Il Superuovo

Come lo schermo dissimula e disvela: ecco spiegate le due caratteristiche da Dante a Guè

Come lo schermo dissimula e disvela: ecco spiegate le due caratteristiche da Dante a Guè

Le donne dello schermo popolano i canti danteschi antichi, così come i testi di Gué moderni. 

 

La parola schermo, di derivazione germanica, propriamente significa scudo, riparo, difesa e in questa accezione letterale e letteraria figura già in Dante, il quale certo non poteva immaginarne lʼevoluzione semantica fino a Gué Pequeno.

Uomo dellʼanno, uomo dei secoli: Dante Alighieri

È morto da sette secoli, eppure è indiscutibilmente destinato a essere il personaggio dellʼanno.
Il suo naso adunco, che torreggia su un viso pallido e scavato, campeggia su manifesti, brochure, riviste e copertine librarie ora esibite in vetrine ancora vestite a Natale.
LʼAccademia della Crusca, sui propri canali ufficiali, lo omaggia spiegandone un motto o un neologismo al giorno (e così farà per ogni giorno di questo sospirato 2021).
Di chi stiamo parlando? Ma dellʼAlighieri, naturalmente.

La Vita nova o come lʼamore stravolge lʼesistenza

Ecco, come con le informazioni contenute nel DNA si possono creare nuovi esseri viventi, così, nellʼopera del fiorentino Durante degli Alighieri (1265-1321), è contenuto già lo sviluppo letterario -ed umano- futuro.
Non pensate, però, alla Comedìa; non cadete in questo errore.
Dante ha infatti scritto anche altri componimenti, comunemente apostrofati come minori, ma che, ad ogni modo, sono  preziosi e che, da soli, probabilmente basterebbero a consacrarlo come il nostro più grande poeta del Due-Trecento.
Tra i suddetti scritti minori,  figura la Vita nuova,  prosimetro in volgare, composto fra 1293 e 1295, in cui lʼautore, attraverso lo snodarsi delle liriche e del commento in prosa che le accompagna, narra la vicenda del suo amore per Beatrice.

Dal primo incontro al saluto mancato: la parabola discendente del sentimento

È, in particolare, il 1274 e Dante ha solo nove anni quando vede Beatrice per la prima volta, durante una funzione religiosa.
Il secondo incontro, nove anni dopo. Dante, allora, ne riceve il saluto e…se ne innamora perdutamente e, come tutti gli innamorati, non parlerebbe che di lei, non scriverebbe e non canterebbe che di lei, del suo portamento o dei suoi occhi tanto gentili.
Eppure, per qualche tempo, Dante, secondo le consuetudini cortesi, come il ricorso al senhal, che imponevano il ben celare, ossia la segretezza del rapporto amoroso, non solo cela il nome della donna amata per difenderla dalla curiosità importuna degli invidiosi (lausingiers, in lingua dʼoc), ma anche corteggia altre donne (capp. V-IX) per farne schermo de la veritade.

Se Dante cantasse Guè: «non ti ho vista in Insta già da tempo»

Beatrice tuttavia, offesa dal comportamento del giovane, gli nega il saluto, condannandolo altresì a disperare della salute, della salvezza.
Da questo momento in poi, Dante si muove come un mendicante fra le bancarelle di un mercato.
Elemosina le attenzioni dellʼamata e ne accatta gli sguardi, supplice e indagatore come il rapper Guè Pequeno, in 2% che canta «non ti ho vista in strada e in Insta già da tempo», appellandosi ad un altro schermo come tramite per racimolare informazioni in merito alla propria donna: quello del cellulare.
Instragram, i suoi post ed i suoi filtri diventano, nel 2021, lo schermo che non più dissimula, ma che disvela.

 

La funzione degli schermi: vita nova vs. vita vera

Guè, nel singolo 2%, realizzato in collaborazione con Frah Quintale, canta lʼattuale modalità generazionale di avere informazioni riguardo alla nostra Beatrice; Guè, dunque, citando percentuali di batterie, post e social, canta il nostro schermo e gli schermi, di Pequeno e dellʼAlighieri, sono indubitabilmente differenti, ma vincono la distanza del tempo, assolvendo la stessa funzione.
E qual è la funzione propria e condivisa?
Nientʼaltro che alimentare l’equivoco, al  punto che la nostra vita nova, quella che comincia da che ci innamoriamo, rischia di distare sempre più dalla nostra vita vera.

 

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: