Il Superuovo

“Giulia” dei Pinguini tattici nucleari e Paolo e Francesca ci spiegano cosa sia il tradimento

“Giulia” dei Pinguini tattici nucleari e Paolo e Francesca ci spiegano cosa sia il tradimento

Il tradimento è sempre ingiustificabile? Scopriamolo con Giulia e il V canto dell’Inferno.

 

Parlare di tradimento fa storcere sempre il naso a qualcuno, giustificarlo poi lo fa sicuramente indignare. Ma siamo sicuri che sia sempre un atto ingiustificabile?


Il tradimento

 

Tradimento: l’atto e il fatto di venire meno a un dovere o a un impegno morale o giuridico di fedeltà e di lealtà; venir meno a un patto è, insomma, la colpa di chi tradisce, è un dato di fatto: non importano le ragioni, non importano le conseguenze, è una colpa. 

Ma se non fosse sempre così? Possiamo davvero gestire i rapporti come se fossero un contratto di lavoro?

La letteratura non fa che insegnarci che se è vero, com’è vero, che dal momento in cui si tradisce qualcuno c’è sempre una parte lesa, è anche vero che spesso ci ritroviamo a “fare il tifo” proprio per il traditore e non per la parte lesa. E se quest’affermazione fa storcere il naso a qualcuno di voi, non mi resta che portarvi l’esempio più evidente della letteratura italiana: Paolo e Francesca.

 

Paolo e Francesca

 

Il canto più conosciuto della Divina Commedia, il più amato dagli studenti, uno dei più romantici e coinvolgenti: il V canto dell’Inferno. 

Leggendo il V canto ci sentiamo sempre tutti vicini alla bella Francesca da Rimini, noi capiamo le sue ragioni, giustifichiamo il suo tradimento: lei tradisce per amore, siamo tutti concordi nel dirlo, nessuno mai imputerebbe a Francesca una colpa più grande di quella dell’amore; amore che, come ben sappiamo, sfida anche le leggi infernali e non ha paura di urlare a Dio la sua eterna esistenza. 

Il fatto lo conosciamo: Francesca, in età da marito, viene convinta con un inganno a sposare Gianciotto Malatesta, anche se lei è certa che sarà Paolo il suo sposo, ecco quindi che firma il contratto matrimoniale, convinta di aver sposato il giovane Paolo, bello, sensibile e affascinante, e si ritrova all’altare Gianciotto, che a modi e bellezza pareva essere il cugino brutto di Shrek. 

 

mi prese del costui piacer sì forte

 

Francesca peró trascorre le sue giornate a leggere col cognato e, commettendo l’errore di confondere la vita con la letteratura, si ritrova a scambiarsi baci appassionati con lui, finchè non vengono ritrovati l’uno sull’altra, trafitti da un colpo mortale sferrato da Gianciotto. 

Giulia

 

Di tradimento parla anche la canzone “Giulia” dei Pinguini Tattici Nucleari, uscita in “Ahia!” il loro ultimo album.

Il cantante racconta in prima persona della storia d’amore con una ragazza di nome Giulia, e di come la  studentessa universitaria sia stata bocciata a un esame da un professore che “non ha mai riso una volta e non conosce l’amore”; i ragazzi vivono in una casa coi coinquilini, la notte fanno l’amore e sognano di potersi trasferire in una casa senza regole dove poter ridere sempre e fare l’amore ogni volta che vogliono, un quadro perfetto insomma, un idillio romantico che rappresenta forse il sogno di molti studenti universitari, cosa potrebbe andare storto?

 

“Ho lasciato un biglietto per te e il professore: potete far meno rumore, quando fate l’amore?”

 

Avete capito bene, Giulia tradirà il suo innamorato proprio con il professore che l’ha bocciata all’esame, e lui, dormendo sul divano, continua ad aspettarla, seppur invano.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: