Il Superuovo

Un minerale adatto a mille scopi: Fred Flinstone ci spiega l’evoluzione del rapporto uomo-silice

Un minerale adatto a mille scopi: Fred Flinstone ci spiega l’evoluzione del rapporto uomo-silice

La silice, uno dei primi materiali utilizzati dall’uomo, continua a rivestire ancora oggi un’importanza fondamentale.

(itunes.apple.com)

Sapevate che l’intera storia dalla razza umana si divide in quattro fasi? No, non c’entrano l’invenzione della scrittura (che segna il passaggio dalla preistoria alla storia) o la nascita di Cristo. La distinzione in esame si basa sui materiali scoperti e utilizzati dall’uomo. Attualmente, come è facile supporre, viviamo la cosiddetta età della plastica, preceduta da quelle del ferro e del bronzo. Tuttavia, i primi materiali utilizzati dall’uomo non furono né i polimeri né i metalli, bensì i minerali; prima tra tutti la silice. Il bello di tutto ciò è che, nonostante siano passati ormai 10000 anni questo materiale continua ad essere molto utilizzato per scopi sempre più innovativi.

L’età della pietra raccontata attraverso i Flinstones

C’è forse qualcuno che non conosce i Flinstones? Direi che è abbastanza improbabile dato che hanno segnato l’infanzia di migliaia di bambini. Per quello 0,001% di voi che non ha mai visto una puntata, si tratta di un cartone animato allegro, divertente che vede protagoniste le avventure dell’omonima famiglia. Tutto è ambientato nella preistoria, in una realtà fantasiosa in cui convivono umani, dinosauri e tecnologie attuali (riadattate secondo quelli che erano gli strumenti disponibili all’epoca). Insomma, sebbene non ci fosse neanche mezza verità scientifica fondata su scoperte archeologiche, con una sola puntata, i Flinstones sono sempre stati capaci di strapparci un sorriso.

L’unico elemento che si rifarebbe a quelle che erano le reali abitudini degli uomini di 8000 anni fa è l’onnipresenza delle pietre. Sono ovunque, e vengono utilizzate per qualsiasi scopo (anche per costruire automobili). Eh già, perché, sebbene molti utensili presenti nel cartone animato e derivanti dalle rocce siano solo un’invenzione fantasiosa, la pietra è stata davvero il primo materiale utilizzato dall’essere umano. Tutto cominciò con la silice, o meglio, con la selce. Un materiale che, come vedremo tra poco, si rivelò essere estremamente utile e versatile.

Dalle punte di lancia al controllo del fuoco

Molti di noi, parlando dell'”età della pietra”, non si sono posti una semplice domanda: “di quale pietra stiamo parlando?”. Esistono infatti moltissime rocce  con svariate proprietà e possibilità di impiego. Nonostante ciò, ve n’è una in particolare che ha letteralmente segnato un passo avanti nella nostra storia evolutiva: la selce.

Si tratta di un materiale composto quasi prevalentemente da cristalli di silice, le cui impurità possono conferirle diversi colori come giallo, nero e rosa. Ma quali proprietà l’hanno resa un materiale così “all’avanguardia”? Ebbene, dovete sapere che la roccia in questione ha una durezza elevatissima, una caratteristica che l’ha resa ideale per la realizzazione di punte di lance e frecce. Inoltre, essendo molto tagliente una volta scheggiata, era ideale per scuoiare le pelli e tagliare la carne. Tutte queste caratteristiche, tuttavia, non appartengono solo alla selce, ma anche all’ossidiana, un altro tipo di roccia facilmente reperibile. Ma allora la selce in cosa si distingue dalle altre pietre? Dovete sapere che sfregando due di queste rocce si generano delle scintille. Proprio così, la selce è una pietra focaia ed è stata utilizzata per innescare la combustione fino al XIX secolo.

(vitantica.net)

Come viene utilizzata oggi la silice?

Oggi la silice (SiO2) è usata per scopi molto più all’avanguardia. La natura di semiconduttore ne favorisce l’utilizzo nel campo dell’ingegneria elettronica, nella costruzione di circuiti integrati, transistor e altri componenti elettronici. Essendo inadatta come conduttore di calore, viene anche utilizzata in materiali ceramici come isolante. Un esempio ne è lo scudo termico delle sonde spaziali o dello space shuttle.
Possedendo inoltre caratterizzata da un’elevatissima durezza, funge anche da abrasivo: proprio questa capacità abrasiva può portare a specifiche malattie, quali la silicosi, una patologia polmonare legata all’inalazione di ingenti quantità di polvere.
Altri utilizi della silice consistono poi nella produzione di aerogel, la sostanza solida meno densa conosciuta, circa tre volte più pesante dell’aria e 1000 volte meno densa del vetro, nella produzione della mescola degli pneumatici moderni e persino nei dentifrici sotto il nome latino di “Hydrated silica” come agente abrasivo della superficie dei denti.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: