La Casa di Carta: la forte influenza di Locke nella politica dei criminali

La Casa di Carta dimostra di essere una serie fortemente promotrice dei valori liberali teorizzati da Locke.

La casa di carta è una serie televisiva spagnola ideata da Álex Pina. La trama si basa sulla conquista della zecca di stato spagnola e nello stampare due miliardi e quattrocento milioni di euro, tuttavia la storia si sviluppa parallelamente su due binari, da una parte attraverso un flashback si racconta della pianificazione della rapina da parte del “professore”, mentre “sull’altro binario” si mostra la rapina e come questa si evolve.

I rapinatori liberali

La banda composta da otto membri (per le prime due stagioni) ruota attorno al professore, vero cervello del gruppo che rimane all’esterno della zecca con il compito di negoziare con la polizia. All’interno della zecca i rapinatori vivono in una specie di “microcosmo” indipendente ed isolato dal mondo esterno. In questo “mondo alternativo” si crea di conseguenza anche una nuova società, in cui i lavoratori della zecca diventano ostaggi e schiavi della banda e quest’ultima prende il potere. Inizialmente seppur il capo della missione è Berlino si ha una forma di governo (tra i rapinatori e non tra rapinatori-ostaggi)  democratica, infatti più volte viene chiesto ai membri della banda di votare per una certa decisione e Berlino (sempre e solo all’inizio) ha lo stesso potere dei suoi compagni di rapina.Inoltre ad ognuno di loro, in base alle proprie caratteristiche è affidato un compito. Ciò segue evidentemente uno dei concetti cardini del Liberalismo ovvero: la separazione dei poteri.

“Bella Ciao” e la resistenza al potere

Oltre a questo tutta la politica che si respira all’interno della zecca è fortemente liberale, in primo luogo poiché le azioni dei rapinatori sono motivate dal – diritto alla resistenza al potere- di Locke, considerato il fondatore del liberalismo. Infatti la banda si presenta come la resistenza (emblematica è la ripresa della canzone Bella Ciao) contro la “tirannide” dello Stato nei confronti della popolazione, infatti come dice il Professore: “Nel 2011 la Banca centrale europea ha creato dal nulla 171 mila milioni di euro; dal nulla, proprio come stiamo facendo noi.(…) Sai dove sono finiti tutti quei soldi? Alle banche! Direttamente dalla zecca ai più ricchi. Qualcuno ha detto che la Bce è una ladra? Iniezione di liquidità l’hanno chiamata.”

Banda del professore mentre canta Bella Ciao

Degenerazione del Liberalismo nella serie

Tuttavia nella serie, col passare del tempo, la forma di governo si evolve da una democrazia liberale a una dittatura ( prima col patriarcato di Berlino e successivamente col matriarcato di Nairobi), cosi’ facendo, si sfocia proprio in quello che i liberali vogliono evitare ovvero l’avvento di un dittatore. Tuttavia già Locke, aveva pensato anche a questa possibilità, infatti per filosofo ci deve essere un’autorità superiore agli individui ( in questo caso ai rapinatori), che sarebbe lo Stato, a cui è affidato il compito di “arbitro” nelle contese per evitare che ognuno provveda a farsi giustizia privata come “giudice nella propria causa”, che è proprio ciò che succederà nella serie in assenza di un potere esterno ed imparziale.

 

 

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.