Street Art: l’importanza dell’arte al tempo del coronavirus illustrata nelle strade delle cittá

Le persone muoiono e le risorse scarseggiano. L’essenza stessa della nostra libertá si sta riducendo. Siamo spostati verso l’interno di noi stessi, nel vasto spazio dei nostri pensieri e della nostra immaginazione, un posto che forse da tempo trascuravamo. Di tutte le necessitá di cui ci sentiamo cosí profondamente consapevoli, le arti e il loro contributo al nostro benessere sono centrali oggi per superare il confinamento del coronavirus. 

In questa quarantena che ci circonda di crisi e isolamento, il ruolo dell’arte diventa piú centrale nelle nostre vite. Con le sanzioni per chi viola la quarantena per contenere i contagi e da quando il Governo italiano ha imposto la chiusura dei musei, ammirare la Street Art é risultato l’unico modo per ammirare l’arte durante le solitarie spedizioni verso i supermercati e uffici. 

 

L’arte mobile 

Durante la Giornata della Terra, mercoledí 22 aprile, le Nazioni Unite hanno discusso il ruolo che l’arte giocherá nell’emergenza della pandemia e che dovrá affrontare il futuro sulla scia di questa pandemia di coronavirus (Covid-19). La discussione é andata molto oltre l’attuale pandemia, sono stati discussi argomenti che includevano domande sulle disuguaglianze nel mondo dell’arte e che la crisi sta facendo emergere, su cosa possiamo fare come membri della comunitá per garantire un futuro e quali movimento vogliamo compiere e quali analizzeremo,di quelli che sono venuti di altrettanti momenti storici di pandemie,per garantirli. 

Il mondo in cui ci svegliamo oggigiorno é una realtá distorta. E in questo periodo di restrizioni, TV, film, libri e videogiochi ci offrono la possibilitá di essere mobili. Muoversi liberamente in un mondo immaginario in un modo che ora é impossibile nella realtá. I musei ci sono regalati e possiamo visitarli online, su Google o sulle varie piattaforme. Si moltiplicano le iniziative di artisti che si esibiscono in rete e ci regalano performance inedite essendo costretti a casa come tutti. 

L’arte ci collega allo straniero come mai prima d’ora, all’esotico e all’impossibile. Ci collega ad un mondo fuori dalla nostra portata per ora, da vivere solamente attraverso uno schermo.

“Evitiamo ogni contagio, tranne quello della bellezza” ha espresso il direttore degli Uffizi di Firenze, Eike Dieter SchmitdIMG_1165.jpg

L’arte in gabbia 

In pochi mesi la pandemia del Covid-19 ha chiuso i set cinematografici, interrotto i tour dei concerti globali e spinto i nomi famosi a margine. Gli stessi ci invitano a restare a casa, gli artisti si impegnano a diffondere il messaggio invitandoci alla calma ripetendo che “tutto andrá bene”. Ma sono messi da parte anche loro, e come tutti noi cercano di adattarsi. Un fotografo che una volta vagava nelle strade rubando immagini inedite oggi limita le foto al suo appartamento e al suo isolato. Un’estetista esperto di unghie abituato all’intimitá di tenere le dita di un cliente ora dipinge immagini su unghie finte. Un musicita di musica classica suona il violino per gli amici dopo una video cena condivisa. Un coro pop riguarda i pezzi migliori e provano in video chiamata Zoom i propri brani.I ballerini ballano soli. I busker sono fuggiti dalle metropolitane. Anche rinchiusi, le persone hanno bisogno di esprimersi e attraverso l’arte vivono nuovi mondi. 

 

I migliori suggeriscono agli artisti di utilizzare l’isolamento per la riflessione. 

Questo potrebbe essere davvero un ottimo momneto per utilizzare la meditazione e l’espressione creativa per imparare ad essere migliori, imparare a concentrarsi su ció che conta davvero ed esprimersi in un modo che permetta loro di creare nuovi significati nella vita di ognuno di noi. 

Street pandemic Art 

Gli artisti di strada affrontano la pandemia di coronavirus con pezzi toccanti e spiritosi. La collezione di Murales é davvero infinita, aggiunta a poster e stencil che supportano gli operatori sanitari e chiamano in causa leader mondiali. 

Gli artisti di strada di tutto il mondo da Los Angeles a Londra e oltre. stanno rispondendo alla pandemia di Covid-19 con originalitá, stile e intelligenza. 

Alcuni murales sembrano criticare i modi dei potenti che stanno agendo per le popolazioni mondiali in questo momento, tra i piú illustrati il presidente degli Stati Uniti: Donald Trump. 

Questo é il percorso dell’arte che affronta e osserva. Le persone risuonano davvero con nuove interpretazione della realtá che viviamo ed é proprio ció in cui gli artisti di strada sono i piú bravi. IMG_1166.jpg

IMG_1168.jpg

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: