Batman e Cassirer ci spiegano la valenza del simbolo mitico, ponte verso l’eternità

Il simbolo mitico è un eco tonante, capace di evocare, col suo tribale rombo, ombre di un passato mai veramente dimenticato.

 

 

Cassirer sembra fornirci, con la sua filosofia del simbolismo, la chiave di lettura adatta a comprendere le vere potenzialità di Batman.

Colui che veglia nell’oscurità

Tutti, al giorno d’oggi, sanno chi è Batman.La sua fama, potenziata da fumetti, film e serie, è diventata così potente da averlo inserito universalmente nella storia della cultura pop contemporanea.Com’è riuscito un eroe pieno di difetti, ombre e rivisitazioni, a conquistare il cuore del mondo intero? Cassirer sembra avere la risposta! Il simbolismo di Batman, potente ed espressivo, rende la sua icona comprensibile universalmente.Questa sua unicità, fa di lui un collegamento netto tra il passato ed il nostro futuro, rendendolo effettivamente eterno.

 

L’uomo è un animale simbolico

Secondo Cassirer, la storia dell’umanità è fortemente legata agli aspetti simbolici, susseguiti nel corso dei secoli nelle varie culture.Il simbolismo permea l’intera nostra esistenza: dall’arte al mito, passando per il linguaggio.Infatti, cos’è la lingua, se non un insieme di simboli e segni riconosciuti da un determinato popolo? Così, come per il linguaggio, anche la cultura diventa per Cassirer un’insieme di concezioni, prescelte da un incisivo numero di individui.Oltretutto, il simbolo possiede un’altra capacità per Cassirer essenziale.Anche se l’uomo è intrappolato nella finitudine della sua esistenza, il simbolo è la chiave verso l’eternità.Nonostante la morte sia costantemente in agguato, pronta a rubarci la vita, il simbolo diviene lo stratagemma in grado di ingannarla.Esso diviene il canto del cigno della vita.L’uomo infatti, è in grado di trasferire le sue esperienze vissute soggettivamente, in una forma simbolica oggettiva, capace di durare in eterno.Cosí, anche se un grande filosofo, un giorno spirerà, i suoi scritti e le sue memorie andranno ad inserirsi nel regno simbolico della filosofia, permettendogli così di vivere concettualmente in eterno.

 

Cacciando nel buio

Batman non contiene solamente un potenziale simbolico, ma molti diversi.Dal costume, al carattere, passando per l’ambito sociale, i simboli sono tanti.La maschera sembra rappresentare la sua universalità, ovvero la possibilità che ogni individuo sia Batman.Al contrario, i gadget ipertecnologici possono indicare un’individualità tipica della borghesia, in grado, col suo potenziale economico e la fede nella scienza, di assoggettare il mondo intero.Tuttavia, tra tutti i simbolismi, sembra uno risaltare più degli altri, come gli occhi scintillanti di un predatore notturno durante la caccia.Secondo Cassirer, il simbolismo non è solo la porta per l’eternità, ma anche per il nostro passato.Esso, se studiato accuratamente, ci permette di comprendere da cosa derivano certi vocaboli e gesti attuali.Ad esempio, il concetto negativo riguardante la mano sinistra, potrebbe derivare da una tradizione cristiana che lo riconduceva al maligno ed all’esoterico.Basti pensare all’odierno aggettivo “sinistro”.Così, anche Batman, moderno ed oscuro eroe, potrebbe essere ricondotto ad un simbolismo molto più antico della sua figura stessa.

 

Batman, antico simbolo di caccia e ferocia

All’alba dei tempi, quando l’uomo  adorava il fulmine ed il fuoco, e l’agricoltura era ancora un’impossibile sogno, belve feroci cacciavano ed erano cacciate in macabre danze dal vermigliò finale.L’uomo non poteva che unirsi a questo gioco della fame, cercando di giungere all’ultimo atto, per sfamare sé stesso e i propri cari.Cosí, in quest’epoca sembra nascere il vero simbolismo di Batman.Esso diviene l’erede della caccia, in tutte le sue forme.Non solo la caccia dell’uomo, che con “gadget” tecnologici per l’epoca ( lance ed archi ) eliminava dalla circolazione pericoli per la sua esigua tribù ( Gotham ), ma anche la caccia perpetrata dalle belve contro gli uomini.Batman suscita nei criminali la stessa paura che le belve suscitavano negli uomini.Quando cala la notte, ed il fuoco diviene l’unico riparo contro la vulnerabilità del buio totale, l’uomo teme che, aldilà della luce, si celi una creatura in agguato, silenziosa e inarrestabile.Il fuoco potrebbe al contrario rappresentare la legalità.Se l’uomo varca il confine della sua luce, sprofondando nell’abisso della criminalità, Batman sarà lí, ad aspettarlo.

 

 

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: