La ricerca di Violet Evergarden: una visione sentimentale attraverso il ruolo delle emozioni in Scheler

Sembra una cosa scontata il riuscire a comprendere il significato delle emozioni e dei sentimenti ma non sempre ciò può esser dato per scontato. Che ruolo hanno realmente le emozioni? Possiamo realmente comprenderle?

 

Attraverso la serie originale Netflix è possibile lasciarsi travolgere da una tempesta di emozioni molto spesso in conflitto tra di loro ed è proprio questo che rende Violet Evergarden una delle produzioni più astratte presenti sul piccolo schermo.

La cruda apatia di chi non ha mai amato

La protagonista della serie è la stessa che ne dà il nome: Violet Evergarden viene presentata come una ragazzina senza nome e senza passato, trovata in uno stato selvaggio che ricorda inevitabilmente il selvaggio dell’Aveyron. Incapace di parlare e di provare qualsiasi emozione che non sia la paura, viene impiegata come arma umana nell’esercito sotto la supervisione del maggiore Gilbert, l’unica persona che non la tratterà come tale e che le vorrà sinceramente bene, avvicinandola alla comprensione del sentimento umano. Con la morte di quest’ultimo e la fine della guerra, il mondo di Violet cambiò per sempre, ritrovandosi a dover vivere senza sottostare a nessuno, diventando veramente libera ma con un cruccio che la accompagnerà per tutta la stagione: che cosa significavano le ultime parole del maggiore? Che cosa significa ti amo?

L’apostrofo di Max Scheler sulle teorie Kantiane

Appartenente alla branca filosofica della fenomenologia, Scheler cercò di superare la visione kantiana contraria all’importanza delle emozioni e dei sentimenti, al punto tale che portò il filosofo di Konigsberg ad eliminarle come elementi determinanti per il raggiungimento della legge morale. Contrariamente a quanto sostenuto da Kant, Scheler considerava essenziali le emozioni e i sentimenti poiché soltanto essi permetterebbero l’accesso ai valori. L’errore commesso da Kant consistette nel non cogliere appieno la distinzione tra valori e beni, i quali devono essere considerati rispettivamente come verità assiologiche (valori) e come enti materiali attraverso cui vengono veicolati i valori (beni). A seguito della critica di Scheler, per semplificare il tutto si potrebbe definire il sentimento di amore come valore e l’amante come essere veicolante il valore, ovvero il bene. Per poter chiarire ulteriormente la sua visione, Scheler identificò una gerarchia dei valori, la quale risulta fondamentale per poter comprendere al meglio il ruolo svolto dall’amore secondo il filosofo tedesco.

  1. Sentimenti sensibili
  2. Sentimenti corporei
  3. Sentimenti legati all’anima
  4. Sentimenti propri della persona

Attraverso questa gerarchizzazione, l’amore funge da collegamento fra una conoscenza povera e una più ricca, riproponendo una concezione molto simile a quella di Pascal, attribuendo a cuore e a intelletto due logiche completamente diverse.

Voglio capire il significato di quel ti amo

La nuova vita di Violet si volge interamente al desiderio di conoscere un sentimento a lei sconosciuto, una sensazione che in realtà è in grado di provare ma che non riesce a definire e a comprendere a pieno. Proprio per questo motivo decise di intraprendere il mestiere di bambola di scrittura automatica. Nonostante il nome faccia pensare a una sorta di automa privo di sentimenti, la figura delle bambole risulta molto complessa e ricca di sfaccettature. Il compito di queste ragazze è redigere lettere su commissione rivolte per lo più a persone care, dovendo intuire i sentimenti dei committenti estrapolandoli dai loro racconti. A causa della sensibilità necessaria per assolvere tale compito, Violet decide di immergersi in tale lavoro per poter imparare da colleghe e clienti il vero significato dei sentimenti, portandola a una serie di vicissitudini che accompagnerà lo spettatore in un costante apprendimento emotivo, difficilmente non accompagnato da lacrime di commozione. Questa esasperante ricerca la porterà a diventare una delle bambole di scrittura automatica più richieste del paese, seguendo un incessante studio di ciò che non riusciva ancora a comprendere. Ciò che Scheler scrisse in Amore e Conoscenza riflette alla perfezione la ricerca di Violet nel corso della sua vita.

Il conoscere è intimamente legato alla capacità di compiere atti d’amore.

(Max Scheler, Amore e Conoscenza, 1915).

L’orda amoris

Ciò che rende un essere umano tale è la capacità di provare sentimenti, i quali fanno vertice a ciò che per Scheler risulta l’apice della costituzione dell’essere umano: l’amore. Il cuore è il nucleo vitale di ogni uomo e chi prova un sentimento tanto elevato, chi è in possesso dell’orda amoris di un’altra persona allora stringe tra di sé l’essenza stessa dell’amato. Il provare amore è il livello più elevato della vita morale ed è proprio dalla capacità di accogliere e di manifestare tale sentimento che un essere umano può considerarsi tale. A Violet sono servite numerose esperienze e una costante sfida verso se stessa ma alla conclusione di questa sua emozionante avventura può considerarsi realmente libera.

Come stai, mio amato maggiore Gilbert? Ora dove sei? Com’è cambiata la tua vita? C’è qualcosa che ti tormenta? Ti capita mai di pensare a me? Primavera, estate, autunno e inverno, sono trascorse molte stagioni, ma non è mai venuta quella del tuo ritorno. All’inizio non capivo, non riuscivo a comprendere i tuoi sentimenti. Ma nel corso della nuova vita che mi hai dato, a poco a poco ho imparato a provare sentimenti, grazie alle lettere che scrivevo per gli altri e alle persone che ho incontrato, per questo non ti sarò mai abbastanza riconoscente. Credo che da qualche parte tu sia ancora vivo e presente. Io vivrò la mia vita. Non so cosa mi riserva il futuro. Giorni belli e brutti, ma vivrò, io vivrò, io vivrò! Con passione, con la tenacia che ho imparato da te. Giuro che vivrò! E quando ci rivedremo, perché so che ci rivedremo, finalmente ecco quello che ti dirò: adesso so cosa significa ti amo.

(Episodio 13, La Bambola di scrittura automatica e le parole ti amo).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.