Il Superuovo

Fare divulgazione: ecco come è cambiato il modo di informare dal “Convivio” a Instagram

Fare divulgazione: ecco come è cambiato il modo di informare dal “Convivio” a Instagram

Dante dimostra come mai “l’attivismo delle grafichine su Instagram” non è così sbagliato

Nell’articolo uscito ieri, 15 maggio, su Rolling Stones, si è parlato dei pericoli nascosti dietro le infografiche di Instagram, pensate per divulgare temi complessi. Dante, nel Convivio, non si poneva, però, un obiettivo molto diverso da questo.

INFORMARSI SUI POST DI INSTAGRAM NON È SUFFICIENTE

Nell’articolo sopracitato si parla della nuova tendenza a informarsi e a informare sui social: alcuni profili, più o meno accreditati, si pongono l’obiettivo di divulgare argomenti di attualità in modo semplice. Per fare questo, creano quelle che l’autrice chiama grafichine, cioè post schematici in cui si tentano di spiegare in poche parole argomenti molto complessi. Se l’obiettivo con cui nascono è nobile, spiega, questo modo di diffondere notizie rischia di semplificare e addirittura di banalizzare contesti molto più complessi. A volte, sembrano essere fatti, addirittura, solo per fare una buona impressione, dimostrando sensibilità, attirare like e nuovi follower. Non solo: chi li legge ha l’impressione di essersi informato, quando in realtà non è veramente così e la sua conoscenza riguardo all’argomento è solo superficiale. E così, gli argomenti tra i quali si spazia sono veramente molto vari: sessismo, razzismo, politica e, adesso, la questione della guerra tra Israele e Palestina.

IL CONVIVIO DI DANTE NASCE COME “BANCHETTO DI SAPIENZA”

Il Convivio di Dante nasce con uno scopo simile: quello di diffondere informazioni nel modo più piacevole possibile. Questo è evidente già dal titolo dell’opera: “convivio”, infatti, deriva dal latino cum bibere, “bere in compagnia”. Isidoro di Siviglia, che nel Medioevo era famosissimo per la sua enciclopedia, le Etimologie, usava questa parola come metafora: significa “dedicarsi allo studio della scienza per conseguire la sapienza”. Perciò, il Convivio è un simbolico banchetto, nel quale Dante riporta alcune canzoni, la “vivanda”, e ne fa un commento, il “pane”. Quindi, a partire da componimenti poetici e piacevoli, il Sommo Poeta coglie l’occasione per trattare argomenti molto più complessi in modo semplice. Parla di retorica, di astronomia, della vita dopo la morte, di religione. Per capire l’entità di tutto questo, va ricordato che, fino a circa il XIX secolo, la lingua della cultura era il latino: solo in questa lingua si potevano trattare certi argomenti. Nonostante ciò, Dante sceglie di scrivere in volgare, la lingua delle persone comuni, per poter essere compreso da quante più persone possibile.

QUESTI MODI DI DIVULGARE PARTONO DA PREMESSE COMUNI

Da un lato abbiamo il social più utilizzato nel XXI secolo, dall’altro un’opera di uno dei più grandi poeti mai esistiti. Le premesse non potrebbero sembrare più diverse. Tuttavia, da entrambe le parti c’è l’intenzione di divulgare notizie, di parlare di cose complesse nel modo più semplice possibile. Da entrambe le parti, però, ci sono dei rischi: Dante era consapevole del fatto che non sarebbero bastate le informazioni che lui dava nel Convivio per fornire una cultura completa. Allo stesso modo, da un post su Instagram non si può pensare di poter ottenere una formazione adeguata su un certo tema. Tuttavia, la domanda che sorge spontanea è: che cos’è meglio? Non sapere assolutamente niente, o avere una conoscenza superficiale? L’ideale sarebbe ovviamente che, dopo aver avuto un’infarinatura tale da accendere l’interesse, si vada ad approfondire con altre fonti. Questo, però, non può essere controllato da chi pubblica questi post – ne è suo dovere farlo. Sono le persone che leggono che devono capire che non basta informarsi in questo modo, e che la conoscenza data da qualche riga su Instagram non è sufficiente per formarsi un pensiero autonomo.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: