Una scoperta spaziale

Un bagliore proveniente da una galassia lontanissima, ha permesso agli astronomi di assistere alla nascita di un sistema binario di stelle di neutroni. Il 14 ottobre 2014 una telecamera ha rilevato un punto luminoso che il giorno prima non c’era e che poco dopo era scomparso. Come prima spiegazione gli astronomi ipotizzarono un evento di supernova, ma dopo una serie di osservazioni giunsero alla conclusione che l’emissione di energia era anomala. Dopo diverse ipotesi, il team di ricerca internazionale è giunto alla conclusione di aver colto la nascita di una stella di neutroni in rotazione attorno a un’altra stella simile.

Sistema binario di stelle di neutroni

Le stelle di neutroni

Una stella di neutroni è un oggetto estremamente denso e compatto, costituito per lo più da neutroni tenuti insieme dalla gravità. Queste stelle si formano generalmente per collasso gravitazionale e finiscono per avere una massa di poco superiore al Sole condensata in pochi chilometri di diametro. Il collasso gravitazionale si verifica quando una stella massiccia è tra 10 e 30 masse solari e ha esaurito il combustibile per la fusione nucleare. Se in quella fase la stella ha perso la maggior parte del suo guscio di idrogeno ed elio, il risultato finale sarà una stella di neutroni. Quando la pressione verso l’esterno dovuta alle reazioni nucleari non riesce più a contrastare l’immensa gravità dell’oggetto, subentra il collasso, che comprime gli atomi fino a fondere tra loro elettroni e i protoni, trasformandoli in neutroni. In casi rari è possibile che due stelle di un sistema binario subiscano entrambe la stessa sorte, trasformandosi in stelle di neutroni. Un fenomeno contemplato dalla teoria, ma mai riscontrato prima d’ora.

Schema di una stella di neutroni

Nella fantascienza

Stella di neutroni è un racconto del 1966 dello scrittore Larry Niven. La storia è ambientata nell’universo del ciclo dello Spazio conosciuto. Durante una missione di studio ravvicinata di BVS-1, una stella di neutroni, due scienziati vengono uccisi all’interno di uno scafo della General products da una misteriosa forza. I costruttori della nave vogliono capire cosa ha potuto penetrare nell’astronave e danneggiare l’equipaggio. Per tale motivo viene incaricato un investigatore che accetta la missione a patto di avere anch’egli uno scafo della General products equipaggiato con i migliori motori e armamenti disponibili. Si accinge quindi a replicare la missione originale. Durante la fase di avvicinamento il pilota nota che la prua della nave tende ad orientarsi verso la stella piuttosto che lungo la rotta stabilita. Quando la forza misteriosa supera una gravità terrestre decide di accendere i propulsori per compensare la spinta finché non ritorna in caduta libera. A questo punto si rende finalmente conto che la forza misteriosa non è altro che la forza di marea che sta cercando di forzare le estremità della nave su due orbite differenti.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.