Una tra i primi personaggi a cui si pensa se si tratta la nota serie televisiva How I Met Your Mother risulta nientemeno che Barney Stinson. Il distinto ed eccentrico biondino, interpretato dall’attore Neil Patrick Harris, rappresenta forse la figura più apprezzata dall’intero pubblico della sitcom. Ciò deriva ambo dalla sua storia – ricca di colpi di scena e svolte particolarmente intriganti – e dall’intrinseca simpatia che lo contraddistingue. Un’accezione fondamentale nel soggetto di Stinson, se lo si considera nella propria interezza, concerne il burrascoso rapporto con il genere femminile. Barney giunge persino alla stesura del Playbook, un manuale che racchiude alcune tra le tecniche di seduzione più stravaganti mai escogitate. Il rimando all’Ars amatoria di stampo ovidiano pare lecito. In entrambe le circostanze, è la seduzione intesa alla stregua d’un’arte a rappresentare il punto chiave dell’opera. L’atto sessuale in sé, in tal senso, concerne unicamente una mera – e piacevole – conseguenza.

Il rapporto con le donne: “un’arte” della messinscena

“Hey donne, Chiamate Barney Stinson”

Barney, all’interno della maggior parte degli episodi e delle stagioni, palesa una considerazione notevolmente bassa riguardo il genere femminile. Ciò deriva – come si scoprirà in seguito – dalla delusione amorosa sofferta a causa della sua prima partner, Shannon. Egli pare possedere una letterale ossessione verso la seduzione, tentando costantemente d’ingannare la controparte al mero scopo di finirci a letto. Tuttavia, il metodo Stinson non si ferma qui. Il personaggio, infatti, si prefigge una serie di traguardi non tanto volti all’atto del sesso in sé, quanto al modo in cui tale conclusione viene raggiunta. In altri termini, questi non sembra semplicemente focalizzarsi sul conseguimento dell’amplesso fisico, ma altresì sulla messinscena orchestrata al fine d’ingannare la “bambola”. Le strategie adottate dal biondino in giacca e cravatta vengono racchiuse in un Manuale di Rimorchio, il Playbook, il quale, durante la serie, subisce un costante processo d’aggiornamento e modifica.

Il Playbook: dai trucchi più semplici… 

“Il Playbook. Indossa il completo. Conquista le pollastre. Sii fantastico.”

Il Playbook – apparso per la prima volta agli albori della quinta stagione ed indicato come Il Manuale – risulta un ingente libro nero in cui Barney raccoglie ogni truffa ed inganno propinato alle sfortunate vittime. Nella summenzionata puntata, lo stesso Stinson espone alcuni tra i trucchi che hanno riscontrato maggior successo. Mentre talune regole paiono più complesse, altre si rivelano decisamente più semplici ed attuabili, così come dimostrato dalle seguenti:

Il Non berlo: fermare una ragazza intenta a sorseggiare il proprio drink, affermando d’aver visto qualcuno porci qualcosa all’interno. Dopo aver indicato il presunto colpevole – spesso il compare Ted – la donzella si dimostrerà propensa ad offrire al suo “salvatore” tutta la personale riconoscenza.

Il Mrs Stinsfire: travestirsi da anziana e divenire la governante d’una confraternita di giovani universitarie. Si tratta d’un chiaro riferimento al film Mrs Doubtfire.

Il Lui non verrà mai: portarsi al di sopra d’una terrazza panoramica, ove le coppie sono solite incontrarsi per appuntamenti romantici. Ripetere ad ogni ragazza la frase “tanto lui non verrà mai”, sino a quando non si incontra una giovane che realmente sta attendendo il partner in questione.

… alle strategie più bieche ed organizzate

Altre messinscene, al contrario delle precedenti, rasentano la sociopatia, proponendo una strategia di notevole rilievo teatrale. Due tra queste sono:

Il Lorenzo Von Matterhorn: è necessaria una conoscenza base di web design, così come d’un nome inventato assolutamente unico. La prima fase consiste nel creare una serie di siti falsi che illustrino, in ogni dettaglio, la mirabolante vita di tale personaggio – il quale possiede il volto dell’autore dello scherzo ed il nome pocanzi inventato. In secondo luogo, si proceda avvicinando una donna dotata di cellulare, atteggiandosi a divo e ripetendo con costanza il proprio nome, suscitandole curiosità. Questa, cercando su internet, ritroverà la miriade di siti falsi creati in precedenza.

Il Sommozzatore: articolare il trucco secondo le seguenti fasi: 1) mostrare il Manuale ad un’amica impicciona. 2) Portare a letto una sua collega, in modo tale che si arrabbi e ve lo rubi. 3) Indossare una muta da sub, annunciando la messa in scena del Sommozzatore ai danni d’una ragazza presente al bar. 4) Attendere che l’amica impicciona le racconti la storia, suscitandole curiosità riguardo cosa realmente concerna il trucco del Sommozzatore. 5) Alla domanda delle due, rispondere falsamente affermando di passare un periodo triste, caratterizzato da una tremenda solitudine a causa della recente relazione terminata. L’amica, toccata nel profondo, parlerà bene di voi alla ragazza-obbiettivo, la quale… beh, è possibile immaginarlo.

L’Ars amatoria di Ovidio: inganno e simulazione

All’interno dell’Ars amatoria, divisa in tre libri, il poeta latino Ovidio offre agli uomini strategie di conquista da attuare nei confronti delle donne. Viceversa, egli tratta altresì la tematica in senso opposto, donando alle donne consigli su come attrarre il proprio amante. Secondo Ovidio, è necessario godere degli aspetti positivi del rapporto tralasciando ogni forma di sofferenza. Le tattiche illustrate si prefiggono, per l’appunto, proprio un simile scopo. Esse vengono esposte con rigore scientifico, ricordando i trattati tecnici e giuridici – lo stesso titolo consta d’un rimando all’Ars rethorica. Sebbene il poeta assicuri la valenza universale di tali strategie, applicabili, cioè, su ogni fanciulla, è egli stesso a sottolineare quanto l’amore non si possa identificare in una scienza esatta. Ogni donna, dunque, deve essere conquistata attraverso la messa in atto d’una metodologia a sé stante, in quanto vive in contesti differenti e possiede diverse abitudini.

La pagina finale del Playbook, “Robin, il pettirosso”, racchiude la conclusione concettuale del Manuale stesso, ovverosia l’ultima tattica escogitata da Stinson, mediante la quale egli tenta di dichiarare a Robin, donna che ama, i propri sentimenti

I punti chiave di conquista e mantenimento del rapporto si rivelano principalmente due: l’inganno e la simulazione. In tal senso, il poeta latino suggerisce di simulare un’accondiscendenza ad ogni richiesta della “preda”, così da farle credere d’essere un amante fedele e prodigo. L’amore, in ottica ovidiana, viene considerato una guerra spietata e senza regole, in cui il fine giustifica i mezzi, ambo onesti e sleali. L’amante non deve mostrarsi debole, poiché è fondamentale che non divenga uno schiavo d’amore. Tuttalpiù è questi a dover rendere l’altro tale. Secondo il summenzionato principio, il rapporto con il Manuale di Barney Stinson appare più che mai consono. Del resto, lo stesso biondino si rende portavoce ed attuatore di messinscene al di fuori dell’ordinario. Ad onor del vero, affermare che il fine giustifica i mezzi, in tal caso, pare persino riduttivo.

Caratteristiche comuni e contrastanti: abbandonare o mantenere?

Il tratto comune tra le due opere – che concerne altresì la loro più marcata differenza – riguarda lo scopo che si prefiggono. Entrambe, come detto in principio, intravedono nella seduzione una vera e propria arte, la quale conduce alla consumazione dell’atto sessuale. Tuttavia, mentre il lavoro del personaggio di How I Met Your Mother si limita a ciò, quello di stampo ovidiano fornisce una base strategica altresì per la stessa vita di coppia – e dunque in virtù d’un proseguimento della relazione. Il Playbook conduce alla seduzione, al rapporto sessuale ed infine all’abbandono, al contrario dell’Ars amatoria, che suggerisce un metodo atto al mantenimento. In entrambe, nonostante tutto, sussiste un alone di sentimento, seppur lieve. Così come Ovidio prende atto della soggettività che riguarda l’amore, Barney conclude il Manuale mediante la stesura di The Robin, l’ultima messinscena attuata al mero fine di dichiarare alla donna tutto il proprio amore.

 – Simone Massenz

 

Lascia che Ovidio ti dia due dritte qui (affiliate link)

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.