Il Superuovo

Here Comes The Sun…ma non troppo: l’analogia solare ne “La Repubblica” di Platone

Here Comes The Sun…ma non troppo: l’analogia solare ne “La Repubblica” di Platone

La notte tra sabato 27 e domenica 28 ottobre ritornerà l’ora solare. Alle 3 le lancette dovranno essere spostate di un’ora indietro ma tranquilli, se avete uno smartphone dovrebbe provvedere lui a tutto!
La routine cambierà, seppur minimamente, la notte scenderà prima ma con essa anche il morale? Consoliamoci col fatto che il sole sta sempre lì, nessuno lo muove. E poi un cielo stellato non ha mai fatto male a nessuno.

Here Comes The Sun

Nel 1969, all’inizio della primavera, un venticinquenne George Harrison decise di non andare al lavoro per andare a casa di un amico, il chitarrista Eric Clapton. E così un giorno ho deciso di bigiare e anziché andare alla Apple sono andato a casa di Eric Clapton. Il sollievo di non dover vedere quegli stupidi avvocati era meraviglioso, e mentre passeggiavo nel giardino con in mano una delle chitarre acustiche di Eric ho scritto la canzone.Franco Zanetti, Il libro bianco dei Beatles (Giunti,2012)“. La Apple Records è una casa discografica britannica e quindi, come avrete intuito, George Harrison non era né un avvocato, né un amico di Steve Jobs (quella Apple sarà fondata sette anni dopo) ma il co-fondatore della band più influente e gloriosa del mondo: The Beatles. La canzone, presente nell’LP Abbey Road, esalta il piacere provocato dalla presenza del Sole e saluta l’inverno appena passato. Il sole è decantato come portatore di felicità e sorrisi.  Quando c’è lui non può che andare tutto bene. Interessante come questo pezzo nasca in un momento di grande insofferenza artistica per l’autore ma in generale per tutta la band, che solo un anno dopo si sarebbe sciolta. Solo un raggio di sole poteva portare un po’ di pace e serenità nella vita di un artista, che era pur sempre un uomo. George Harrison ci ha lasciati nel novembre del 2001, ma è quasi sicuro che se oggi fosse qui non sarebbe una buona giornata per lui.

L’analogia solare nel VI libro della Repubblica

Here comes the Sun anche nella Filosofia, in particolare in Platone, che nella celeberrima Repubblica definisce il sole rampollo del bene e se ne serve in maniera a dir poco geniale per definire la forma più alta di conoscenzal’idea di Bene con l’analogia solare Platone, Repubblica, libro VI, 506d-509b“.In questo dialogo, Platone dà voce ai personaggi di Socrate (come di consuetudine), Trasimaco, Glaucone, Polemarco, Adimanto e Cefalo. Nel VI libro viene chiesto a Socrate di discutere del bene, così come in precedenza aveva fatto con la giustizia e le altre virtù. Beh, oggi al Milionario una domanda del genere varrebbe il massimo del montepremi, e probabilmente il buon Socrate lo avrebbe pure vinto! Si, perché con l’analogia solare e la sua immancabile dotta ignoranza Egli riesce ad aggirare la richiesta soddisfando tutto l’uditorio, forse anche Trasimaco. Sole: Re dei sensibili= Bene: Re degli intelligibili. Proporzione molto semplice per spiegare il tutto. Il sole garantisce la vita sulla Terra perché illumina e dà nutrimento ai miseri e corrotti esseri sensibili. Il Bene, dal canto suo, deve garantire vita e nutrimento alle idee, che abitano il mondo intelligibile. E la luce dove la mettiamo nel mondo delle idee? Semplice! La luce è la verità che deriva dal  Bene, che Platone chiama: la parte più luminosa dell’Essere.

Quindi, in definitiva, noi vediamo grazie alla luce che proviene dai raggi del Sole. Nell’ Iperuranio le idee, invece, si vedono l’un l’altra grazie alla verità. Inutile dire che lì le fake news non esistono.

Particolare del sole nel Paragone della caverna “Platone,Repubblica, VII libro, 514b-520a”

Quindi, salutiamo l’ora legale e abituiamoci a questi sei mesi con più stelle e meno luce. Potete consolarvi del fatto che il Natale è sempre più vicino. Se volete fate pure! Sappiate che però Fratello Sole, come lo chiamava San Francesco, lo si può trovare un po’ ovunque, in un libro o in una canzone. Voi cercate! E più cercate, più sarete illuminati!

Francesco Monda

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: