Il Superuovo

5 cose sulla fisica, la filosofia e la personalità di Stephen Hawking che non sapevi!

5 cose sulla fisica, la filosofia e la personalità di Stephen Hawking che non sapevi!

 

Il famosissimo scienziato Stephen Hawking, morto da appena due anni, è stato un esempio concreto di come la nostra forza di volontà, guidata da una passione ardente, può riuscire veramente a scuotere il mondo nonostante le condizioni circostanti possano essere avverse. Questo pensiero è riscontrabile in una sua celebre frase :“Per quanto difficile possa essere la vita, c’è sempre qualcosa che è possibile fare. Guardate le stelle invece dei vostri piedi”. Ecco 5 curiosità sul professore!

  1. Genio o non genio?

Nonostante si dica che a scuola non eccellesse particolarmente e si considerasse uno “studente nella media”, il professore si è laureato in fisica a soli 20 anni presso lo University College di Oxford. Dopo la laurea si sposta a Cambridge dove nel 1962 ottiene la cattedra di “Lucasian professor” di matematica, la stessa che occupò Isaac Newton 300 anni prima. Nonostante gli fosse attribuito lo stesso QI che si ritiene fosse appartenuto ad Einstein, egli afferma che vantarsi del proprio QI sia un atteggiamento da perdenti, in quanto definisce l’intelligenza come: “la capacità di adattarsi al cambiamento”.

   2.  Coincidenze astrali!

Il Professore è nato l’8 gennaio 1942 anno in cui 300 anni prima morì Galileo Galilei. Di questa coincidenza ne andava molto fiero soprattutto per la molta ammirazione che aveva nei confronti dello scienziato che da sempre ha rappresentato il suo modello di riferimento: “Immagino, comunque, che almeno altri 200mila bambini siano nati lo stesso giorno. Non so se qualcuno di loro abbia poi sviluppato un interesse per l’astronomia”. Un’altra incredibile coincidenza ha voluto che morisse il 14 marzo, il giorno in cui nacque Albert Einstein…

   3. Icona Pop

La sua persona così unica nel suo genere gli ha permesso di diventare una vera icona vivente che incarnava lo spirito della scienza moderna. La sua figura non è quindi sfuggita al grande schermo che, oltre ai numerosi documentari di divulgazione scientifica, ha dedicato un intero film alla sua vita: “La teoria del tutto” uscito nel 2014. È apparso anche dentro episodi dei Simpson, dei Griffin e in Futurama. Lo ritroviamo in carne e ossa in Start Trek: the Next Generation e nella serie tv The Big Bang Theory. Infine, presta la sua particolare voce ai Pink Floyd per la realizzazione di svariati brani!

   4. Scommettiamo?

Stephen Hawking era convinto che non potesse esistere una particella “Dio” e che quindi il famoso bosone di Higgs non potesse essere trovato. Nel 1964 Higgs cominciò a sviluppare le sue ricerche, e questo fu il pretesto della scommessa con Gordon Kane, fisico dell’università del Michigan. All’indomani della scoperta, Hawking, ironizzando affermò: “Sembra proprio che io abbia appena perso cento dollari!”. Non scappò ovviamente dalle battute dei suoi colleghi che, in maniera scherzosa, dichiararono: “È senza dubbio un ottimo scienziato, ma di certo un pessimo scommettitore!”.

   5. Dio

I medici diagnosticarono al ventunenne Stephen Hawking che, a causa della sua malattia, non sarebbe riuscito a festeggiare il suo venticinquesimo compleanno. Sbaragliò ogni previsione vivendo fino all’età di 76. Tuttavia, come egli dichiara, nella sua mente non è mai scomparsa definitivamente la possibilità di una morte prematura. In varie interviste non sono mancate domande su cosa ci fosse dopo la morte. Il professore non si appella ad un Dio per giustificare l’esistenza ma afferma che: “La creazione spontanea è la ragione per la quale esiste qualcosa invece che il niente, per la quale esiste l’universo, per la quale noi esistiamo. Non è necessario invocare Dio per accendere la miccia e far partire l’universo”.

 

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: