Scandalo Sanremo: la gaffe di Amadeus dimostra che non sappiamo ancora cogliere l’eidos aristotelico

Il festival di Sanremo inizia con il piede sbagliato di una società che coglie solo il materialismo, cosa direbbe Aristotele?

Amadeus con le donne protagoniste di Sanremo 2020

L’ennesimo scandalo sessista inaugura il 2020 nelle televisioni italiane e sui social. Amadeus, il conduttore del festival di Sanremo, durante una conferenza stampa con le sue vallette ed i produttori del programma dichiara di aver scelto una delle sue assistenti solo per quanta riguarda la bellezza e la capacità di stare un passo indietro a un grande uomo. Ciò ha causato enormi polemiche in rete dove subito si dimostra che nonostante le numerose battaglie in passato per la parità dei sessi sembrano essere state vane se la considerazione della donna per l’uomo è ancora ai livelli esclusivamente estetici e di inferiorità rispetto l’uomo.

La dichiarazione e le sue conseguenze

Tutto lo scandalo che ha riempito le reti italiane in questi ultimi giorni è scaturito nel corso della conferenza stampa del 14 gennaio, che aveva annunciato la presenza di Francesca Sofia Novello, modella e fidanzata del pilota di MotoGP Valentino Rossi. Ma a far infuriare l’opinione pubblica non è tanto la scelta di questa ragazza sconosciuta ai più, bensì le dichiarazioni rilasciate dal conduttore Amadeus riguardo la scelta della sua assistente, in quanto egli sostiene di “averla scelta per la bellezza ma anche per la capacità di stare accanto a un grande uomo, stando un passo indietro.” Queste sono parole infiammate che oltre a evidenziare l’ipocrisia e la superficialità della rete nazionale italiana, dipingendoci così agli occhi del pubblico internazionale un paese ancora retrogrado e ben lungi dal ritenere uomo e donna sullo stesso piano. Il problema tuttavia non si riflette solo esteriormente ma anche interiormente, nel nostro Paese, dove molte ragazze, soprattutto adolescenti, si ritrovano a disagio e incompatibili con la realtà attuale, che le mette in evidenza solo come oggetto, e quindi farebbe cadere la tesi della parità dei sessi e possibilmente incrementare il fattore “violenza sulle donne”, cadendo nuovamente in un “buio Medioevo”. Nonostante ciò nel programma Rai sono presenti come co-presentatrici anche donne di gran rilievo che con sudore e fatica si sono costruite un proprio prestigio nelle loro rispettive professioni: Chiara Ferragni, nota imprenditrice digitale del brand Blonde Salad, e Rula Jebreal, giornalista di fama internazionale.

Il pensiero di Aristotele

Aristotele (Stagira, 384/383 a.C.- Calcide, 322 a.C.)

Aristotele, il filosofo di Stagira (Grecia), riguardo la situazione attuale rilascerebbe aspre critiche, basate sul suo sistema metafisico. Ma prima di esporre la critica dello stagirita bisogna fare un’ulteriore precisazione storica: Aristotele, così come Platone e Socrate, riteneva che a livello gerarchico la donna fosse inferiore all’uomo, ma questa ignoranza da parte dei filosofi greci deriva dalla mentalità storica ellenica, dove la donna non aveva libertà politiche e quindi aveva come suo unico dovere accudire la casa e i figli. Nonostante ciò se si fosse trovato a vivere nella nostra attuale epoca Aristotele avrebbe difeso l’immagine della donna uguale a quella dell’uomo, in quanto egli non era misogino, rispettava la figura della donna e la riteneva fondamentale nella società, anche se nel mondo ellenico era considerata inferiore all’uomo. Ma riguardo alle affermazioni di Amadeus lo stagirita potrebbe rispondere avvalendosi del metafisico eidos, la forma, quindi l’atto, ciò che è nella sua essenza. Infatti Aristotele aveva formulato una teoria secondo cui la sostanza, ousìa, fosse insieme di materia e forma, il cosiddetto sinolo, che è potenza (corpo) e atto (anima) nello stesso essere. Di conseguenza il compito del nostro intelletto sarà cogliere la forma pura, l’essenza di qualcosa, per questo Aristotele anche per quanto riguarda l’amicizia definisce vera quello dove si ama la persona per quello che è, e non per quello che ha. Tutto ciò fa capire quanto fosse importante per lo stagirita cogliere la forma anche tra le relazioni umane e non fermarsi solo all’apparenza materiale.

Amadeus è vittima o colpevole?

Amadeus (Amedeo Sebastiani), presentatore di Sanremo 2020

In merito alle dichiarazioni rilasciate da Amadeus si deve prima di tutto comprendere quanto nella globalizzata società odierna possa pesare ogni singola parola detta, in quanto c’è allo stesso tempo molta informazione e anche molta disinformazione, in quanto le parole possono essere fraintese dai media molte volte. Tuttavia si deve ammettere che il presentatore Rai è in parte vittima della società televisiva odierna in quanto in molti programmi il ruolo della donna è soprattutto quello di “ornamento estetico” della trasmissione, nonostante ciò nessuno obbliga le donne che svolgono questo lavoro a mettere in mostra la loro bellezza, loro stesse ne sono consapevoli e d’accordo, per questo la fidanzata di Valentino Rossi non ha espresso lamentele verso le dichiarazioni del conduttore. E’ sicuramente più preoccupante pensare il caso inverso, dove se fosse stata messa in risalto la bellezza di un uomo al posto del suo ruolo razionale nessuno avrebbe esposto critiche. Infatti la parità dei sessi vale per entrambe le parti, sia per l’uomo sia per la donna, altrimenti non si chiamerebbe parità.

 

 

1 thought on “Scandalo Sanremo: la gaffe di Amadeus dimostra che non sappiamo ancora cogliere l’eidos aristotelico

  1. Per favore, basta con questo festival che porta soltanto cose negative. Dove sono finiti i veri cantanti, compositori e musicisti ? Porta soltanto polemiche e cattivi esempi.
    Chiudetelo.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: