Il Superuovo

5 cose che non sapevi sul più famoso detective di sempre: Sherlock Holmes!

5 cose che non sapevi sul più famoso detective di sempre: Sherlock Holmes!

Sherlock Holmes non necessita di presentazioni… uno dei personaggi più intriganti di sempre è riconosciuto secondo alcuni critici come la più celebre figura di investigatore nella storia del giallo. Accompagnato dalla sua fedele spalla, il Dr John Watson, l’unico in grado di sopportare e capire davvero la mente contorta dell’investigatore privato, sono i protagonisti di una storia che entrerà nell’olimpo dei gialli. Da un personaggio così singolare, ecco che ho deciso di stilare cinque curiosità di questo, come lui stesso si definisce, “sociopatico iperattivo”.

1) Ha utilizzato tecniche investigative prima che venissero usate nella realtà.

Conan Doyle nei suoi racconti ha anticipato alcune tecniche investigative che non erano ancora in uso all’epoca come: l’utilizzo delle impronte digitali, comparse nei romanzi nel 1890, utilizzate ufficialmente da Scotland Yard due anni dopo o lo studio della balistica delle armi da fuoco.

2) Non sa che la Terra ruota attorno al Sole.

Sherlock è interessato a conoscere solamente ciò che può essere utile nelle sue indagini. Nella sua testa non ci deve essere spazio occupato da nozioni da lui reputate inutili. In “Uno studio in rosso” possiamo leggere un buffo scambio di battute: “Che diamine me ne importa?”, mi interruppe spazientito. “Lei dice che giriamo intorno al sole. Anche se girassimo intorno alla luna non farebbe un soldo di differenza per me o per il mio lavoro.”

3) Personaggio letterario più rappresentato nel cinema.

È infatti apparso in oltre 235 pellicole e con oltre 70 attori che lo hanno impersonato tra cinema e TV, si aggiudica questo primato. Tra i tanti attori che hanno interpretato il suo ruolo ricordo: Robert Downey Jr, Benedict Cumberbatch, Ian McKellen e Basil Rathborn.

4) Elementare Watson!

Questa celebre frase non è mai uscita dalla penna dello scrittore Conan Doyle. Si trovano all’interno dei romanzi esclamazioni come: “Elementare!”, stando a sottolineare la propria superiorità spesso nei confronti della polizia di Scotland Yard. Sherlock spesso si rivolgeva al suo collega, nonché più grande amico, con esclamazioni come: “Mio caro Watson”. Tuttavia, la frase completa sarà ideata da William Gillette, grande amico dello scrittore, attore e interprete ufficiale di Sherlock Holmes.

5) In realtà avrebbe dovuto chiamarsi Sherrinford!

Inizialmente il nome pensato per lo stravagante protagonista della serie era proprio Sherrinford. Lo scrittore era un grande appassionato di cricket, tanto che tra il 1899 e il 1907 prese parte a dieci incontri di prima categoria al club del quartiere Marylebone di Londra. Durante uno di questi incontri rimase colpito dal nome di un giocatore di cricket: Sherlock!

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: