Il Superuovo

Salute umana: se vuoi una vita lunga, ringrazia i batteri simbiotici

Salute umana: se vuoi una vita lunga, ringrazia i batteri simbiotici

Si è riuscito a risalire effettivamente alla durata della vita umana nel momento in cui non si incorre in patologie o altri tipi di infortuni.

L’uomo possiede una microflora batterica simbionte che viene modulata dalle abitudini alimentari e non solo. Questo tipo di rapporto permette di amplificare l’aspettative di vita e la sua qualità.

Le varie storie dietro la longevità umana

Le varie storie riguardo all’uomo più vecchio di sempre sono per la maggior parte inventate. L’uomo e la donna più longevi del mondo sono arrivati all’età di centoventi anni. In aggiunta per la maggior parte della classifica sono donne. La leggenda più particolare è quella di Mbah Gotho, il quale vive sull’isola di Java in Indonesia e dice di avere 146 anni, ma non è stato dimostrato in nessun modo questo fatto e quindi non è stato inserito nella lista delle persone più anziane del mondo.

La ricerca sulla durata della vita

La ricerca scientifica sembra aver scoperto che la durata massima della vita per il corpo di un essere umano è di centocinquanta anni. Ovviamente questa considerazione parte dal presupposto di mantenere uno stato di salute accettabile o evitare qualsiasi tipo di infortunio. Per eseguire la valutazione del deterioramento dell’uomo gli scienziati hanno brevettato una metodologia per la lettura delle fluttuazioni nei vari numeri di cellule nel sangue, ottenendo così un indicatore di misura chiamato “indicatore di stato dinamico dell’organismo” (DOSI). L’aspetto più rilevante di questo indicatore è che diminuisce con il diminuire della resilienza dell’organismo, ossia la sua capacità di rigenerarsi. Inoltre si è scoperto che ci sono due picchi nelle traiettorie dell’invecchiamento: uno intorno ai trentacinque anni e  un altro intorno ai sessantacinque anni, che coincidono all’incirca con le date in cui gli sportivi si ritirano dalla carriera agonistica, nel primo caso e le persone più anziane vanno in pensione, nel secondo.

Come il microbiota può ampliare la qualità e la durata della vita

Il microbiota sono l’insieme dei microrganismi che albergano nel nostro corpo. Il più importante per la salute umana è il microbiota intestinale, che processa tutti gli elementi nutrizionali che assumiamo e li sfrutta per creare intermedi utili alla salute umana. Capire come modulare in maniera consapevole la nostra microflora è una delle chiavi di volta della medicina preventiva. Saper sfruttare questo rapporto di simbiosi in maniera consapevole è fondamentale per mantenersi in salute e aumentare le aspettative di vita. Il punto di forza del microbiota è la sua diversità, infatti le specie batteriche che lo compongono sono tantissime e lavorano in maniera differenziale all’interno dell’organismo umano.

La qualità della vita dipende molto dalle scelte personali che si compiono ogni giorno e a come sfruttiamo ogni risorsa e ogni attimo a nostra disposizione.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: