Un’Italia di borghi e paesaggi: quando la letteratura italiana si ispira al “Bel Paese”

Il nostro “Bel Paese” è da sempre fonte di ispirazione per artisti di ogni tipo.

 

L’Italia è ricca di luoghi e paesaggi bellissimi (Google)

Spesso, i paesaggi italiani, sono stati protagonisti di grandi opere della nostra letteratura.

Il paesaggio e la letteratura

La letteratura italiana ha spesso narrato la bellezza del nostro paese.
Manzoni, Dante, D’Annunzio, Montale sono solo alcuni esempi della nostra prosa e della nostra poesia che hanno narrato borghi, città e paesaggi del nostro “Bel Paese”.
L’ambiente, quindi, ha svolto un ruolo importante, soprattutto come cornice degli eventi narrati.
Ma non solo.
Spesso l’ambiente, il paesaggio naturale e quello urbano, diventa protagonista delle composizioni di poeti e scrittori che in lui trovano un conforto, sentimenti di dolce nostalgia, sensazione di pace o di mistero.
Spesso i protagonisti delle opere “parlano” con il paesaggio e in lui si riflettono.

La bellezza dei nostri borghi tra vicoli e viste a sbalzo sul paesaggio (Google)

Alcuni dei borghi più belli d’Italia

Recanati (Marche): è questo il borgo che Leopardi ha chiamato il “borgo natìo selvaggio”.
Qui Leopardi, guardando dal cortile esterno della sua casa, ha trovato ispirazione per quella che è considerata una delle poesie più belle e famose della nostra letteratura: “L’infinito”.

Orvieto (Umbria): è un’unione tra la natura e le tipiche vinerie, a volte nascoste tra i vicoli del centro, dove insieme alle piccole botteghe di artigianato locale.
Da vedere è il suo Duomo.

Borgo di Montalcino (Toscana): sorge alla fine della Val d’Orcia e il suo centro storico si distingue per la Rocca del 1300 che spicca tra vicoli e la piazza principale.
Da qui potete ammirare un panorama unico sulle colline della Maremma
Il borgo è anche importante dal punto di vista enologico: da qui proviene il Brunello, uno dei vini più pregiati d’Italia.

Matera (Basilicata): è la terza città più antica al mondo.
Si è sviluppata sulla roccia carsica, oggi ben visibile e individuabile come la parte bassa della città quella nota come “la città dei Sassi”.
Il suggestivo borgo è stato anche protagonista di cinema e tv.

Castel Gandolfo (Lazio): era questa la meta in cui si ritiravano i Papi.
Dalla parte alta si gode la vista del lago.
Il borgo è un itinerario imperdibile sia per gli appassionati dei paesaggi sia per i “pellegrini”.

Civita di Bagnoregio (Lazio): è un borgo suggestivo arroccato e a sbalzo su un panorama rigoglioso.
Qui si può passeggiare nel “giardino dei poeti” e visitare la bottega di Geppetto: qui, infatti, venne girato il film “Pinocchio” con Roberto Benigni.

L’Italia e il suo patrimonio

Come sappiamo, e come spesso abbiamo ribadito, l’Italia è un paese che gode di un patrimonio immenso.
Borghi, città e paesaggi naturali spesso si fondono insieme dando vita a un unico, omogeneo e bellissimo paese. Il nostro “Bel Paese”.
Spesso ci dimentichiamo di tutelare questo immenso patrimonio, oppure non lo curiamo come dovremmo.
La nostra più grande fortuna è vivere in uno dei paesi più ricchi di cultura e bellezza e questo deve spingerci a onorare la nostra storia prendendoci cura del “bello”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.