Il Superuovo

“Io son morta, rispose, e tu nol sai”: la Sposa Cadavere incanta cinema e letteratura

Un po’ per luogo comune si tende a collegare il concetto di amore al concetto di vita. Ma è possibile continuare ad amare anche quando il corpo muore?  Probabilmente riprendendo un modello allegorico cristiano sorto già nel IV secolo d.C., il rabbino Isaac Ben Solomon Luria di Safed scrisse, nel XVI secolo, il racconto Il … Leggi tutto

Cent’anni dopo, cosa lega indie e crepuscolarismo? Inconsueto e intimismo

Un secolo separa due esperienze artistiche che presentano, sorprendentemente, tratti comuni, il crepuscolarismo e la scena indie italiana. Cosa li accomuna? Sicuramente una gran dose di intimismo e un forte interesse per l’inconsueto. Un accostamento certamente curioso quello tra crepuscolarismo e indie nostrano, che rivela però diversi punti di contatto. Le sovrapposizioni sono parecchie, soprattutto … Leggi tutto

Qual è il giusto equilibrio tra distacco ed empatia verso i pazienti in medicina? Ce ne parlano Grey’s Anatomy ed Arrigo Boito

Un buon medico è colui che sa essere umano o distaccato? Lucido e asettico o amorevole? Tutta questione di prospettive. Fare il medico è un mestiere complesso. Richiede preparazione, ma come solida base. Insieme ad essa è necessaria l’umanità, per entrare in contatto con i pazienti che soffrono, ma anche distacco, per mantenere la lucidità … Leggi tutto

Requiem for a Dream e la Scapigliatura: due mondi lontani con delle insolite affinità

Gusto per il particolare, disillusa concezione della malattia e crudo realismo: questi i tratti comuni di due esperienze che poco d’altro hanno da spartire, la Scapigliatura e l’allucinato “Requiem for a Dream” di Darren Aronofsky. Un’avanguardia mancata e un terrificante affresco sulle dipendenze. Cosa mai li unisce? Accorre in nostro aiuto nientemeno che Charles Baudelaire. … Leggi tutto