Le ossa sono indistruttibili? Ci rispondono Unbreakable e la scienza

Una leggenda narra che il femore sia più duro del cemento. Basta questo per rispondere?

Unbreakable racconta la storia di persone con problemi al tessuto osseo. Individui con resistenza sovrumana, con ossa fragili come il vetro (dal seguito “glass”, n.d.r.) e omicidi di massa come test. Ci sarà un po’ di realismo in questo fantasy?

David Dunn e Elijah Price: gli opposti della specie

Film del 2000, diretto da M. Night Shyamalan, ha come protagonisti i due personaggi sopracitati. David Dunn appena sopravvissuto a un incidente con 132 vittime, è incredulo. Oltre a essere l’ unico sopravvissuto è anche incolume. Elijah Price è invece un uomo malato di osteogenesi imperfetta. Chiamato anche l’uomo di vetro poichè la malattia lo espone a continui rischi di fratture. Quest’ultimo incontra David per esporgli la propria teoria. Egli sostiene che se c’è una persona come lui ci deve esssere per forza l’opposto. E trova l’opposto in David, un uomo con ossa dure più del cemento e con una froza fuori dal comune. Sappiamo bene che qua si parla di fantascienza, ma non è del tutto da escludere la possibilità che ci esista un “superuomo”.

L’osteogenesi imperfetta crea uomini di vetro e imperfetti

Immaginate di camminare, e ogni passo che fate vi si rompe un osso. Questo è quello che prova Elijah (antagonista del film). L’osteogenesi imperfetta è una malattia ereditaria del collagene che causa un’anormale fragilità delle ossa. Attualmente sono state identificate 5 forme diverse di essa. Sono presenti casi anche in Italia. Michel  Petrucciani, pianista jazz alto non più di un metro e Chiara Bersani, performer nelle arti teatrali visive. Loro solo due delle molte persone colpite da essa, con una stima di 1/10000.

Le ossa: capolavoro di elasticità e di resistenza alla compressione

Ne abbiamo 206 in tutto il corpo, e grazie a loro ci reggiamo in piedi. Essenziali per l’uomo, le ossa sono le fondamenta del corpo. Dotate di una resistenza tale da farci contrastare la forza di gravità. Ciascun osso è avvolto da una lamina di tessuto connettivo compatto. Il componente principale è il fosfato di calcio e può essere definito compatto o spugnoso. La maggior parte delle ossa è composta dai sistemi di Havers. Una serie di sottili cilindri ossei, tra i quali si trovano gli osteociti. Essi sono la diretta conseguenza deli osteoblasti, responsabili nella produzione di tessuto osseo, funzione opposta a quella degli osteoclasti. Così come esiste la osteogenesi imperfetta esiste pure l’osteopetrosi, esattamente opposta all’ ultima, chiamata anche malattia delle ossa di marmo. Le ossa quindi possono essere molto dure ma anche molto fragili, creando due lati uguali ma opposti di una medaglia.

 

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: