Il Superuovo

“Maria Regina di Scozia” ci svela i segreti del confronto di Maria con Elisabetta I

“Maria Regina di Scozia” ci svela i segreti del confronto di Maria con Elisabetta I

Il film su Maria Stuart ci illustra la vita dell’ultima regina di Scozia in conflitto con Elisabetta I nel 1500

 

Maria Stuarda o Mary Stuart è stata l’ultima regina della Scozia indipendente nel 1550, figlia di Giacomo V di Scozia e Maria la Guisa. Ebbe una vita molto tormentata e passò i suoi ultimi 20 anni di vita prigioniera di Elisabetta Tudor. Proprio Elisabetta I era sua cugina ed ultima erede della casa Tudor, figlia di Enrico VIII ed Anna Bolena. Ma bando alle chiacchiere e analizziamo insieme il film e queste due donne straordinarie.

Maria Regina di Scozia

Nel 1561 Maria Stuarda, salita sul trono di Francia dopo aver sposato Francesco II, rimane vedova a 18 anni e decide di tornare nella nativa Scozia, di cui è regina per diritto di nascita. Il suo ritorno in patria fa sperare la sua pretesa anche al trono di Inghilterra, in mano ad Elisabetta I che in molti non riconoscono come erede di Enrico VIII. Sono diverse anche nel credo religioso: Maria è Cattolica ed Elisabetta è protestante. Insomma due donne agli antipodi e legate del destino di sovrane sui troni più ambiti d’Europa. Il film ci descrive il tortuoso conflitto tra le due regine e a toni quasi melodrammatici con un tocco di politically correct che inserisce personaggi etici alla corte della regina Elisabetta. Nel film sono anche presenti la descrizioni dei 20 anni di “dolce prigionia” e la scena dell’esecuzione di Maria avvenuta nel 1587 accusata di alto tradimento e cospirazione nel complotto per l’attentato alla vita della regina.

 

Elisabetta I

Elisabetta I è stata la sovrana regnate in Inghilterra dal 1558 al 1603, data della sua morte. Anglicana, era figlia di Enrico VIII e Anna Bolena, la “Famosa Causa” che scatenò lo scisma anglicano nel 1531 in cui la chiesa inglese si separò dalla chiesa di Roma. Ricordata anche come la Vergine Madre o Madre vergine, Elisabetta scelse di non legarsi a nessun uomo e di dedicare tutta se stessa alla corona e all’Inghilterra. La sua principale avversaria fu Maria Sturda, regina di Scozia e fervete cattolica, in quanto cresciuta alla corte Francese e perchè promessa sposa di Francesco II. Famosa anche per le maldicenze su di lei e per essere riuscita a sconfiggere l’Invincibile armata di Filippo II nel 1588. Una donna grande e indipendente senza un uomo al fianco a proteggere lei e il regno, non male vero? Forse sarà il nome che porta bene?

 

Le donne al potere in età moderna

In età moderna non solo gli uomini erano al governo: anzi in tutta Europa erano molteplici le donne che erano reggenti del trono o regine. Ciò accadeva spesso perché gli uomini erano quasi sempre in guerra e quindi lasciavano spesso a casa moglie e figli. Accadeva anche che morissero improvvisamente o morissero in battaglia con figli piccoli e quindi la madre, essendo Regina consorte, era colei che effettivamente regnava. Nonostante le credenze popolari nefaste nei confronti delle mogli, il ruolo della donna spesso divenne cruciale per gli equilibri dei grandi stati nazionali europei. Elisabetta e Maria furono non solo due grandi donne ma regine e madri, una del futuro Giacomo I l’altra del regno inglese. Donne che si vanno ad aggiungere alle meravigliose sovrane che furono Teodolinda, Matilde di Canossa e Isabella d’Aragona.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: