Demonizzarli o glorificarli? Analizziamo gli effetti positivi e negativi dei videogiochi sui ragazzi

I videogiochi sono ormai parte integrante del nostro tempo libero. Analizziamo gli effetti positivi e negativi di questi ultimi.

two people playing Sony PS4 game console

Almeno una volta nella vita vi sarete sicuramente cimentati in un qualche videogioco. Spesso in passato la tendenza era quella di vedere soltanto la loro influenza negativa, ma oggi le informazioni a disposizione sono abbastanza per poter farci considerare diversi aspetti.

Diverse condizioni di gioco e diversi effetti

Quando nel 1952 A.S. Douglas, studente all’università di Cambridge, per la sua tesi di dottorato creò il primo prototipo di videogioco, certamente non pensava che da lì a qualche decennio da lì sarebbe andato sviluppando un fenomeno mondiale.

Con un migliore tenore di vita e grandi passi in avanti della tecnologia, i videogiochi divennero gradualmente sempre più accessibili, e, se inizialmente per giocare bisognava recarsi in una sala giochi, successivamente questi approdarono nelle nostre case. Il che suscitò l’interesse degli psicologi, che non persero l’occasione di studiare le implicazioni che i videogiochi potevano avere sulle vite delle persone.

Ovviamente nello sviluppare teorie ed ipotesi sull’utilizzo dei videogiochi, bisogna considerare diversi fattori che variano tra questi ultimi. In questo caso, è possibile distinguere cinque dimensioni degli effetti dei videogiochi.

  • Il tempo che si passa a giocare (moderato, eccessivo,…)
  • Il contenuto del videogame (violento, prosociale…)
  • Il contesto (giocare insieme, da soli…)
  • La struttura, ovvero come il tutto è organizzato, ad esempio graficamente
  • Meccanismi di gioco, ovvero le regole, i principi presenti

Музей советских игровых автоматов на проспекте Мира - отзывы, фото, цены, телефон и адрес - Культурные места - Москва - Zoon.ru

Quando giocare è dannoso

Videogiocare è divertente ed interessante, ma ci sono alcune controindicazioni da tenere a mente.

Stile di vita sedentario. Banalmente, i videogiochi (ad eccezione di alcuni, che vedremo più avanti) ci portano a passare troppo tempo davanti ad uno schermo, trascurando movimento ed attività fisica. Uno stile di vita sedentario si rifletterà di conseguenza sia sulla salute fisica, che su quella psicologica.

Aggressività e videogiochi violenti. Molte ricerche condotte negli ultimi anni confermano come vi sia una forte correlazione tra videogiochi violenti ed aggressività. Una meta-analisi (ovvero una ricerca basata su altri studi) che prese in esame 136 ricerche, per un totale di 130000 partecipanti, ha evidenziato esattamente questo, insieme ad una diminuizione di empatia, e conseguente desensibilizzazione, e minore probabilità di comportamento prosociale.

In realtà, questo effetto dato dai videogame violenti agisce soltanto sul breve periodo, influenzando valutazioni e decisioni per un periodo di tempo non molto lungo. Il problema sorge quindi se i comportamenti che ne derivano e si ripetono, diventando perciò parte della nostra normalità.

Problemi di attenzione. Anche se non del tutto confermato dalle ricerche, sembra che i videogiochi, soprattutto quelli violenti, influiscano negativamente sull’attenzione. Vi sono due possibili cause a spiegazione di questo fenomeno. La prima segue l’ipotesi del trasferimento: giocare non sviluppa le nostre abilità di mantenimento dell’attenzione e controllo degli impulsi, che vengono sviluppate da altre attività a cui preferiamo i videogiochi. La seconda segue l’ipotesi, per la quale il cervello, abituatosi ai forti stimoli dati dai videogames, reagisce più debolmente ad altri stimoli, ad esempio leggere un libro.

Dipendenza da videogiochi. Un utilizzo oltremodo eccessivo dei videogames influenza attivamente e negativamente la vita dell’individuo. Secondo ricerche condotte su campioni di popolazioni in diversi paesi, in media l’8-10% dei giovani è da considerarsi dipendente. Questo tipo di dipendenza può presentarsi in concomitanza con altre dipendenze, deficit dell’attenzione, ansia e depressione, rappresentando la conseguenza e, in alcuni casi, il problema.

kid sitting on gray bed while playing

A volte i videogiochi giocano a nostro favore

Considerando gli aspetti negativi appena descritti, non dobbiamo però limitarci a questi ultimi e demonizzare questa pratica, in quanto gli effett positivi sono tangibili.

Abilità visuo-spaziali. È stato dimostrato come anche non assidui giocatori mostrassero migliori abilità visuo-spaziali, con migliori tempi di reazione a stimoli visuali, sviluppate capacità di localizzazione di un oggetto e rotazione mentale (capacità di ruotare le rappresentazioni mentali di oggetti bidimensionali e tridimensionali).

Videogiochi prosociali. Differentemente da i videogiochi violenti, i giochi con un contenuto prosociale si basano sulla collaborazione e l’aiuto di altri giocatori o personaggi. Questo porta ad un aumento dell’empatia, più probabilità di presentare un comportamento prosociale o di aiuto anche nella realtà.

Videogame educativi. I videogiochi negli ultimi decenni sono stati usati con successo con il fine di trasmettere conoscenze e competenze. Questi non sono soltanto applicati nelle scuole, come supporto ai metodi tradizionali di insegnamento, ma anche nella formazione dei dipendenti di aziende e nell’ambito della prevenzione di malattie e mantenimento di una buona salute generale, tramite lo sviluppo di comportamenti sani.

Exergames. Esistono dei videogiochi che, al contrario di quelli tradizionali, consistono in diversi esercizi e movimenti che il soggetto compie nel corso del gioco. E’ il caso degli exergames (dall’inglese “exercise”, ovvero esercizio, e “game”, gioco); un esempio tra i più famosi è Wii Fit. Questo tipo di videogiochi aumenta considerevolmente la motivazione e predisposizione all’attività fisica, contribuendo ad una migliore salute mentale e fisica.

Concludendo, è necessario dire che ancora molti studi sono necessari per chiarire e spiegare gli effetti dei videogiochi sulle persone, ma, detto questo, è giusto considerare tutti gli aspetti, positivi e negativi, in quanto una polarizzazione in questo senso sarebbe infatti controproduttiva ed rappresenterebbe un ostacolo ad una maggiore comprensione del fenomeno.

Immagine gratuita di allegro, amichevole, anonimo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.