Come può stupirti ancora il corpo femminile? Scoprilo con questi tre fun facts

Ovogenesi, ovulazione, ciclo estrale, mestruale, gravidanza e molto altro: ecco cosa rende io corpo femminile unico e soggetto a tempeste ormonali.

ovogenesi

L’ovogenesi è il processo mediante il quale si producono cellule uovo (dette anche ovuli), ossia i gameti femminili. La gonade femminile è l’ovaio nel quale si trovano le cellule germinali detti oogoni, precursori della cellula uovo, rilasciata ogni mese nella tuba di Falloppio dove può eventualmente essere fecondata da uno spermatozoo. Queste due cellule sessuali differiscono notevolmente tra loro: lo spermatozoo è molto piccolo, la testa contiene solo cromatina (costituita da DNA, RNA e proteine) e lisosomi (organuli citoplasmatici) che riversano enzimi litici per lisare e penetrare la parete dell’ovulo; la cellula uovo è molto più grande, immobile e contiene letteralmente tutto il resto: citoplasma, organuli e nutrienti per sostenere lo sviluppo dello zigote e del futuro embrione. Ogni donna mensilmente porta a maturazione i suoi oociti, è un processo abbastanza straziante ma troppo affascinante per non parlarne e svelarne i tabù.

L’ovogenesi e le sue fasi

Il sito nel quale l’ovulo matura è il follicolo ovarico, composto dal gamete e cellule somatiche coadiuvanti per la crescita e la nutrizione, e tale processo si chiama “ovogenesi” e comprende tre fasi:

  • Fase mitotica: l’ovogonio (precursore della cellula uovo) si divide per mitosi, si accresce  e si trasforma in ovocita I, pronto per la meiosi.
  • Fase meiotica: l’ovocita I va incontro alla prima divisione meiotica originando due cellule figlie diverse, una piccola chiamata polocita I e una grande,ovocita II,  il quale si divide meioticamente producendo altre due cellule: uovo e polocita II.
  • Maturazione dell’uovo: la meiosi si completa solo al momento della fecondazione, l’uovo è quindi fermo allo stadio di ovocita II, quindi l’uovo non esiste mai perché nel momento in cui l’ovocita II viene fecondato si si sviluppa lo zigote (che si origina dalla fusione di spermatozoo e cellula uovo).

Follicolo: dalla nascita alla menopausa

Negli esseri umani le prime fasi dell’ovogenesi iniziano nel feto, producendo gli ovociti I; raggiunta la maturità sessuale (pubertà), circa ogni 28 giorni l’ovogenesi continua, l’ovocita I matura e si trasofrma in ovocita II che se non viene fecondato viene espulso con la mestruazione. Il follicolo ospita e permette la maturazione dell’ovulo; alla nascita è presente il follicolo primario che alla pubertà si trasforma ciclicamente ogni mese in secondario fino alla menopausa. Dal secondario deriva il follicolo terziario costituito da diversi strati di cellule follicolari e da una cavità detta antro. Quando il follicolo è maturo rilascia l’ovocita, metre granulosa e teche (strati di cellule follicolari) diventano corpo luteo dopo l’ovulazione, producendo progesterone per altri 2-3 mesi se  avviene la fecondazione, altrimenti degenera in pochi giorni; il corpo luteo sa se è avvenuta la fecondazione perché l’embrione produce l’ormone gonadotropina corionica hCG che raggiunge il corpo luteo e lo avverte della gravidanza ed è lo stesso ormone rilevato dei test di gravidanza delle urine

Ovulazione: ormoni, ormoni e ormoni

L’ovulazione è il momento in cui l’ovocita viene espulso dalle ovaie, proprio come l’ovogenesi è regolato da ormoni, ha andamento ciclico, viene definito ciclo estrale, nella quale la femmina è recettiva per il maschio, è pronta per l’accoppiamento e va in calore (letteralmente il preciclo agli occhi della biologia). Al culmine dell’estro si ha il rilascio dell’ovocita e si accresce l’endometrio (mucosa uterina); se non avviene la fecondazione l’endometrio non viene riassorbito nei primati ma si distacca, provoca sanguinamento detto ciclo mestruale. I follicoli sono soggetti ad una regolazione ormonale sotto il controllo ipotalamo-ipofisario: LH favorisce la crescita del follicolo, FSH stimola il follicolo ovarico per l produzione di estrogeni o ormoni steroidei i quali permettono lo sviluppo degli organi riproduttivi e dei caratteri sessuali secondari. Dunque ogni processo,crampo, ciclo, ovulo prodotto e le successive azioni sono minuziosamente controllate dagli ormoni, dal sistema nervoso e da diversi tipi cellulari, non conoscerne il funzionamento non solo sarebbe un peccato ma ci porterebbe a sottovalutare sintomi di alcuni disturbi o malattie come la sindrome dell’ovaio policistico, ma tutto ciò si può evitare o affrontare con la prevenzione ma soprattutto con la conoscenza, arma per tutti i mali.

 

 

 

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: