno di un determinato contesto per essere comprese. Dall’anoressia alla meditazione buddista, dall’Amok alla Zar, il mondo è così culturalmente diversificato da richiedere infinite chiavi di lettura per essere compreso.

Relativismo: la psicologia dell’oggi e del dove

Il relativismo è una posizione filosofica. Si riferisce al fatto che ciò che è considerato normale o patologico differisce in base alla cultura e al tempo storico di appartenenza. Il relativismo storico fa riferimento ai cambiamenti nel tempo di alcune concezioni considerate patologiche in un tempo passato. Uno degli esempi più chiari è quello dell’omosessualità, classificata come un disturbo mentale fino al 1973. Il relativismo culturale, invece, si occupa di patologie strettamente legate alla cultura. Sia nel mondo orientale, sia in quello occidentale, possiamo elencare una serie di comportamenti atipici, o sindromi, riscontrate in specifiche parti del mondo. Alcune sindromi sono considerate perfettamente normali in un determinato contesto, ma in un altro sono ritenute patologiche. Tutto questo ci permette di capire il concetto fondamentale del relativismo culturale: ogni cultura ha una valenza in quanto tale, per questo la presenza di una diversità culturale non può essere considerata in termini di giusto o sbagliato, normale o patologico.

 

Relativismo nella cultura di massa

Secondo diversi autori l’anoressia può essere considerata una sindrome culturalmente determinata. L’anoressia, che si riferisce all’ autoprivazione del cibo, è diffusa per la maggior parte in uno specifico gruppo socioculturale: donne giovani, bianche e benestanti appartenenti alla società industrializzata occidentale. Inoltre, Thompson e colleghi hanno sottolineato come gli ideali di bellezza femminile, comunicati attraverso i diversi mass media siano cause dirette dell’anoressia. L’anoressia fa parte dei disturbi alimentari, ma ci sono anche altre classi di disturbi che vanno analizzate in base al contesto di riferimento. I monaci buddisti, ad esempio, presentano diversi criteri diagnostici del disturbo di personalità schizoide, un disturbo in cui il paziente presenta un pattern di distaccamento dalle relazioni sociali e ristretta gamma di espressioni emotive. Ovviamente non ci sogneremo mai di far seguire una psicoterapia a tutti i monaci buddisti del mondo solo per il loro credo religioso. La diagnosi del disturbo schizoide, quindi, risulta inappropriata se posta al di fuori del contesto culturale per cui è stata formulata.   Negli anni Cinquanta una tipica casalinga americana aveva le stesse caratteristiche che oggi vengono considerate sintomi di un disturbo dipendente di personalità. La donna si aspettava che fosse il marito a prendere le decisioni importanti per il nucleo familiare e non era mai in disaccordo con il marito stesso per paura di perdere il suo supporto. Di rappresentazioni del genere ne abbiamo molte nelle serie tv. Infatti, nella sitcom “Lasciatelo a Beaver”, June Cleaver era considerata il simbolo della madre e moglie ideale degli anni Cinquanta, dato che lo show era trasmesso in bianco e nero proprio negli anni dal 1957 al 1963. Ma la stessa donna oggi verrebbe considerata eccessivamente dipendente dal marito.

Sindromi culturali del Mondo Orientale

In letteratura sono descritte molte sindromi che non fanno parte del mondo occidentale. L’Amok, ad esempio, è stata riscontrata in MalaysiaIndonesia Nuova Guinea. Si tratta di un improvviso attacco omicida, dove il soggetto è pervaso da un profondo accesso d’ira, innescato da un affronto o un insulto e colpisce prevalentemente gli uomini. In Korea, invece, c’è la Sin-byung, una sindrome di ansia e disturbi fisici seguiti da uno stato di dissociazione e possessione di spiriti ancestrali. In alcune culture dell’Africa del Nord e del Medio Oriente è stata osservata un’esperienza, definita Zar, dove un individuo crede di essere posseduto da uno spirito che lo porta a gridare, ridere in modo incontrollato e sbattere la testa. Nella cultura occidentale un comportamento simile verrebbe considerato anormale, invece la Zar, nei luoghi dove si origina, non viene considerata patologica.

Lo strano rapporto tra analista e paziente nel transfert e nel controtransfert: A Dangerous Method

Jung e Sabina: metamorfosi di una relazione terapeutica in una pericolosa relazione amorosa. I concetti di transfert e controtransfert sono sempre stati oggetto di discussione nel mondo della psicoanalisi. David Cronenberg, mostra con maestria, l’importanza  della funzione del transfert e del controtransfert nella relazione terapeutica, narrando la controversa relazione tra la paziente Spielrein e il…

Quando l’ansia diventa patologica: ecco i 7 più diffusi disturbi d’ansia

La parola ansia, dal latino “angere” ossia “stringere”, comunica molto bene la sensazione di disagio, costrizione, imbarazzo e incertezza sul futuro, vissuta da chi soffre di uno dei disturbi legati al suo spettro. La paura è quell’emozione che si prova di fronte a una sensazione di minaccia reale (come ad esempio una minaccia alla persona)…

7 Tecniche di manipolazione psicologica: riconoscerle per imparare a difendersi

Non sempre chi ci sta vicino vuole il nostro bene. Colleghi di lavoro, parenti o amici possono mettere in atto delle vere e proprie tecniche di manipolazione psicologica per minare la nostra autostima. Esistono diversi tipi di persone che cercano di manipolarci, spesso spinti dalle proprie insicurezze o  dal bisogno di “nutrirsi” della confusione o dell’infelicità altrui,…

Einstein, Dalì e da Vinci: tre modi diversi dell’essere un genio

Non essere bravi in matematica non vuole dire essere meno intelligenti. Gardner sfata il concetto di intelligenza unica. Da sempre ci domandiamo perché alcune persone siano più brave in matematica di altre, altre capaci di diventare dei mostri sacri della musica e dell’arte, per non parlare di personalità come quella di Einstein, Dalì e da…

Narcisismo sano e patologico: Daenerys e Viserys sono due facce della stessa moneta?

Quando nasce un Targaryen gli dei lanciano una moneta. Cosa diventerà? Un folle o un grande re? Il narcisismo è solo patologico o è essenziale per la nostra sopravvivenza psicologica? Ne Il trono di spade che tipi di narcisista troviamo? Narcisismo sano e patologico Il narcisismo viene definito spesso come “La malattia del ventunesimo secolo”.…

Ecco i 6 tipi di mobbing e come riconoscerli: il “bullismo” nei luoghi di lavoro

Il mobbing consiste in violenze morali e psicologiche reiterate nel tempo, che limitano la qualità di vita del soggetto che le subisce. Il mobbing è per definizione un fenomeno di vessazioni sistematiche attuate deliberatamente da superiori, colleghi ed eccezionalmente subordinati nei confronti di uno o più lavoratori attraverso azioni ripetute che mirano ad emarginare, compromettere…

Evoluzione dei concetti di libertà, odio e confine nell’epoca del muro di Trump.

La nuova politica americana, portata avanti dai sostenitori di Trump, sta ridimensionando l’ideale storico di libertà degli USA. Con le recenti vicende legate alla presa di posiziona da parte dell’amministrazione Trump, in rapporto al fenomeno dell’immigrazione illegale di migliaia di messicani, che sfruttano la porosità del confine tra i due stati per raggiungere il sogno…

Conosci la Sindrome del Burnout? Ecco le 4 fasi che la caratterizzano

La sindrome del burnout fa riferimento ad una serie di fenomeni di affaticamento, logoramento ed improduttività registrati nei lavoratori impegnati in attività professionali a carattere sociale. Il burnout è l’esito patologico di un processo stressogeno che determina un logorio psicofisico ed emotivo. Interessa diversi professionisti impegnati quotidianamente e ripetutamente in attività che implicano relazioni interpersonali.…