In un articolo di Vogue viene analizzato il rapporto che intercorre fra saturno e i vari segni, ma chi è Saturno in realtà?

Star Costellazione Universo - Foto gratis su Pixabay

 

Un pianeta, un dio di origini problematiche. Tante storie, feste, ricerche legate a quest’ambivalente, cosa possiamo approfondire?

 

 

 

Saturno, il pianeta

Dalla forma indimenticabile, Saturno è il sesto pianeta del sistema solare. Conosciuto sin dai tempi più antichi, abbiamo prova che i Babilonesi siano stati una delle prime popolazioni a prendere nota dei suoi movimenti, senza contare che il primo a rendersi conto della sua forma molto più particolare fu proprio Galileo, nel XVII secolo.

Il dio Saturno, ma quale?

Saturno, a lungo venerato dai Romani, è una figura mitologica dall’origine incerta. Egli infatti non è mai stato considerato un indigeno, piuttosto si credeva fosse di origine greca.

La rappresentazione canonica di Saturno ha però, del particolare. Questi infatti viene rappresentato con dei lacci di lana ai piedi, che in generale sono simbolo di schiavitù. Non a caso infatti gli vengono dedicate anche delle feste, i cosiddetti Saturnalia, celebrati a partire dal 17 dicembre, giorno in cui gli schiavi erano totalmente liberi.

Il 17 dicembre inoltre – proprio in virtù dei Saturnalia- era un giorno in cui non potevano essere dichiarate guerre, in cui scuole e tribunali erano chiusi e in cui tutto era permesso, dal gioco d’azzardo alle danze, musiche e balli.

È presente però anche un’altra figura, Crono, il famigerato dio del tempo. Si tratta di un’altra rappresentazione mitologica del dio, che poco ha a che vedere con la prima. Crono infatti è ricordato come un gigante malvagio, un divoratore di bambini che agisce togliendo. La sua accezione è a primo impatto sicuramente negativa in verità però è anche motivo di crescita. Il dio tende infatti a togliere per formare, a creare degli ostacoli che possono e devono servirci come crescita, significato che molto più si avvicina al Saturno astrologico.

 

Cosa rappresenta Saturno?

In mitologia il Saturno romano ha regnato per una cosiddetta ”fase dell’oro”, periodo in cui la terra dava ottimi frutti e tutto era rigoglioso. Non esistevano guerre e carestie e regnava una pace immane. L’immagine che ci viene tramandata è allora quella di un periodo sereno, con Saturno come simbolo. Nell’oroscopo questo però cambia, riavvicinandoci più a Crono.
Saturno ha domicilio nel capricorno e aggiunge determinate caratteristiche al segno associato. Simbolicamente rappresenta in questo caso la stabilità sia in ambito relazionale che nelle amicizie. Si dice sia infatti il fondamento della logica e della saggezza e che spesso esenti dai sentimentalismi.

Possiamo allora concludere dicendo che a livello simbolico ci sono delle differenze fra il Saturno romano, tanto apprezzato e quello della tradizione astrologica.
Il primo infatti è ricordato come un Dio buono, a tratti come il Dio della trasgressione, mentre il secondo è molto più l’incarnazione dell’autorità, della fermezza e della logica. Differenze sostanziali che ci portano ad affermare come i due giganti non abbiano nulla in comune e che il famigerato detto “Saturno contro” possa derivare dalle considerazioni di Crono e di quello astrologico.

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: