L’anoressia nervosa: un incrocio tra disturbo psicologico e anomalia del metabolismo

 

Per anni i problemi legati al metabolismo nei soggetti anoressici sono parsi solo una diretta conseguenza della malnutrizione. E se invece fosse il contrario, se ne fossero la causa?

L'anoressia nervosa: un incrocio tra disturbo psicologico e anomalia del metabolismo

Ad oggi l’anoressia è considerata una malattia prettamente mentale. Un disturbo ansioso, con il cibo che diventa un’ossessione e smaltire le calorie una vera e propria battaglia personale. Diversi modelli, studi e ricerche hanno approfondito le dinamiche che si instaurano tra una persona malata e il suo nutrimento. Negli anni si è provato anche a stabilire se esista un certo gruppo di disturbi comune a tutti gli anoressici e quindi a descrivere una sorta di temperamento e tratti della personalità corrispondenti. In particolare sembrano predominanti il perfezionismo, l’impulsività e la bassa autostima. Avere degli obiettivi molto elevati, queste pretese eccessivamente pignole e non esattamente ragionevoli, ma anche avere una percezione del sé vaga, a cavallo tra la mania di perfezione tanto sognata e la paura di essere aspramente criticati per il proprio aspetto fisico, è la base per chi è colpito da un disturbo alimentare. Il perfezionismo è uno dei tratti caratterizzanti il disturbo ossessivo-compulsivo.

 

L'anoressia nervosa: un incrocio tra disturbo psicologico e anomalia del metabolismo
la perfezione alla base del disturbo

Il disturbo ossessivo-compulsivo

È un disordine che presenta una grande varietà di sintomi e manifestazioni. Infatti in letteratura ci sono tantissime categorie, sottocategorie e classificazioni tipiche del DOC. L’ossessione, assieme alle compulsioni, è il sintomo principale del disturbo ed in questo caso specifico è la fissazione per il cibo. È una malattia cronica, che può avere fasi di miglioramento e peggioramento, ma, nella vita quotidiana, incide enormemente. Le ossessioni sono pensieri, idee che invadono la mente dell’uomo e che, appunto, sono intrusive, fastidiose e prive di senso. Le compulsioni, invece, sono quasi delle risposte al fastidio provocato da quelle immagini mentali. Nei casi di anoressia, i soggetti possono pensare al cibo per tutto il giorno. Possono anche cucinare per la famiglia, parlare continuamente di cose da mangiare e assumere degli atteggiamenti stereotipati riguardanti l’alimento, come ad esempio sminuzzarlo prima di ingerirlo. Ovviamente è improprio diagnosticare a tutte le persone anoressiche questa patologia, ma è facile stabilire che vi è una certa base comune. Una nuova indagine, però, ha cercato di stabilire come questo disturbo alimentare sia un incrocio tra psicologia e genetica.

 

L’indagine

Un centinaio di scienziati provenienti da tutto il mondo e sotto la guida del King’s College London e dell’Università del North Carolina ha indagato l’importanza del metabolismo nell’insorgenza di questo disordine alimentare. Mentre fino ad ora l’anoressia sembrava avere un’origine prettamente mentale e psicologica e l’irregolarità del metabolismo essere solo una diretta conseguenza della malnutrizione, gli studiosi hanno provato a dimostrare il contrario. Questa ricerca, di vasta portata, è stata compiuta su 16.992 pazienti con anoressia nervosa e 55.525 pazienti sani provenienti da 17 Paesi tra Europa, Nord America e Australasia. La cosa, forse, eccezionale è stata l’aver compiuto un’analisi di praticamente tutti i geni e l’aver scoperto, quindi, 8 regioni cromosomiche che accomunano gli anoressici. Un’altra scoperta interessante è poter collegare quegli otto loci non solo al disturbo ossessivo-compulsivo, ma soprattutto ai problemi legati al metabolismo. È un bene poter ipotizzare che vi sia quest’ultimo alla base del disturbo alimentare e che quindi siano proprio queste anomalie a gestire male gli zuccheri presenti nel sangue o il grasso corporeo.

Sonia Felice

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.