Il Superuovo

“Elizabeth The Golden Age”: la pellicola ci mostra la vita della più importante sovrana d’Inghilterra

“Elizabeth The Golden Age”: la pellicola ci mostra la vita della più importante sovrana d’Inghilterra

Elizabeth: The Golden Age, il film di Shekhar Kapur omaggia la figura della regina d’Inghilterra, considerata massimo esempio di regalità nell’immaginario comune.

Elisabetta I, The Golden Age, Luigi Locatelli WordPress
Una scena tratta da Elizabeth: The Golden Age (WordPress)

Figlia di Anna Bolena ed Enrico VIII, Elisabetta I fu una delle regine più emblematiche della storia dell’umanità. Ascese al trono dopo la dipartita della sorellastra Maria I e regnò per un lungo periodo, sino a che la morte non la colse il 24 marzo 1603. In questo articolo ricostruiremo le tappe più importanti nella vita della sovrana e le confronteremo col film Elizabeth: The Golden Age, a lei dedicato.

La sovrana più famosa della storia

Elisabetta I Tudor è sicuramente una delle figure più famose della storia. Senza alcun dubbio è la regina che ha monopolizzato maggiormente l’attenzione degli studiosi e dell’opinione pubblica. Dichiarata figlia illegittima dalla nascita, Elisabetta venne esiliata e tenuta per lungo prigioniera a Richmond, per volere dalla sorellastra Maria I Tudor. Tuttavia, l’esilio non le impedì di affinare le proprie doti politiche. Quando divenne regina si pose l’obbiettivo di mantenere rapporti positivi con il Parlamento, che venne convocato solo 13 volte durante il suo longevo regno. Durante il periodo elisabettiano le decisioni erano prese principalmente dal Consiglio privato della corona, il cui membro più autorevole fu indubbiamente William Cecil. Elisabetta riaffermò la supremazia del sovrano in campo religioso, mantenendo però la presenza dell’episcopato, e firmò nel 1559 l’Atto di uniformità, che impose il Libro delle preghiere comuni. Si schierò a favore del protestantesimo e contro il cattolicesimo. Durante la sua vita incentivò scoperte e viaggi commerciali. Famoso il suo rapporto con il pirata Francis Drake, a cui affidò moltissime missioni.

The Armada Portrait Quilondra
Ritratto dell’Armada. Dipinto allegorico, autore ignoto. Olio su tela, 1588 (QuiLondra)

La regina Vergine

Sebbene avesse moltissimi pretendenti, fra i quali anche lo stesso Filippo II di Spagna, Elisabetta I decise di non sposarsi mai. Questo le fece guadagnare l’appellativo di regina Vergine. L’assenza di un erede al trono preoccupava la nobilità inglese, che temeva accesi scontri dopo la morte della sovrana. Pertanto, in molti iniziarono a vedere nella figura di Maria Stuarda, cugina di Elisabetta, una buona sostituta al trono d’Inghilterra. Maria Stuarda non era solamente già regina di Scozia, ma aveva anche un erede e godeva dell’appoggio delle forze cattoliche in Inghilterra. La paura di poter perdere il trono spinse Elisabetta a firmare nel 1587 la condanna a morte di Maria Stuarda. Tale decisione creerà una spaccatura con la Spagna cattolica di Filippo II. La successione al trono dopo la morte di Elisabetta venne garantita da Giacomo I, figlio di Maria Stuarda, che venne educato al protestantesimo sin in giovane età.

Elisabeth The Golden Age
Elizabeth: The Golden Age (Wikimedia)

Il film che omaggia l’indimenticabile regina

Il film Elizabeth: The Golden Age è ambientato durante la fase più matura del regno della regina Elisabetta I. Non è dunque un caso che il titolo dell’opera contenga al suo interno la frase The Golden Age, letteralmente Età dell’oro. In particolare, il focus della pellicola è lo scontro tra Elisabetta I e il re di Spagna Filippo II. Il tentativo del sovrano di Spagna di stroncare la potenza britannica fallì miseramente. La sconfitta più cocente si ebbe nel 1588, quando l’Invincibile Armata venne sconfitta dalle forze inglesi. Gli abiti e la ricostruzione storica della corte di Elisabetta sono indubbiamente eccezionali, così come l’interpretazione di Cate Blanchett nei panni della sovrana. Tuttavia, gli storici criticano la visione del regista nei confronti dei personaggi cattolici. Il loro fervore religioso è talmente estremizzato da sfociare in vero e proprio fanatismo. Elisabetta I è invece sempre mitizzata e celebrata dal regista.

Elisabetta I, The Younger Elizabeth
La giovane Elisabetta I, Marcus Gheeraerts (Gocce di storia)

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: