Clay Animation: le opere d’arte di plastilina e le loro caratteristiche

Wallace e Gromit, Coraline e la porta magica, Nightmare Before Christmas: questi sono solo alcuni dei film più celebri che sono stati realizzati con la tecnica Clay Animation e, per quanto diversi per trama e ambientazioni, la radice è sempre la stessa: l’utilizzo della plastilina.

Risultati immagini per wallace and gromit
Wallace e Gromit (https://www.google.com/url?sa=i&source=images&cd=&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwi_krugiqPjAhWMZFAKHV6QDakQjhx6BAgBEAI&url=https%3A%2F%2Fwww.cinematographe.it%2Fnews%2Faardman-animations-40-wallace-gromit%2F&psig=AOvVaw2c6zKkG3cSdLJfJOBnc2yi&ust=1562598243192332)

La tecnica stop-motion è una tecnica di ripresa cinematografica e di animazione dove vengono utilizzati oggetti inanimati che vengono mossi progressivamente, spostati e fotografati a ogni cambio di posizione. Il termine clay animation nacque nel 1973 quando Will Vinton, un direttore e produttore americano, insieme a Bob Gardiner, un artista poliedrico, presentò una delle prime animazioni realizzate con questa tecnica. Nel 1978 Vinton produsse un documentario chiamato “Three dimensional Clay Animation”, mostrando il dietro le quinte di un’animazione di questo tipo che si basa sull’utilizzo di plastilina per creare personaggi e sfondi.

Risultati immagini per three dimensional clay animation
Esempio di Clay Animation (https://it.wikipedia.org/wiki/Claymation#/media/File:Animacion-con-plastilina-y-clay-animation-pelicula-Kuzmich-153.jpg)

La tecnica esiste dagli inizi del ventesimo secolo ma solo negli anni Settanta e Ottanta ha avuto un ruolo di spicco nel cinema e ha assunto il suo nome: basti pensare all’animatore Nick Park che ha vinto 4 Oscar con i suoi cortometraggi su Wallace e Grommit. Da allora, sono state innumerevoli le produzioni che hanno fatto breccia nel cuore di molti bambini e non solo. Tutto questo grazie ad un insegnante di arte, William Harbutt, che nel 1897 sintetizzò un nuovo materiale: la plastilina.

Risultati immagini per fantastic mr fox
Immagine presa dal film “Fantastic Mr. Fox” del 2009 (https://archivio.euganeafilmfestival.it/it/festival2016/title/1470/fantastic-mr-fox)

Che cos’è la plastilina?

Sfido chiunque a trovare una persona che non abbia giocato almeno una volta con il pongo o con il didò da piccolo. La creatività all’asilo raggiungeva il picco massimo quando tutti i bambini, con il proprio pezzo di pongo e molta fantasia, potevano creare qualsiasi cosa volessero. Il pongo condivide molte caratteristiche della plastilina originale.  Quest’ultima era formata approssimativamente dal 70% da sali di calcio (soprattutto gesso), dal 10% da gel di petrolio o vasellina, dal 10% di lanolina e infine dal 10% di acido stearico.

Risultati immagini per pecora
Dalla lana si ottiene la lanolina (https://www.cronachemaceratesi.it/2018/06/06/pecora-a-spasso-in-superstrada/1111375/)

Ironicamente una pecora, il petrolio, un gessetto da lavagna e del grasso di animale sono tutto l’occorrente per preparare ciò che ci serve. La lanolina, detta anche grasso di lana, è una miscela di lipidi ottenuta per estrazione e purificazione della lana. La vasellina è ottenuta per distillazione del petrolio grezzo e sua successiva filtrazione. Il gesso, che ha moltissimi impieghi, è ottenuto dalla macinazione e successiva cottura di rocce gessose. Infine, l’acido stearico è estratto da grassi animali o vegetali. Oggi oltre a queste componenti (che davano un colore grigio alla plastilina originale) troviamo anche i coloranti.

Un materiale di cui non si può fare a meno

Detto questo, quali sono le caratteristiche che la rendono così speciale? In principio, Harbutt volle creare qualcosa che fosse sterile, morbido, malleabile, non tossico e soprattutto incapace di assorbire umidità a contatto con l’aria. Queste caratteristiche la rendono ancora così speciale, soprattutto nel campo dell’animazione: è abbastanza modellabile per creare un personaggio, abbastanza flessibile per permettere al personaggio di muoversi in molti modi ed è abbastanza densa da mantenere facilmente la sua forma se combinata con un’armatura di ferro interna. Inoltre, non si scioglie sotto l’illuminazione calda di uno studio.

Risultati immagini per isola dei cani
Immagine tratta dal film “L’isola dei cani” del 2018 (http://www.anonimacinefili.it/2018/04/08/lffec18-lisola-dei-cani-il-nuovo-film-di-wes-anderson-e-una-dichiarazione-damore-recensione/)

Quello che è stato il percorso della plastilina è incredibile: inizialmente concepita per la scultura, ha continuato ad essere utilizzata per scopi artistici e tuttora è fonte di una grande quantità di opere d’arte, dando l’opportunità di esprimere la creatività di tutti, dai più piccoli ai più grandi.

Davide Pasquali

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.