La percezione del reale e dell’irreale secondo Auerbach è in Stranger Things?

Una analisi dei temi narrativi di Stranger Things attraverso Mimesis, il capolavoro della critica letteraria di Auerbach.

Tra i padri della critica letteraria contemporanea troviamo certamente Erich Auerbach. Egli, nel suo saggio più fortunato “Mimesis: Il realismo nella cultura occidentale” del 1946, analizza come la letteratura si rapporti ai mutamenti della percezione della realtà da parte degli uomini.

L’edizione Einaudi del volume

Mimesis: una storia della letteratura mondiale

Il testo parte dall’Odiessea e dal Libro della Genesi per arrivare fino a Virgina Woolf e Marcel Proust, passando per Alighieri e Cervantes.

L’autore ci illustra come, nel passaggio dall’età classica al Medioevo si sia andata sempre più ad affermare la “retorica degli stili” ovvero la classificazione rigida e apriroistica di un genere letterario. Lungo tutto il Medioevo è una priorità di ogni autore incasellare il proprio elaborato in un determinato stile: umile o sublime, comico o tragico, fantastico o realistico.

Posto questo è necessario però fare due osservazioni:

– In epoche diverse esiste una diversa propensione alla schematizzazione degli stili e una diversa propensione alla sperimentazione.

– La percezione del reale e del fantastico varia con le epoche.

Riguardo la percezione del reale è molto celebre il capitolo di Mimesis in cui Auerbach analizza il Canto X della Divina Commedia dove Dante dialoga con Cavalcante e con Farinata degli Uberti, e dove, sottolinea l’autore, le parole dei due dannati vanno interpretate come reali a prescindere dal quadro di finzione letteraria in cui sono inserite. Questo perchè, lungo tutta l’epoca medievale, era necessaria una corrispondenza tra quanto presente nelle scritture e la singola fattispecie che, attraverso le scritture, si voleva interpretare, e questo mood si conserva in tutto l’ambito letterario, anche in una situazione ferocemente politica come quella presentataci nel Canto X.

Illustrazione del Canto X

Dopo il Medioevo

L’età medievale è un epoca molto propensa alla retorica degli stili, poco avvezza alla sperimentazione, e con un senso della realtà molto rigido, rigidità data dall’escatologia e dalla morale cristiana.

L’età moderna ha una forte percezione di ciò che è reale e di ciò che non lo è (del resto è l’epoca della rivoluzione scientifica), ma anche una forte propensione alla sperimentazione e al mescolare i generi.

L’età contemporanea è difficile da analizzare, i valori dell’età moderna sono tramontati e la civiltà umana non è ancora riuscita ad elaborarne di nuovi. La forte propensione alla sperimentazione esplosa con le avanguardie storiche sembra essersi oggi arenata. Con le nuove scoperte scientifiche, ciò che fino a poco tempo fa avremmo definito fantascienza, oggi è vicino più che mai e questo non può che destabilizzare il nostro rapporto con la realtà.

La letteratura naturalmente non è immune da queste contraddizioni, e quindi le narrazioni a cui siamo sottoposti oggi sono colme di scambi tra il reale e il fantastico.

Strangher Things

Un perfetto esempio di ciò è Stranger Things, serie Netflix della quale proprio in questi giorni è uscita la terza stagione.

Stranger Things
Frame preso dalla terza stagione

Come si rapportano tra loro realtà e fantasia all’interno dell’intreccio? Proprio a differenza del Canto X della Divina Commedia possiamo notare una forte cesura tra ciò che è reale e ciò che non lo è, l’irreale per essere credibile ha bisogno di elementi del reale: “Should I stay or should I go” non sembra la perfetta musica da mondo magico, e in effetti non parliamo di un mondo magico, il “Sottosopra” non è un mondo con consistenza ontologica propria, parliamo di un mondo sì diverso (a tratti opposto al nostro), ma pur sempre una dimensione alternativa più che propriamente differente nell’essenza. Undici, nonostante i suoi poteri, non sembra tanto una persona irreale quanto l’opposto di una persona reale: non ha i capelli (la tradizione occidentale vuole la donna con una folta chioma) e non parla (la tradizione occidentale è basata sul logos).

Il vero paradosso è che nella letteratura medievale, malgrado i mondi fantastici abbiano dei propri caratteri, i personaggi reali sembrano trovarsi bene al loro interno, nella letteratura contemporanea invece, a dispetto di un mondo fantastico costruito con gli stessi materiali del mondo reale, i personaggi reali non sembrano starci bene, forse per questo il mondo irreale ci viene mostrato poco.

Fabio Cirillo

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.