Come un viaggio aiuta a scoprire se stessi: Aldo, Giovanni, Giacomo e Dante

 

 

 

 

 

Il viaggio aiuta a conoscere se stessi e a prendere decisioni ce lo fa capire Dante con il suo capolavoro e ce lo fanno capire Aldo, Giovanni  e Giacomo in tre uomini e una gamba.

Il trio comico più famoso in italia raggiunge l’apice del suo successo nel 97′ con l’uscita del loro primo film tre uomini e una gamba.Il film ci mostra il viaggio dei nostri tre protagonisti da Milano a Gallipoli, dove Giacomo deve sposare la figlia del cavalier Eros Cecconi, rozzo e volgare imprenditore di una catena di negozi di ferramenta dove lavorano malvolentieri Aldo,Giovanni e Giacomo.

Rappresentanti della piccola-media borghesia italiana

I tre protagonisti, pur nella loro semplicità, sono caratterizzati in modo diverso l’uno dall’altro (caratteristiche che rimarranno costanti in tutte le loro opere) Aldo è il più superficiale e ingenuo, facendo tenerezza allo spettatore per la sua costante “innocenza”, Giovanni è la spina dorsale del gruppo, quello più deciso e colui che crede fino alla fine nella loro “missione” di arrivare fino a Gallipoli, mentre Giacomo è il più intellettuale del gruppo e colui che più ne risente della propria condizione di vita ma è anche quello che cresce di più durante il viaggio.Tuttavia proprio per la loro superficialità, chi più chi meno costituiscono lo stereotipo dell’italiano semplice e comune, che si trova a suo agio nella mediocrità ed è alla ricerca di una condizione semplice e facile ma che gli assicuri dei vantaggi senza troppi sforzi.

Galoppini del Paradiso della Brugola

Il viaggio di Dante verso Gallipoli

il viaggio di Dante nella Divina Commedia inizia nella selva oscura che allegoricamente indica la perdizione morale, nella quale ogni uomo durante la sua vita ci si può ritrovare. Infatti tutto ciò che ci descrive Dante lo fa parlando ai vivi affinché possano “ritrovare la retta via”. Retta via in senso moderno che il nostro trio ha perso infatti tutti e tre sono infelici, irrealizzati e vivono la loro vita dipendendo dal suocero, evidente è il matrimonio organizzato di Giacomo che è mosso solo da motivi economici e lavorativi somigliando cosi’ più a un matrimonio “dantesco” medievale che a uno moderno.Tuttavia il viaggio aiuta Dante, è infatti il mezzo morale per il suo cambiamento, infatti durante il suo percorso vedendo da una parte la mostruosità dell’inferno e dall’altra la bellezza del paradiso è poi in grado di capire ciò che è giusto e ciò che non lo è. Questo gli permette gradualmente di cambiare, abbandonando il peccato e diventando via via più puro grazie anche alla guida di Virgilio che lo conduce nell’inferno e nel purgatorio e poi Beatrice in Paradiso.

Il viaggio del trio comico

Il tema del viaggio nel film oltre che ha una funzione essenziale e necessaria per la trama rafforza il legame di amicizia tra i tre protagonisti e aiuta sopratutto Giacomo a prendere coscienza della propria condizione ed a prendere coraggio nel fare le scelte necessarie per cambiarla. Giacomo, quando decide di non sposarsi più, decide di conseguenza di abbandonare una condizione di infelicità ma che gli assicurava una sicurezza economica, famigliare e lavorativa (comfort zone) in vista di una futura realizzazione di sé, dei suoi sogni e di felicità.La chiave di questa decisione e del conseguente cambiamento è l’amore, Giacomo infatti, durante il viaggio, incontra e si innamora in maniera casuale (dopo un incidente) di Chiara e questo gli permette di sperimentare il vero amore disinteressato da tutti gli aspetti materiali della vita che invece prima ricercava (sicurezza economica,lavorativa..) per cui, come la Divina Commedia è continuamente pervasa e infusa del concetto di amore, che poi coincide con Dio, responsabile della redenzione del poeta, così anche nel film comico l’amore veste il compito di guidare le scelta di vita dell’uomo.

 

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.