fbpx
La forza dell’elettorato black e arcobaleno: ecco come Biden ha vinto le elezioni

A due giorni dalla vittoria di Joe Biden su Donald Trump nella corsa alla presidenza statunitense analizziamo la composizione dell’elettorato che lo ha premiato.

 

Che Biden fosse il candidato dei media e delle celebrities statunitensi era ormai chiaro da tempo ma ciò che stupisce è la reazione della gente comune, di coloro che poi, d’altra parte, hanno riposto fiducia in quest’uomo dalla vita travagliata e segnata dalla perdita. Da due giorni circolano sulla rete una miriade di video che ritraggono i cittadini delle città simbolo degli Stati Uniti scendere in strada armati di bandiere arcobaleno a festeggiare il risultato elettorale. E questo è un dato significativo se si pensa alla composizione dell’elettorato di Biden. Vediamo allora chi lo ha accompagnato nella corsa alla Casa Bianca.

 

L’elettorato femminile

Quella di selezionare Kamala Harris alla vicepresidenza è stata, come lo ha definita la stessa Harris, una scelta audace ma non solo. La visionarietà di Biden sta nell’aver intercettato le rivendicazioni che venivano dal basso, da quegli stessi cittadini che poi sono scesi in strada a festeggiare il risultato elettorale. Dopo quattro anni di presidenza Trump accompagnati dal susseguirsi di continui scandali e dall’emergere di movimenti di rivendicazione dell’eguaglianza dei generi, Biden ha selezionato una donna, figlia di una immigrata indiana, alla vicepresidenza. La conseguenza è stata chiara: il 56% dell’elettorato femminile lo ha premiato. Non solo, se Biden si erge a difesa delle donne nel confronto con Trump, accusato per altro di aver ignorato la questio generis, non è nemmeno da trascurare l’impegno dimostrato in precedenza dall’ormai presidente degli Stati Uniti a favore della tematica. Si pensi al Violence Against Women Act, firmato da Bill Clinton e co-sponsorizzato dallo stesso Biden, al tempo senatore.

 

L’elettorato Black

Non solo le donne si sono schierate a favore di Biden, anche la Black Population ha rivestito un ruolo determinante nell’accompagnarlo alla Casa Bianca. E di nuovo non si può prescindere dal confronto con Trump. è, di fatti, ormai passato ormai un anno dall’omicidio di George Floyd che ha innescato il movimento “Black Lives Matter” e anche in quell’occasione Trump non ha saputo né tantomeno voluto assecondare l’onda del malcontento popolare tanto da schierarsi a favore delle forze dell’ordine. Ecco, quindi, che Biden è venuto ad incarnare le prerogative della Black Population, che l’ha acclamato fin dal primissimo annuncio di concorrere a presidente degli Stati Uniti d’America. Si stima che ben l’87% della popolazione afroamericana abbia votato a suo favore. E ancora non si può non menzionare la scelta di nominare Kamala Harris vicepresidente, che non a caso sin dal primo istante ha fatto della frase “I’m a Black Woman” lo slogan della sua campagna elettorale. Quel che non è noto ai più è che anche la componente Latinos rientra nella dicitura Black Population. Ed ecco che anche in questa fetta di elettorato Biden ha riscosso un successo fuori dagli standard: due terzi della popolazione ha votato a favore del partito democratico.

L’elettorato Lgbqt

Un ruolo da non sottovalutare ha poi ricoperto nella vittoria di Biden la comunità Lgbqt. Si pensi alla scelta mediatica di portare sul palco Lady Gaga, da sempre schieratasi a favore dei diritti della gay e transgender community. Il 61% del cosiddetto elettorato arcobaleno si è espresso a favore dei democratici e nuovamente è d’obbligo il confronto con l’amministrazione Trump, che ha viaggiato per ben quattro anni in direzione opposta alla promozione di eguali opportunità per gay e transgender. Non solo, famosa è l’opposizione di Trump all’ Equality Act e la sua scelta di creare un sistema giudiziario, dalle district court alla Supreme Court ostile alla comunità. Al contrario, il presidente eletto si è subito erto a favore dei diritti arcobaleno, esprimendo la volontà di far passare una legislazione a favore dei diritti della comunità Lgbqt nei suoi primi 100 giorni di presidenza. Ecco quindi spiegato l’entusiasmo dei cittadini americani all’annuncio della vittoria di Biden; cittadini che al grido di “uguaglianza” sono scesi in strada armati di bandiere arcobaleno a testimonianza del ritrovato progresso della politica statunitense.

 

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: