Analizziamo l’icona di Madonna a 64 anni dalla sua nascita: un’energia immortale

Madonna Louise Veronica Ciccone compie 64 anni. La pop star americana Madonna è nata a Bay City il 16 agosto 1958.

Visualizza immagine di origine

Madonna non è solo una cantante, è un esperimento sociale, un’opera d’arte, nata per fare rumore e smuovere il pensiero pubblico dominante bigotto e sessista. Da cantante trasgressiva e sexy, a star blasfema e sadomaso a eccentrica e sofisticata cantautrice, senza tralasciare l’immagine di pop star, attrice, attivista, divenendo un’icona mondiale d’immortale bellezza. Con le sue canzoni è stata in grado di sovvertire il potere di un pensiero univoco, e ha lasciato voce, a chi la voce non l’aveva. 255 le canzoni registrate nel corso della sua carriera, ripercorriamo il significato di alcune delle più importanti.

Dalla nascita all’ascesa mondiale

Madonna nasce a Bay City nel 1958. All’età di soli 5 anni, rimane orfana della madre a causa di un tumore al seno. Dopo una difficile fase adolescenziale, Madonna parte per New York con i “famosi” 37 dollari in tasca e tanta voglia di emergere. Nella Grande Mela entra a far parte della prestigiosa Alley Dance Troup, e impara a suonare la chitarra e a comporre musica. Inizialmente fatica a trovare successo, ma grazie all’intraprendenza della ragazza, finalmente, un produttore si offre di pagare le spese per la registrazione di un nastro demo, ed è in seguito a questo episodio che, nel 1983, esce il suo primo album: “Madonna” che la lancia a livello internazionale. Da questo album vengono estratti 6 singoli, che s’inseriscono subito tra i brani piu’ suonati nei night clubs di New York (Everybody, Holiday, Borderline, Burning up, Physical Attraction e Lucky star). Il successo è arrivato immediatamente dopo con la parte da protagonista nel  film “Cercasi Susan Disperatamente” e la pubblicazione di altri tra gli innumerevoli successi discografici, quali: “Like a Prayer”, “Into the Groove”, “Like a Virgin”(che creò non poco scalpore per il suo atteggiamento provocante nei confronti della religione, con la continua fusione tra sacro e profano). Il suo atteggiamento trasgressivo le porterà non pochi scandali: secondo il Vaticano il brano “Like a prayer” è blasfemo e il tour Blonde Ambition offensivo. È stato il Cardinale Tonino in persona, su approvazione di Papa Benedetto XVI, a dichiarare “Questa volta ha davvero superato il limite”. Sul palco degli MTV VMA del 2003 Madonna bacia Britney Spears e Christina Aguilera. Nel 1990 Madonna ha rifiutato la stella sulla Walk of Fame, poichè non era interessata.

Visualizza immagine di origine

Vogue e la liberazione omosessuale

E’ il 20 marzo del 1990 quando “Vogue”, primo singolo estratto dall’album “I’m Breathless”, vede Madonna immediata Regina anche del nuovo decennio. Oltre 6 milioni di copie vendute, e un ballo, il vogueing, tramutato in must mondiale dopo aver fatto furore nei locali gay degli Stati Uniti, nell’imitare le pose plastiche delle modelle e dei modelli che appaiono sul noto magazine americano, Vogue. Epocale, a dir poco, l’esibizione agli MTV Video Music Awards del 1990, con Madonna negli abiti di Maria Antonietta e i suoi ballerini in pieno stile Francia del XVIII secolo. Il messaggio di Madonna è quello di guardare avanti e.. “Strike the Pose”, ovvero, un “guarda e passa” Dantesco con Vibes anni ’90. Che t’importa di chi ti sta guardando? Continua a muoverti seguendo la musica, e soprattutto il tuo corpo. Questa canzone, negli anni ’90, ha consentito alle persone appartenenti alla community LGBTQ+ di sentirsi liberi nella loro sessualità e nelle loro naturali movenze.

Visualizza immagine di origine

 

Express Yourself e il femminismo

Express Yourself” è stata pubblicata il 9 maggio 1989 come secondo estratto dall’album “Like a Prayer”. E’ un brano dal sapore vero e proprio di girl power, nel quale si invita le donne ad ottenere quello che vogliono e a non sentirsi mai seconde per qualcuno. L’uomo che le ha accanto deve rendersi conto della fortuna e consiglia alle ragazze di non farsi abbindolare facilmente. Inoltre, suggerisce loro di mettere alla prova chi si ama per comprendere pienamente le sue intenzioni. Durante un’intervista realizzata ad un programma televisivo della BBC, Madonna parlò, scherzosamente, del principale tema del video, sostenendo che la metafora del gatto rappresenta Pussy rules the world (utilizzando il gatto come metafora, poichè in inglese la medesima parola significa sia l’organo sessuale femminile, che il gatto). La rivista statunitense Time Magazine, ha inserito il video all’ottava posizione nella classifica dei 30 video più belli della storia della musica. Slant Magazine ha stilato una lista dei “100 migliori video musicali” riservandole il primo posto come miglior video di sempre.

Visualizza immagine di origine

Like a Prayer e il rapporto sacro-profano

Like a Prayer” è stata pubblicata il 3 marzo 1989. “Like a Prayer” è una canzone Pop-rock con elementi della musica Gospel. Un coro offre voci di sottofondo che accrescono la natura spirituale della canzone, mentre una chitarra rock mantiene la musica oscura e misteriosa. Nel testo della canzone, Madonna introduce alcune parole liturgiche, ispirate dall’educazione cattolica con la quale è cresciuta, ma ne cambia il contesto di utilizzo; esse, infatti, posseggono sfumature di significato che permettono sia un’interpretazione religiosa, ma anche allusioni sessuali. Lei crede che l’acqua e il vino, che i cattolici pensano che si trasformino nel Corpo di Cristo durante la messa, abbiano poteri trasformativi e ogni parola nella preghiera abbia un significato preciso. Per Madonna, la canzone, ha questo potere trasformativo.  “Like a Prayer” è uno dei videoclip più controversi della storia. Madonna appare nei panni di una ragazza che ha appena assistito a uno stupro, ha visto in faccia i responsabili, così scappa e si rifugia in una chiesa. Qui trova la statua di un santo di colore che si anima, la abbraccia e la bacia, e poco dopo lei scopre di avere le stigmate. In un’altra scena quell’uomo di colore è un ragazzo che viene arrestato per colpe non sue. E Madonna proverà a scagionarlo. Tutto questo mentre la popstar, capelli neri e un abito a sottoveste dello stesso colore, balla davanti a delle croci infuocate e poi in mezzo a dei bambini. Il video verrà censurato, e non sarà l’unico. Dopo “Like a Prayer” la stessa sorta capiterà a “Justify my Love, Erotica, What It Feels like for a Girl“. Nel 2007 “Like a Prayer” è stato eletto da Mtv il video che più ha scosso il mondo, dopo “Thriller” di Michael Jackson.

Visualizza immagine di origine

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.