Una vita in vacanza: come “Lo Stato Sociale” prende spunto dai classici della sociologia

“Una vita in vacanza” è sia una canzone sia una critica sociale che mette in evidenza le teorie classiche

Una vita in vacanza” della band “Lo Stato Sociale” è una canzone che tende ad esprimere alcuni dei concetti base più importanti delle teorie sociologiche classiche con lo scopo di denunciare alcuni difetti del nostro welfare state

Lo stato sociale

Lo stato sociale” è una band dall’occhio critico che cerca con i suoi bellissimi pezzi di evidenziare alcuni difetti della società attuale e, non a caso, Alberto Cazzola, Lodovico Guenzi e Alberto Guidetti hanno deciso di dare al loro gruppo questo nome. Lo Stato Sociale infatti, o “Welfare State”, è il modello societario in cui ci ritroviamo a vivere oggi, anche se ancora con qualche difetto, nato dalla necessità da parte della gente di tutelarsi a vicenda per poter vivere e sopravvivere. La sua nascita però è abbastanza lunga e travagliata, basti pensare che le prime opere di assistenza nei Comuni italiani nascono nel Medioevo ma solo nel Settecento iniziarono a svilupparsi le prime forme vere e proprie di assistenza e beneficenza laica. Le basi dello stato sociale come lo conosciamo oggi nascono solo nel 1942 grazie a Lord Beveridge che tentava in tutti i modi di combattere povertà, malattia, ignoranza, squallore e ozio.

Una vita in vacanza

Vivere “Una vita in vacanza” lo possiamo considerare quasi il sogno di tutti, una lontana utopia che ci libererebbe dalla stanchezza e dallo stress di tutti i giorni passati a “vivere per lavorare” invece che a “lavorare per vivere” e soprattutto potrebbe eliminare la paura di molti di non riuscire ad arrivare a fine mese nonostante impegno e fatica. Come si potrebbe vivere in vacanza? Marx risponderebbe a questa domanda dicendo che ciò sarebbe possibile solo tramite l’abolizione del capitalismo che ha reso le persone schiave del lavoro, rendendo la vita una continua corsa al guadagno, sempre più elevato, mettendo da parte l’unica cosa che non potrà mai tornare indietro: il tempo per vivere. Questo sistema economico ha gettato nel dimenticatoio la ragione per cui lavoriamo, ovvero la necessità di dividere tra gli uomini i vari compiti necessari per sopravvivere insieme, come teorizzato da Durkheim, e godere del resto del tempo rimasto vivendo la vita, l’amore, l’amicizia e la famiglia.

Una vecchia che balla

Perché è così strano vedere una vecchia che balla? Perché facciamo quello che facciamo? Questi sono alcuni dei quesiti che “Lo stato sociale” ha tentato di spolverare nel suo brano. A rispondere a tali domande sono stati i sociologi Durkheim e Goffman. Durkheim per primo si è chiesto cosa portasse le persone ad assumere un determinato comportamento elaborando così la teoria dei “fatti sociali” ovvero tutte quelle norme o valori che definiscono le azioni degli individui esercitando una costrizione esterna e quando queste norme vengono infrante si viene considerati “strani” da chi ci osserva. Per questo una vecchia che balla, come un giovane senza telefono, fanno molto scalpore perché questi si distaccano dal ruolo che la società imprime su di essi. A domandarsi perché facciamo quello che facciamo è stato anche Goffman il quale ha descritto la vita di tutti i giorni come un palcoscenico in cui tutte le persone sono attori dedite a recitare nel ruolo che la società gli ha imposto o che comunque si autoimpongono per poter soddisfare determinati canoni sociali. Non a caso nel video della canzone “Una vita in vacanza” dopo la domanda “perché lo fai?” la band si ritrova all’interno di un teatro pronta per essere presa in giudizio da tre giudici.

Una vita migliore in vacanza

L’evoluzione dell’uomo ci ha dato l’opportunità di passare da una vita di sopravvivenza ad una vita di spensieratezza e felicità ma nonostante tutto la costrizione esterna che ci viene plasmata sia dal capitalismo che dalla paura del giudizio degli altri limita il nostro diritto alla libertà di vivere una vita in vacanza.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.