Il Superuovo

Saviano ci parla di potere e conformismo nel suo nuovo libro “Gridalo”

Saviano ci parla di potere e conformismo nel suo nuovo libro “Gridalo”

Gridalo è il nuovo libro di Roberto Saviano in cui ci racconta una serie di storie per aiutarci a crescere

Con il suo nuovo libro, Roberto Saviano ha scritto qualcosa di diverso dal solito, ha cercato di diffondere la sua esperienza di vita e culturale ai suoi lettori nella speranza di poter essere loro d’aiuto

Gridalo

Gridalo” è il nuovo libro di Roberto Saviano ma più che un libro l’autore ha provato a creare una mappa, come lui stesso afferma, una guida, su come sopravvivere al mondo fino ad ora sociologicamente conosciuto affinché possano i suoi lettori scoprire cosa si cela oltre le nuove “Colonne d’Ercole”. Raccontando una serie di storie, Saviano cerca di far di sé il grillo parlante di chi lo legge, una figura che per sé stesso, con rammarico, dice non esserci stata. Di tutte le storie che ci racconta, noi andremo ad analizzare con un’ottica psicosociale le prime pagine del suo testo in cui si parla di potere e conformismo.

Schmitt e il potere

Nelle prime pagine del suo testo, Roberto Saviano descrive la sua prospettiva sui libri dell’autore che ha innestato le basi per la nascita dell’ideologia nazionalsocialista, ovvero Carl Schmitt, sottolineando che leggere i suoi libri non vuol dire conformarsi al suo pensiero ma tentare di ampliare la propria visione sulla realtà. Saviano ci racconta come Schmitt avesse capito che per creare un leader forte, ed un regime, ci fosse bisogno di due fattori: un nemico comune, chiunque esso sia non importa, e uno stato d’eccezione, ovvero una situazione di emergenza che porta alla fine dello stato di diritto. Come un uomo possa accumulare tanto potere è una delle domande che la sociologia si è sempre posta e a rispondere a tale quesito ci ha pensato il sociologo Max Webber. Lo studioso ha elaborato una teoria secondo cui esistono tre tipi di potere ed uno di questi è quello a cui ambiva Schmitt, quello che avrebbe portato alla nascita di un regime dittatoriale ed è quello che ha portato alla nascita del nazismo: il potere carismatico. Tale potere lo si ottiene grazie al carisma del leader che cerca di esercitarlo, ma per carisma non si intende la capacità di eloquenza di una persona ma bensì l’abilità di far credere alle persone di possedere poteri quasi sovrumani, per esempio: Hitler fece credere di essere un messia in grado di risollevare la Germania e renderla di “razza pura”; Gesù, secondo la letteratura, era in grado di fare miracoli; persino Salvini ha cercato di far credere di essere in grado di far riprendere economicamente l’Italia e di poter fermare un fenomeno come l’immigrazione portando a se il 34% dei consensi degli italiani. Gli altri due tipi di potere teorizzati da Webber sono: il potere tradizionale, tipico delle società con strutture sociali rigide (le vecchie aristocrazie europee) e il potere legal-razionale, ovvero un potere legittimo che si ottiene con precise regole.

Saviano contro il conformismo

Tra le prime pagine del nuovo libro, Roberto Saviano esprime la sua paura riguardo la possibilità che hanno i suoi lettori di perdere la speranza nei propri ideali e nei concetti di giustizia e verità a causa degli eventi a cui tutti assistiamo giorno per giorno. Saviano cerca di evitare che le persone si conformino alle masse a causa della perdita della speranza. In psicologia il conformismo infatti è proprio questo, ovvero conformare le proprie idee e i propri atteggiamenti a quelli degli altri per via dell’influenza sociale che subiamo. Più persone hanno idee simili tra loro e più chi ha un pensiero diverso tende a conformarsi in modo tale da diminuire le proprie incertezze e sollevare il nostro ego. Per questo, dice l’autore, ha scritto questo libro, per “… all’occorrenza farti da scudo”.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: