Il Superuovo

Come è stato riproposto Ulisse nella letteratura moderna italiana? Lo vediamo con Pascoli e Gozzano

Come è stato riproposto Ulisse nella letteratura moderna italiana? Lo vediamo con Pascoli e Gozzano

Ulisse è sempre stato un personaggio di grande fascino in ogni ambito e quello letterario, ovviamente, non fa eccezione.

 

Ulisse resiste alle sirene (Fonte: Eroica fenice)

In alcuni casi ci si è però distaccati dai tratti classici del mito, per riproporre un eroe più adatto alle esigenze comunicative ed espressive della letteratura moderna. In particolare, Giovanni Pascoli e Guido Gozzano danno un’immagine di Ulisse inedita.

 

Quali sono le caratteristiche classiche di Ulisse?

Prima di esplorare l’Ulisse moderno, è opportuno mettere in chiaro quali siano gli attributi canonici dell’eroe omerico, riscontrabili nel lungo viaggio di ritorno da Troia ad Itaca. Sicuramente non si può tacere l’astuzia dell’eroe, ben visibile nell’episodio di Polifemo o in quello delle sirene. Ancora decisive sono la sua curiosità e il desiderio di conoscenza, già ben note ai lettori di Omero ma per quanto riguarda la tradizione italiana, definitivamente canonizzate da Dante. Ultimo non può mancare il coraggio, che permette quasi sempre all’eroe di riuscire nella propria impresa.

Una foto di Giovanni Pascoli (Fonte: Corriere Romagna)

 

L’Ulisse di Pascoli è l’eroe del disinganno

Nei Poemi Conviviali Pascoli riprende storie e miti del mondo antico per istituire un confronto con la modernità. All’interno di quest’opera trova spazio una vicenda inedita di Ulisse. L’eroe, dopo aver sostato ad Itaca per alcuni anni, decide di riprendere la via del mare per ritornare nei luoghi già visitati e cercare di capirne le verità nascoste che anni prima gli erano sfuggite. Ed è così, ad esempio, che fa ritorno all’isola di Polifemo, solo per scoprire che il terribile ciclope altro non era che il riflesso di un vulcano sull’acqua alle spalle della nave e che le pietre lanciate verso la sua ciurma provenivano dall’eruzione del vulcano stesso. Scosso per questa rivelazione, decide di dirigersi dalle sirene, alla ricerca della tanto agognata verità. Questo viaggio risulterà fatale, provocando lo schianto della nave contro gli scogli al posto dei quali Ulisse in passato aveva visto le sirene. Prima di essere inghiottito dai flutti Ulisse chiede alle rocce/mostri di rivelargli il senso dell’esistenza, chi sia veramente. La domanda non avrà risposta. È in quest’ultimo episodio che si vede il messaggio che Pascoli affida all’eroe omerico: la vita non è altro che un arrancare verso la vera conoscenza, senza mai davvero ottenerla. In questo senso Ulisse è l’eroe del disinganno, perché questo suo viaggio lo porta a svelare i miti a cui aveva creduto, come nel caso di Polifemo, senza però mai raggiungere la verità tanto agognata.

Una foto di Guido Gozzano (fonte: 900 Letterario)

L’Ulisse di Gozzano è un eroe molto moderno

Guido Gozzano presenta la figura di Ulisse nell’Ipotesi. Questa poesia è il seguito de “La signorina Felicita, ovvero la felicità” e rappresenta l’ipotesi di un futuro in cui Gozzano, sopravvissuto alla tisi, si è sposato con Felicita. Durante una cena con amici Felicita sente parlare del Re-di-Tempeste, ossia Ulisse come denominato da D’annunzio, e chiede di saperne di più. Gozzano, consapevole dell’ignoranza della moglie, decide allora di rivisitare la storia. Ulisse diventa quindi un marito infedele, che visse lussuriosamente girovagando sul suo yacht. Dopo essere stato perdonato dalla moglie fedele, decide però di prendere nuovamente il largo per cercare fortuna in America. Questo viaggio sarà però letale: infatti, sul modello dantesco, invece di arrivare nel nuovo mondo, Ulisse e i compagni si imbatteranno nella montagna del Purgatorio e contestualmente nella loro morte e discesa all’Inferno. L’ignoranza di Felicita è solo un pretesto narrativo per presentare una figura di eroe conforme ai modelli borghesi e al tempo stesso per metterli alla berlina, raffigurando l’eroe come un vecchio gaudente e scialacquatore.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: