Il Caos del Joker come struttura essenziale della realtà, dalla termodinamica alla matematica astratta

“Sono un agente del caos. E sai qual’è il bello del caos? È equo.” Un mondo di puro disordine, dove le regole non sono altro che una illusione infantile: la scienza conferma la visione del mondo del Joker?

 

“Ti sembro davvero il tipo da fare piani? Lo sai cosa sono? Sono un cane che insegue le macchine. Non saprei che farmene se le prendessi!”. Così dichiara uno dei più grandi villain del mondo supereroistico, il Joker, opposto a quel modello di ordine rappresentato da Batman. Cosa succede quando questo scontro assume una dimensione cosmica? Chi è il vero profeta della realtà?

ENTROPIA E TERMODINAMICA: IL DISORDINE INEVITABILE

Quantificare il caos da un punto di vista scientifico non è facile. Un concetto utile risulta quello della entropia, definita come la grandezza che considera il numero di microstati presenti all’interno di un sistema: un suo aumento corrisponde a un maggior numero di stati, e pertanto di disordine. Secondo il secondo principio della termodinamica, tra le scoperte scientifiche più importanti di sempre, l’entropia all’interno di un sistema isolato non può diminuire, ma solamente aumentare o rimanere costante. Le conseguenze di questo principio sono drastiche, poichè l’universo stesso è considerabile come un sistema isolato. Questo significa che buona parte delle azioni che compiamo ogni giorno portano il cosmo a diventare sempre più instabile e imprevedibile, senza possibilità di ritornare allo stato precedente. In realtà è stato possibile ridurre momentaneamente l’entropia attraverso l’uso di computer quantistici, ma solamente in una porzione microscopica dello spazio e per istanti brevissimi: complessivamente si è comunque verificato un aumento di entropia. Forse la nostra comprensione della realtà è incompleta ed è effettivamente possibile ridurre il disordine del cosmo… Ma per ora il Joker può cantare vittoria e ammirare l’inevitabile e devastante declino dell’universo verso uno stato di caos assoluto.

 

 

LA TEORIA DEL CAOS: MINIME VARIAZIONI PORTANO MASSIMI CAMBIAMENTI

” Se introduci un po’ di anarchia… se stravolgi l’ordine prestabilito… tutto diventa improvvisamente caos. Sono un agente del caos. ” Questa frase del Joker, proveniente dal capolavoro di Nolan ” Il Cavaliere Oscuro “, potrebbe essere una citazione diretta alla teoria del caos, ovvero una branca della matematica che si occupa di studiare i sistemi dinamici rispetto alle condizioni iniziali. All’interno di un sistema caotico, variazioni infinitesimali delle condizioni iniziali portano a conseguenze e variazioni significative nel comportamento futuro del sistema. Questo fenomeno è comunemente definito come “Effetto Farfalla”, il cui nome deriva da una relazione del matematico e metereologo Edward Lorenz nel 1972 dal titolo ” La prevedibilità: Il battere delle ali di una farfalla in Brasile provoca un tornado in Texas? “. Il Joker ha pienamente ragione: anche il più minimo cambiamento può portare al caos più devastante.

 

MECCANICA QUANTISTICA: IL MONDO INSTABILE E INDEFINITO

Secondo il determinismo scientifico, esiste una correlazione tra causa ed effetto all’interno di tutti i fenomeni naturali. La meccanica quantistica, e in particolar modo il Principio di Indeterminazione di Heinserberg, hanno messo in discussione questa visione della realtà. Il problema è di carattere gnoseologico: è impossibile conoscere con precisione certa lo stato assoluto di un elettrone, e pertanto ci è preclusa la conoscenza totale del presente per comprendere con certezza il futuro. In tal senso, forse la natura agisce seguendo un determinismo meccanicistico, ma la comprensione di questi meccanismi potrebbe essere al di fuori della nostra portata. O forse il vero andamento della natura è casuale e non causale, un disordine non solo gnoseologico ma epistemologico. Forse i nostri tentativi di comprendere la ragione cosmica sono totalmente inutili e anzi portano solamente domande senza alcuna risposta ottenibile. Le parole del Joker assumono allora un significato ancora più terrificante: “Io cerco di dimostrare agli opportunisti quanto siano patetici i loro tentativi di controllare le cose”.

 

 

 

La scienza non può confermare con sicurezza se sia il caos del Joker o l’ordine di Batman a governare la realtà, o se forse siano due facce della stessa medaglia, una dicotomia necessaria per fare in modo che l’universo continui ad evolversi e a garantire la vita al suo interno. Citando Jung, “In ogni caos c’è un cosmo, in ogni disordine un ordine segreto”.

Edoardo Bramini

 

 

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.