Il Superuovo

Haka e All Blacks. Il rugby diventa il ritratto di un popolo

Haka e All Blacks. Il rugby diventa il ritratto di un popolo

La Haka è una tipica danza Māori, popolo originario della Nuova Zelanda. Questa danza è diventata famosa grazie agli All Blacks, la nazionale Neozelandese di rugby a 15, i quali la eseguono per intimorire gli avversari. Erroneamente si considera come una semplice danza di guerra. In realtà questa può essere eseguita in molte occasioni diverse assumendo così molteplici significati.

Gli appassionati di rugby avranno assistito a questo spettacolo molte volte prima di ogni partita degli All Blacks. Ma anche chi non lo è potrebbe averla vista o sentita nominare almeno una volta. La cosa certa è che (quasi) tutti coloro che hanno visto la Haka possono dire di aver provato un brivido lungo la schiena, dovuto ad un senso intimidazione ma anche al fascino della stessa. Questa viene considerata una semplice danza di guerra, ma non può essere ridotta solo a questo. Infatti la Haka è una via di espressione che consente a chi la esegue di tirare fuori i propri sentimenti come gioia o dolore. La nazionale Neozelandese di rugby a 15, così come anche le nazionali di rugby a 13 e di pallacanestro, la eseguono prima di ogni partita per intimorire gli avversari.

Haka, Maori
Credit: www.gettyimages.co.uk

Lo studioso Alan Armstrong, nel suo libro Maori Games and Haka, la descrive come “una composizione suonata con molti strumenti. Mani, piedi, gambe, corpo, voce, lingua, occhi… tutti giocano la loro parte nel portare insieme a compimento la sfida, il benvenuto, l’esultanza, o il disprezzo contenuti nelle parole. È disciplinata, eppure emozionale. Più di ogni altro aspetto della cultura Māori, questa complessa danza è l’espressione della passione, del vigore e dell’identità della razza. È, al suo meglio, un messaggio dell’anima espresso attraverso le parole e gli atteggiamenti.

Il testo e gli elementi dell’Haka

La danza prevede la presenza di un leader, che nel caso degli All Blacks è il giocatore più anziano di sangue Māori. Le parole, pronunciate con tono feroce e brutale, servono da incitamento, ma anche a ricordare il comportamento che dovranno tenere coloro che eseguono la danza.

Ringa pakia                                               Batti le mani contro le cosce

Uma tiraha                                                Sbuffa col petto
Turi whatia                                                Piega le ginocchia
Hope whai ake                                           Lascia che i fianchi li seguano
Waewae takahia kia kino                            Sbatti i piedi più forte che puoi.

Ka mate, Ka mate! Ka ora, Ka ora!              È la morte, È la morte! È la vita, è la vita!
Ka mate, Ka mate! Ka ora, Ka ora!              È la morte, È la morte! È la vita, è la vita!
Tenei te tangata puhuruhuru                      Questo è l’uomo dai lunghi capelli
Nana i tiki mai whakawhiti te ra!                 è colui che ha fatto splendere il sole su di me!
A hupane, a hupane                                  Ancora uno scalino, ancora uno scalino,
A hupane, kaupane whiti te ra!                   un altro fino in alto, il sole splende!

Hi!                                                           Alzati!

(testo preso da qui)

La danza presenta degli elementi essenziali:

  • Occhi dilatati (Pukana)
  • Occhi dilatati con emissione di versi striduli (Ngangahu)
  • Lingua di fuori in segno di sfida, fatta da uomini contro altri uomini (Whetero)
  • Chiusura degli occhi in alcuni momenti della danza, effettuato solo dalle donne (Potete)

http://https://www.youtube.com/watch?v=ke_KhenvxiU

I diversi stili della Haka

La danza Māori possiede diversi stili che dipendono dalla diversa interpretazione che ciascuna tribù fornisce alla stessa, oltre che al rituale durante il quale viene eseguita.

  • Ka Mate: è la versione più conosciuta, anche perché è la danza eseguita dagli All Blacks dopo l’inno nazionale. Questo è un tipo di danza molto breve, viene eseguita senza armi quando si vuole esprimere una sensazione di benessere. Non è una danza di guerra come si è portati a credere anche dal contesto di una partita di rugby.
  • Peruperu: è una variante della danza usata tipicamente in guerra. Prevede l’uso di armi ed è caratterizzato da un salto in alto a gambe ripiegate alla fine del rituale. Questo elemento è stato aggiunto dagli All Blacks per impressionare gli avversari, proprio alla fine della Ka Mate. Ma questo salto è stato rimosso dopo la Coppa del Mondo di rugby nel 2003 in seguito ad alcune critiche.
  • Kapa o Pango: questo stile di Haka è stato inventato sempre dalla nazionale Neozelandese insieme ad esperti della cultura Māori ed è un completamento nonché versione più aggressiva della Ka Mate. Il testo fa riferimento agli All Blacks in quanto parla di “guerrieri in nero con la felce argentata“.
Haka, All Blacks
Credit: www.stuff.co.nz

L’Haka nel rugby e le critiche mosse

Il primo uso dell’Haka a scopo intimidatorio è avvenuto nel 1888-1889. La squadra di nativi Neozelandesi la eseguì per la prima volta in Gran Bretagna, in occasione del primo tour fuori dalla loro nazione. Non si è sicuri che la versione fosse la Ka Mate, ma veniva eseguita in mantelli bianchi e un berretto nero che veniva lanciato in aria alla fine. Nel 1905 venne eseguita per la prima volta dalla nazionale ufficiale, quando fu coniato il termine All Blacks. Il testo non ha attinenza con la squadra, ma deriva dalla tradizione Māori. Fino al 1986 questa era eseguita solo nei match fuori dalla Nuova Zelanda, per poi essere introdotta anche nelle partite giocate in casa nell’anno successivo, assicurandosi anche che venisse eseguita con precisione e con un’intensità che prima non si aveva.

L’uso dell’Haka ha però dato adito a molte critiche. La prima riguarda i movimenti eseguiti dai giocatori che non rispecchiano la tradizionale danza Māori, oltre al fatto che non è una vera danza di guerra. Un’altra critica riguarda i diritti della danza. Il popolo Māori ha provato a chiedere una percentuale dei profitti ricavati dai diritti televisivi. Ma l’Adidas la New Zealand Rugby Football Union (NZRFU) hanno dichiarato che l’Haka non veniva usata a scopo commerciale.

In ogni caso, l’Haka è diventata il simbolo degli All Blacks. Questo è un piccolo esempio di come un semplice sport può essere occasione per conoscere le tradizioni di un popolo quale quello Māori.

Michele Sciamanna 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: