Il Superuovo

Saffo torna a parlarci del morbo amoroso in “Tutta colpa di Freud”

Saffo torna a parlarci del morbo amoroso in “Tutta colpa di Freud”

Che cos’è l’amore? La risposta più rincuorante lo descrive come un morbo fatale e incurabile se non con la privazione dell’oggetto amoroso

Saffo, Francis Coates Jones

L’amore è ancora un argomento tabù, perché tutti sanno come funziona, ma è difficile parlarne oggettivamente, senza sembrare dei poeti romantici, come Ewan McGregor in Moulin Rouge. Ma Marco Giallini, riprendendo Saffo, ci propone una definizione infallibile sul piano fenomenologico

Vinicio cantava “Che cos’è l’amor” ma Paolo Genovesi ce lo racconta

Ah… l’amore! L’amore ispira l’arte, il genio creativo di scrittori, musicisti, registi, in tutto il mondo. Ma è sempre stato il sentimento più difficile da descrivere. Lo cantava anche Vinicio Capossela, no? Ma ci ha dato una risposta convincente?

Nel film Il favoloso mondo di Amelie, la proprietaria del cafè “Les deux moulins” decantava la sua ricetta dell’amore. Per quanto affascinante, la sua ricetta, tuttavia, non descriveva l’amore, ma si limitava a darci la genealogia.

Forse Moulin Rouge è il film che si avvicina più di tutti alla descrizione dell’amore, ma  in questo caso, la definizione è romantica e poco accurata, un po’ troppo generica. Finora sembra che le immagini evocate dalla canzone di Vinicio siano la risposta più completa e attendibile…

Ma per fortuna nel 2014 esce, lui, il film che ha rotto il silenzio nel cinema italiano. Si tratta di una commedia tanto lontana dall’essere “all’italiana”, quanto vicina alla soluzione di questo enigma: cos’è l’amore? Il film in questione è Tutta colpa di Freud e la sua risposta è: una malattia!

 

Marco Giallini in una scena del film

L’amore è una malattia che si sconfigge con la psicanalisi?

Tutta colpa di Freud è un film del 2014 diretto da Paolo Genovese. Ci racconta la storia familiare di uno psicanalista di scuola freudiana, padre di tre complicatissime figlie. Durante i titoli di testa del film, il nostro uomo, interpretato da Marco Giallini, recita un monologo contenete un’efficace definizione dell’amore.

L’amore sarebbe una malattia, che viene somatizzata dalle persone in maniera diversa: per alcuni il sentimento nasce, cresce e muore nello stesso arco temporale e con l’intensità di un’influenza; per altri è qualcosa di più grave e duraturo, ma – ci assicura Giallini – si guarisce sempre.

Nel film, le figlie dello psicanalista sono alle prese con tre diverse situazioni amorose, che le fanno soffrire, vacillare, perdere la testa. Quel che accomuna le storie, pur diversissime, di queste ragazze, è la presenza del padre, ormai cinico nei confronti delle relazioni, abbastanza distante da poter essere professionale, ma altrettanto coinvolto sentimentalmente da far pasticci.

Il personaggio di Marco Giallini non è un unicum nella storia della nostra cultura, sia pop sia alta, non è la prima voce a rappresentare l’amore coma una malattia e descrivere i sintomi. La prima ad averci regalato questa verità è Saffo, poetessa greca vissuta circa 2700 anni avanti Giallini.

Saffo descrive i sintomi dell’amore ma non ci dà i rimedi

Nella cosiddetta Ode della gelosia, Saffo scrive:

“dolce suona la tua voce
e il tuo sorriso

accende il desiderio. E questo il cuore
mi fa scoppiare in petto: se ti guardo
per un istante, non mi esce un solo
filo di voce,

ma la lingua è spezzata, scorre esile
sotto la pelle subito una fiamma,
non vedo più con gli occhi, mi rimbombano
forte le orecchie,

e mi inonda un sudore freddo, un tremito
mi scuote tutta, e sono anche più pallida
dell’erba”

Il testo (fr.31 V.) ci è tramandato da quel vecchio buongustaio dell’Anonimo del Sublime. L’Anonimo menziona i versi elogiando la bravura della poetessa per la perizia con cui descrive compiutamente la sintomatologia, anzi, la fenomenologia patologica dell’amore.

I sintomi sono descritti con tanta acribia che in alcuni casi è possibile nominarli con una nomenclatura scientifica. Non ci credete? Allora ecco il cocktail letale dell’amore: tachicardia, afasia (perdita della parola), febbre, annebbiamento della vista, rimbombo alle orecchie, sudorazione fredda, violenti brividi in tutto il corpo, pallore e, infine, sensazione di morte imminente.

Saffo, come il nostro psicanalista, ha una figura professionale all’interno del thiaso, che le consente di avere una conoscenza precisa e dettagliata di questo sentimento, ma la voce poetica ci rivela che il personaggio del carme è coinvolto emotivamente.

Altro che semplice influenza! Per Saffo, l’amore è una malattia che non risparmia le sue vittime, un morbo che assale, feroce, e rompe ogni resistenza immunitaria. A 2700 anni dalla prima descrizione del morbo, attendiamo ancora qualcuno che ci dia l’antidoto.

 

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: