Il colosso Dorian e la sua pericolosità: perché la scienza è ancora ignota sulle sue origini?

In questi ultimi giorni l’uragano Dorian, uno dei più pericolosi della storia, sta terrorizzando l’intera costa Est del Nord America. Ovunque vada porta distruzione, e, a volte, morte. Nelle Bahamas ha fatto 5 vittime, di cui un bambino di soli 8 anni e ora minaccia altri milioni di vite.

L’uragano Dorian dopo aver raggiunto il picco di ‘categoria 5’ (che è il massimo nella scala Saffir-Simpson ) sta lentamente scendendo, ed oggi stesso è stato classificato ‘categoria 2’. Ma ha ancora molti kilometri da percorrere prima di aver fatto il suo corso. Attualmente si sta spostando verso nord, seguendo la costa.

Il Percorso di Dorian

Percorso futuro di Dorian

Dorian ha da poco investito in pieno le Bahamas con una forza devastante, portando alla morte (quelle accertate) di 5 persone e distruggendo centinaia di abitazioni, si era previsto il suo passaggio ed era stata attuata un’evacuazione, per quasi tre giorni la sua furia si è abbattuta sull’arcipelago caraibico con venti di quasi 300km/h e raffiche di 350km/h. Oltre alla forza devastante ciò che desta più preoccupazione è la lentezza con cui si sposta, perché essendo molto lento rimane a lungo nei luoghi colpito, portando ancora più distruzione. Il prossimo bersaglio nel mirino di Dorian è la Florida, ma per fortuna con una minor forza, per poi proseguire verso la Georgia ed in seguito il North e South Carolina. Sia il governatore della Florida, che quello della Georgia, del North e South Carolina hanno dichiarato lo stato di emergenza, chiedendo alla popolazione di mettersi in salvo e preparasi al più devastante evento delle loro vite, dicendo alla popolazione di preparasi scorte alimentari e medicinali per almeno una settimana. Attualmente ha venti sotto i 200km/h. Ora c’è solo da sperare che diminuisca ulteriormente e che si allontani dalla costa.

Come si forma un uragano?

Struttura di un uragano

Ma come mai una semplice tempesta può arrivare a trasformarsi in un uragano devastando qualsiasi cosa tocchi? Ancora la meccanica precisa non la sappiamo ma il concetto fondamentale sì. Partiamo dalla sua definizione: un uragano è un enorme massa d’aria che ruota a velocità elevatissime e che scatena piogge intense e venti molto violenti. Quando una massa d’aria calda che si trova sopra l’oceano sale crea sotto di sé una zona di bassa pressione, salendo si raffredda ed essendo carica d’acqua forma nuvole, il continuo muoversi dell’aria a causa della differenza di pressione fa si che le nuvole formatesi comincino ad assumere un movimento circolare, intorno ad un punto ben preciso, che viene chiamato ‘l’occhio del ciclone’, dove non ci sono né venti né piogge. Per classificare gli uragani si usa la scala Saffir-Simpson che è un sistema di misurazione della loro intensità, che va da un minimo di 1 ad un massimo di 5. La maggior parte degli uragani rimane di bassa intensità, ma a volte capita, invece, che la loro velocità aumenti notevolmente e che, come in questo caso, possono essere devastanti.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.