Premessa: questo articolo è pieno di spoiler, quindi se non hai mai visto Spirit leggi a tuo rischio e pericolo!

“Eccomi, sono qui/venuto al mondo selvaggio e libero/” canta Zucchero sulle note della colonna sonora italiana del film d’animazione Spirit- cavallo selvaggio per presentare l’omonimo protagonista mentre nasce. Spirit è un mustang che, in poche scene significative, vediamo crescere per diventare lo stallone coraggioso e determinato nel proteggere il  branco di cui è il capo. Dopo una simpatica scenetta al chiaro di luna in cui Spirit riprende due puledri che si fanno i dispetti anziché dormire, lo stallone incuriosito da una luce sospetta nella macchia d’alberi di fronte va a controllare, lasciando inquieta la madre Esperanza. Questo è il momento di partenza delle sue avventure.

Spirit e la cavalleria americana

Arrivato presso l’origine della luce, Spirit vede per la prima volta degli umani. Non sembrano pericolosi, dormono, e così vi si avvicina. Svegliati dai rumori tuttavia, essi, che si rivelano essere membri della cavalleria americana, dopo uno strenuo inseguimento, riescono a catturare il bellissimo stallone che viene condotto al loro quartier generale. Dopo svariati tentativi per domarlo, il turno del colonnello, temuto da tutti tranne che da Spirit, sembra quello decisivo. Apparentemente il cavallo si ammansisce e questo dà modo al colonnello di fare un discorso ai suoi soldati. Si rivelano le sue intenzioni: concludere la ferrovia transcontinentale, colonizzare il West, sottomettere gli indiani Lakota. E tutto ciò è proprio quello che nella realtà dei fatti è successo.

La prima ferrovia transcontinentale

Il primo luglio 1862 il presidente Lincoln firma il Pacific Railroad Act con cui dà inizio alla costruzione di una strada ferrata che congiunga l’Oceano Atlantico alla California, dove era stato trovato un filone aurifero nel 1848, e il Pacifico. Da un decennio circa la febbre dell’oro, che aveva già spinto 300.000 cercatori presso Sacramento e dintorni, premeva perché si costruisse la benedetta ferrovia. Essa avrebbe reso possibile attraversare il continente in una sola settimana, da New York alla California, prima divise da sei mesi di un cammino che prevedeva di seguire il fiume Platte, attraversare pianure e montagne, l’incursione di malattie sconosciute! Il percorso scelto, dopo anni di indecisioni, è stato ideato dall’ingegnere civile Theodore Judah e si snoda lungo il 41-esimo parallelo, attraverso Nebraska, Wyoming, Utah, Nevada e California, collegando Omaha a Sacramento.

Risultati immagini per pacific railroad act
Il manifesto che pubblicizzava la “Central Pacific Union”

Le due compagnie che si occuparono dei lavori, allettate dagli enormi prestiti agevolati che lo stato aveva messo a disposizione appositamente, furono la Central Pacific Railroad che avrebbe iniziato da Sacramento con un percorso attraverso le montagne della Sierra Nevada in direzione est e la Union Pacific Railroad, che da Omaha in Nebraska avrebbe percorso le grandi pianure in senso inverso. Gli operai, irlandesi immigrati per la Union e cinesi per la Central, lavoravano instancabilmente 12-15 ore al giorno protetti dalla cavalleria americana dagli attacchi degli indiani di cui sfruttavano il territorio.

Immagine correlata
Il percorso che avrebbe seguito la ferrovia transcontinentale.

I Lakota e i cavalli

Dopo il discorso, Spirit disarciona il colonnello e riesce a fuggire aiutato da Piccolo Fiume, un pellerossa Lakota che nei giorni precedenti era stato catturato. Una volta libero però, Spirit viene subito acciuffato dagli amici del ragazzo, che monta ora la sua bellissima cavalla Pioggia, di cui Spirit si innamora. Una volta all’accampamento indiano Spirit entra in un mondo del tutto nuovo: qui gli umani sono amici dei cavalli e vivono in armonia con loro, come dimostra il sincero affetto che Pioggia prova per Piccolo Fiume. I Lakota sono nativi americani che allora vivevano nel territorio circostante le Black Hills, per loro sacre, e occupavano le grandi pianure del Nord e Sud Dakota, del Colorado, del Wyoming, del Montana e del Nebraska (dove è ambientato il film). Essi erano cacciatori nomadi di Bisonti che, da quando i cavalli si erano diffusi anche nel Nord importati dai conquistadores spagnoli due secoli prima, avevano affinato incredibilmente le tecniche per cavalcare diventando ottimi fantini e guerrieri a cavallo.

I cavalli Lakota si lasciano dipingere dagli indiani, ma Spirit lo trova ridicolo.

Le guerre indiane

Cavallo Pazzo

Il 1800 fu caratterizzato dalle cosiddette guerre indiane in cui i Soldati Blu americani, in Spirit guidati da un colonnello che assomiglia al generale Custer, avevano l’obiettivo di risolvere al più presto la questione indiana. Il risultato fu il loro tragico loro sterminio per ottenere i territori ricchi di oro, uranio e altre materie prime. In particolare i Lakota furono tra gli indiani che opposero la più fiera resistenza: è da menzionare la battaglia del Little Bighorn in cui gli indiani Lakota uniti a Cheyenne e Arapaho sotto la guida del capo Cavallo Pazzo distrussero  il reparto del 7 Cavalleria guidato da Custer. Questa battaglia rappresenta la più grande vittoria indiana ma anche l’unica vera sconfitta per l’America. Il periodo d’oro dei Lakota fu tra il 1830 e il 1877 perché a seguire, stremati dalle battaglie, si piegarono sotto il volere degli Stati Uniti che, nonostante questo, effettuarono il gravissimo massacro di Wounded Knee, in cui furono uccisi circa 350 indiani inermi, 230 dei quali  donne e bambini. Le guerre indiane segnano un periodo buio della storia americana che ha segnato praticamente tutto il XIX secolo e che hanno coinvolto tutto il territorio statunitense.

Risultati immagini per wounded knee
Immagine di devastazione dopo il massacro di Wounded Knee.

Spirit vive la guerra e la costruzione della ferrovia

Quando finalmente Piccolo Fiume decide di lasciare Spirit libero, il cavallo non ha il tempo di metabolizzare che un attacco dei Soldati Blu colpisce l’accampamento. Battaglia, confusione, armi e fuoco mettono a soqquadro il villaggio, proprio come sarebbe potuto accadere nella realtà. Pioggia viene colpita da un colpo di pistola e cade nel fiume agitato, Spirit la segue. Dopo essere caduti da una cascata e approdati alla riva passano la notte insieme ma lei sembra sempre più debole. Al mattino i Soldati Blu catturano un’altra volta Spirit che viene costretto a lavorare alla ferrovia, che, però, punta dritta alla sua terra natìa! Con uno stratagemma riesce a farsi slegare e a liberare gli altri cavalli. La locomotiva che trascinavano, ormai libera, inizia a franare lungo la discesa su cui si trovava ed è un attimo lo scaturire di un incendio furibondo.

L’intervento di Piccolo Fiume salverà la situazione portando in salvo Spirit, facendolo ricongiungere con Pioggia e, alla fine, lasciandolo correre verso la libertà del suo branco insieme alla sua amata. Iconica, tra le ultime scene, quella del salto sul burrone per sfuggire definitivamente al colonnello nemico. Solo adesso mi rendo conto del valore di questo film d’animazione: non solo la storia un ribelle, ma della libertà di Spirit e di quella  rubata crudelmente agli indiani, nati liberi nella loro terra e oggi costretti nelle riserve.

Camilla Viola

 

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.