Il Superuovo

Sole: nuove foto dalla NASA mostrano filamenti di plasma inspiegabili

Sole: nuove foto dalla NASA mostrano filamenti di plasma inspiegabili

Il telescopio Hi-C (High Resolution Coronal Imager), partito in missione nel 2012, ha portato con sé nuove ed interessanti immagini ed informazione circa la natura della nostra stella

Particolare importanza è stata data alle immagini che ritraevano una regione prima ritenuta neutra del sole, emettere intensi filamenti di plasma, comportamento anomalo data l’incompatibilità con gli attuali modelli scientifici che ne descrivono il comportamento

Una fotocamera nello spazio

Si può definire così il telescopio Hi-C, una potentissima fotocamera lanciata nello spazio. Nel 2012 durante in volo suborbitale attorno alla stella, è riuscito a scattare immagini ad alta definizione e di notevole bellezza, oggi i ricercatori entrati in possesso di quanto raccolto dal telescopio, sono rimasti sorpresi di quanto sorpreso. In una regione creduta neutra dal punto di vista elettromagnetico, sono stati scoperti numerosi filamenti di plasma, gas ad altissima temperatura, non previsti dal modello scientifico oggi in uso per descrivere proprietà e comportamenti della nostra stella. Ma le sorprese potrebbero non finire data la ridottissima superficie esaminata, infatti Hi-C sorvolando a “soli” 283 km di quota il sole per una decina di minuti, riuscì a scattare circa 165 foto, con una definizione 14 volte maggiore dei telescopi usati per la sua osservazione, arrivando ad analizzare strutture solari grandi solo lo 0,o1% della stella. Ulteriori analisi potrebbero evidenziare altre anomalie, o elementi prima considerati improbabili.

Il plasma

Fin da quando iniziamo a studiare il nostro mondo alle elementari o alle medie, ci è sempre stato detto che gli stati della materia sono tre, solido, liquido o gassoso. Mi rincresce dunque comunicarvi che secondo la scienza moderna gli stati della materia si dividono in 19 tipi, ma quello che prenderemo in esame sarà uno solo, il plasma. Si tratta di gas ad altissime temperature, o per meglio dire un gas ionizzato, costituito per l’appunto da elettroni e ioni. Sulla terra si manifesta sotto forma di fulmini e aurore boreali, ma nell’universo costituisce il 99% della massa esistente, essendo il costituente di nebulose, stelle e dunque del sole. Anche le scritte al neon utilizzano gas ionizzati, e dunque plasma, ma non sono niente di paragonabile a quello emesso dal sole. In campo energetico, i reattori a fusione nucleare, oggi ancora uno strumento di ricerca, ma in futuro un’enorme fonte di energia, sfruttano plasma ad altissima temperatura, confinato in un campo elettrico potentissimo, per produrre energia elettrica.

Conoscere il sole

Conoscere la fonte della nostra vita è ritenuto un obbiettivo fondamentale, dato l’impatto che piccoli cambiamenti nel comportamento del sole potrebbero portare all’intero ecosistema terrestre e alla nostra società. Quante volte vi è capitato di vedere un film in tv, giocare al pc, o cucinare, e ritrovarvi improvvisamente al buio a causa di un blackout ? I brillamenti solari, ovvero fortissime emissioni di energia attraverso il vento solare,l’ondata di particelle che quotidianamente raggiunge il nostro pianeta e in gran parte viene deviata dal campo magnetico, potrebbero portare a risultati simili se non più gravi. Secondo alcuni studi un brillamento solare, se non previsto e contrastato in tempo, o almeno mitigato, potrebbero mandare in tilt qualsiasi strumento elettronico o magnetico. Nel corso della storia sono stati numerosi brillamenti solari, alcuni accaduti di recente e registrati. Ad esempio il 4 agosto del ’72, in Vietnam, un brillamento solare fece detonare migliaia di mine subacquee magneticamente sensibili. Conoscere e monitore il sole è dunque fondamentale per prevedere questo fenomeno solitamente innocuo, ma potenzialmente in grado di riportarci ad inizio ‘800.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: