Gli scienziati forensi e i criminologi necessitano di avere a disposizione del materiale genetico per cercare di identificare un sospettato o l’artefice di un delitto nonché una vittima senza ricorrere ai fantascientifici database americani di riconoscimento facciale computerizzato.
La polizia scientifica, spesso sulla scena del delitto, raccoglie delle tracce biologiche (evidences) da cui sarebbe possibile estrarre il DNA della persona interessata.

crimine
Il sangue è probabilmente la traccia biologica più comune nelle indagini scientifiche forensi. Esso può essere utilizzato come prova biologica al fine di risalire all’identità dell’assassino e/o della vittima.

Ad esempio, sui naselli di un paio d’occhiali da vista è possibile estrarre il DNA da tracce di liquido lacrimale così come da una sigaretta o da una bottiglia distrattamente gettata in un cestino è possibile estrapolare gli acidi nucleici presenti nella saliva.

In relazione a quest’ultimo caso basterebbe in linea teorica isolare la secrezione salivare ed estrarre il DNA con un protocollo laboratoriale che prevede la lisi delle cellule, la separazione per centrifuga degli acidi nucleici e la precipitazione selettiva in solventi organici (e inorganici).

Lavorare con le tracce biologiche: amplificazione del materiale genetico

Il problema principale che la criminologia deve affrontare è lavorare con del materiale genetico esiguo. Per tale motivo spesso si rende necessario aumentare rapidamente la quantità di DNA da analizzare.
Una prima procedura sperimentale è rappresentata dai vettori di clonaggio. Un vettore di clonaggio è una molecola di DNA in cui può essere inserito un frammento polinucleotidico esogeno per formare una molecola di DNA ricombinante per i successivi processi di clonaggio (un esempio sono i plasmidi batterici). Il frammento da amplificare è inserito in una molecola preesistente di DNA batterico e si sfrutta l’apparato biosintetico cellulare al fine di duplicare il materiale genetico di nostro interesse.

plasmide
I batteri possiedono delle molecole di DNA circolari addizionali dette plasmidi. Essi sono utilizzati nell’ingegneria genetica al fine di introdurre geni esogeni da replicare od esprimere a seconda che stiamo utilizzando vettori di clonaggio o di espressione.

La reazione di polimerizzazione a catena è un processo molto più rapido che produce un numero estremamente ampio di copie di una specifica sequenza senza il bisogno di clonare la sequenza in un organismo ospite.
Attraverso cicli di una serie di passaggi che comportano l’uso di Taq polimerasi, il frammento di DNA viene amplificato per milioni di volte. Le sostanze finali sono separate per elettroforesi.

Il DNA fingerprinting

Tra le classiche procedure scientifiche in ambito forense troviamo l’analisi del DNA fingerprinting. Gli scienziati utilizzano tecniche molecolari come la PCR per analizzare variazioni in determinati loci del genoma.
Ciascun locus è un esempio di breve sequenza ripetuta in tandem e l’analisi di molteplici stringhe permette di discriminare tra DNA di individui diversi.
Il DNA fingerprint è utilizzato di routine per identificare criminali o escludere dal sospetto persone innocenti in procedimenti legali.

fingerprinting
Comparazione del DNA fingerprinting rinvenuto sulla scena di un crimine con quello di 3 sospettati. Chi è stato il colpevole?

Il caso O.J. Simpson: il sangue non mente

Il caso del duplice omicidio di Ronald Lyle Goldman e Nicole Brown Simpson portarono il noto giocatore di football americano O.J. Simpson davanti alla corte penale dello Stato della California. Il processo, tenutosi nel 1995, assolse lo sportivo dai pesanti capi di imputazione.
Nonostante tale verdetto le tracce biologiche prelevate dalla scena del delitto (guanti insanguinatimacchie di sangue sparse sui cadaveri) coincidevano perfettamente con il DNA di Simpson. I test non vennero eseguiti soltanto dal laboratorio di criminologia della polizia ma anche da due laboratori indipendenti assunti dalla difesa.
Tuttavia, dopo numerosi giorni di accuse contro i metodi attraverso i quali il materiale genetico fosse stato raccolto e manipolato, la difesa concluse che i campioni erano compromessi ed ormai inutilizzabili da parte della polizia come prova.
L’evidenza portata dai campioni genetici tuttavia resta ancora un mistero, soprattutto in un processo penale così recente e famoso in tutto il mondo.

oj simpson
Poster di OJ Simpson quando giocava ancora a football.

Roberto Parisi

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.