fbpx
Perché facciamo del male agli altri? 8 ragioni alla base dell’aggressività

Ti è mai capitato di avere una reazione aggressiva inspiegabile? Se la risposta è sì, allora forse questo articolo può spiegarti il perché.

L’aggressività è un comportamento intenzionale volto a danneggiare una persona, un animale o una proprietà. Si tratta di un atto che può essere verbale o fisico e a volte siamo aggressivi senza nemmeno sapere il perché, arrivando a dire e fare cose che non sono da noi.
Escludendo la presenza di determinati disturbi mentali, cosa innesca un comportamento aggressivo?

Aggressività programmata dall’evoluzione

Immagina di svegliarti di notte di soprassalto. Hai sentito un rumore provenire dalla cucina e ti rendi conto che in casa è entrato un ladro. Come nel più classico dei film, tiri fuori una mazza da baseball da sotto il letto e ti dirigi furtivamente in cucina, deciso/a a prendere a mazzate chiunque si sia introdotto nella tua abitazione.
Tale comportamento aggressivo permette di difendere il proprio territorio e in questo non siamo molto diversi da due gatti che si azzuffano. In un certo senso, siamo geneticamente programmati per diventare aggressivi in situazioni che minacciano il nostro benessere e quello dei nostri cari.
Il nostro comportamento viene influenzato anche da ormoni come il testosterone.  É presente (sfatiamo un mito) sia nelle donne che negli uomini e può rendere più difficile il controllo degli impulsi, tra cui l’aggressività.

Il ruolo della cultura

Come reagiresti se scoprissi che una conoscente è stata aggredita e uccisa dal marito perché lo tradiva? Secondo la nostra cultura, un evento del genere dovrebbe sconvolgere. Ma in altri Paesi una notizia simile verrebbe accolta con indifferenza e, anzi, considerata una conseguenza legittima a un tradimento coniugale. Evidentemente in questi Paesi esiste ancora la cultura dell’onore, che si contrappone alle culture basate sui diritti umani e che spinge le persone offese a farsi giustizia da sole, anche attraverso soluzioni estreme.

Imparare dagli altri

Un classico tra gli esperimenti sull’imitazione dei comportamenti aggressivi è quello condotto da Bandura.
Alcuni bambini dovevano osservare un adulto che si mostrava aggressivo con una bambola e, successivamente, erano liberi di giocare nella stessa stanza. Bandura si è accorto che quasi tutti imitavano il modello adulto, mostrandosi aggressivi con la bambola. Per saperne di più: https://www.ilsuperuovo.it/i-5-esperimenti-psicologici-piu-famosi-ed-eticamente-scorretti-della-storia/
Traducendo l’esperimento nella vita reale adulta, tendiamo ad imitare il comportamento di una persona che per noi è un modello, anche se tendenzialmente è aggressiva.

L’esperimento di Bandura (Fonte: man-woman-life.com)

 

L’effetto dell’alcol

Non c’è bisogno di dire che l’alcol rende meno inibiti e meno ansiosi. Forse però non tutti sanno che per alcuni versi l’alcol agisce in modo simile al testosterone: entrambi infatti possono ridurre l’attività della corteccia orbitofrontale, che controlla i comportamenti impulsivi. E così, se abbiamo bevuto un po’ troppo, potremmo non capire che un gesto di sfida di un amico nei nostri confronti era solo uno scherzo e potremmo reagire con rabbia.

Dolore e malessere

Nel 1983 il ricercatore Berkowitz fece una richiesta strana a un gruppo di studenti che avevano deciso di partecipare al suo esperimento: dovevano tenere una mano nell’acqua gelata mentre giudicavano un loro collega. A differenza del gruppo che aveva tenuto la mano nell’acqua tiepida, chi aveva tenuto la mano nell’acqua gelata mostrò atteggiamenti più aggressivi.
La spiegazione è semplice: l’acqua gelata provoca dolore, il quale innesca una reazione aggressiva di difesa. Anche altre situazioni di disagio come le elevate temperature, l’umidità, forti rumori e odori rendono le persone più nervose e aggressive.

 

 

La frustrazione

É la fine di luglio e hai prenotato la vacanza perfetta già da mesi, manca solo una settimana alla partenza. Peccato che nello Stato in cui dovresti andare il numero di contagi da Covid-19 si è impennato ed è altamente sconsigliata la partenza. E così bisogna annullare tutto, anche se mancavano solo pochi giorni. A questo punto non rimane che la frustrazione, chi avrebbe mai immaginato che il numero dei contagi sarebbe risalito così in fretta?
L’aggressività è direttamente collegata alla frustrazione: più si è vicini allo scopo (la vacanza), maggiore sarà l’aggressività se ci è impedito di raggiungerlo. Inoltre, la rabbia è più forte nel caso in cui il fallimento è inaspettato.

La provocazione

Un altro (classico) motivo dell’aggressività è il fatto di essere provocati. La provocazione fa arrabbiare e spinge d’impulso alla reazione aggressiva, per restituire al provocatore il disagio causato. Ma, se si ha la sensazione di essere stati provocati involontariamente, una buona parte di noi ci passerà sopra.

L'”effetto arma”

Berkowitz, il ricercatore della mano nell’acqua gelata, ha scoperto l’effetto arma: la semplice presenza di un oggetto che in genere è associato all’aggressività rende più probabili comportamenti aggressivi. L’effetto di questi oggetti aggressivi è particolarmente forte quando siamo già arrabbiati o frustrati, sentimenti che ci possono spingere ad agire d’impulso.

1 thought on “Perché facciamo del male agli altri? 8 ragioni alla base dell’aggressività

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: