fbpx
Quanto è profonda la tana del Bianconiglio? Matrix incontra Alice nel paese delle meraviglie

Matrix, pellicola del 1999, è un film fantastico basato sull’esistenza di una realtà alternativa. Quando Neo, il protagonista, decide di entrare in questa realtà, Morpheus la definisce come La tana del Bianconiglio. Cosa rappresenta il Bianconiglio, personaggio ideato da Lewis Carroll?

È la tua ultima occasione, se rinunci non ne avrai altre. Pillola azzurra, fine della storia: domani ti sveglierai in camera tua, e crederai a quello che vorrai. Pillola rossa, resti nel paese delle meraviglie, e vedrai quant’è profonda la tana del bianconiglio. Ti sto offrendo solo la verità, ricordalo. Niente di più.

Questa frase, detta da Morpheus, è ciò su cui vogliamo riflettere oggi. Cosa è la tana del bianconiglio? E perchè indica l’ingresso ad un altro mondo? Nella retorica odierna l’immagine del coniglio bianco sta ad indicare un evento inaspettato che porta alla comprensione di una realtà superiore che scardina in un sol colpo le convinzioni di una vita. Seguire il coniglio bianco vuol dire fare attenzione a piccoli eventi apparentemente insignificanti: come Alice appena addormentata si accorse di un coniglio in panciotto che correva con un orologio in mano e non si sorprese ma lo seguì incuriosita, così chiunque si incuriosisce alle stranezze può essere trasportato in un altro “paese delle meraviglie”.

Pillola Rossa o Pillola Blu?

Matrix è ovunque. È intorno a noi. Anche adesso, nella stanza in cui siamo. È quello che vedi quando ti affacci alla finestra, o quando accendi il televisore. L’avverti quando vai al lavoro, quando vai in chiesa, quando paghi le tasse. È il mondo che ti è stato messo davanti agli occhi per nasconderti la verità.

Secondo il film, Matrix è la realtà futura del XXIII secolo in cui le macchine dotate di intelligenza artificiale, si sono ribellate agli uomini. Il mondo nel quale Neo è vissuto fin dalla nascita è in realtà Matrix, una neuro-simulazione interattiva costruita sul modello del mondo del 1999 per tenere calmi gli umani coltivati. Il ruolo di Neo, il protagonista, è quello di decodificare Matrix e di concludere la guerra contro le macchine, risvegliando l’intera umanità dalla “simulazione onirica” di Matrix stessa. Numerose sono le citazioni di Alice nel Paese delle Meraviglie, specialmente quando Neo si sentirà stordito in questa nuova realtà. La presa di coscienza della situazione, sarà molto dura, tanto da non capire cosa sia reale e cosa sia un sogno.

Il sogno di Alice

Quando vide il Coniglio fare il gesto di estrarre un orologio dal taschino del panciotto, guardarlo e riprendere di gran lena il passo, Alice balzò in piedi, perché le era balenato nella mente che non aveva mai visto prima un coniglio con un panciotto né tanto meno con un orologio dentro al taschino, e, bruciata dalla febbre della curiosità, lo inseguì di corsa attraverso il campo dove fece appena in tempo a vederlo sparire dentro una grossa tana sotto la siepe.

Il nome originale del coniglio è White Rabbit, dove White è il nome e Rabbit è il cognome (si sa questo poiché in Alice nel Paese delle Meraviglie sulla sua casa compare una targa con su scritto W. Rabbit). Il coniglio non si relaziona mai direttamente con Alice; la sua vecchiaia e il suo nervosismo lo portano a essere totalmente disinteressato alla bimba ed ai suoi problemi. La sua tipica espressione è È tardi, è tardi!. È proprio per seguire lui che Alice intraprende il suo viaggio nel Paese delle Meraviglie. Si pensa che tutta l’opera sia un’allegoria, infatti le avventure di Alice rappresentano in realtà la lotta contro il tempo, dove razionalità e immaginazione si scontrano sempre in quello che è il cammino verso il diventare grandi e l’età adulta. Parallelamente a questa crescita temporale, si affianca anche una crescita interiore, dove Alice conosce sé stessa e le emozioni dell’animo umano.

Segui il Bianconiglio

Il coniglio di Alice rappresenta in qualche modo l’antitesi di Alice: questo protagonista quasi inafferrabile corre sempre senza un motivo apparente. Il risultato è che è sempre stressato e non ha mai il tempo di capire cosa dice Alice o chi sia lei realmente. Alice e il bianconiglio sono due mondi al momento separati, che però Alice ha iniziato a inseguire. La fretta e l’ansia ingiustificata del personaggio potrebbe voler ricordare inoltre lo stress che gli adulti spesso trasmettono ai propri figli. Bisogna imparare a conoscere ciò che si vuole e seguire i propri sogni e la tua curiosità. Alice segue la sua curiosità quando inizia a seguire il Bianconiglio e inizia la sua avventura. Il coniglio inoltre vuole anche intendere che bisogna conoscere ciò che si vuole ed esprimersi: in diverse occasioni Alice è interrogata sulle sue scelte o su ciò che intende dire (per esempio con il Cappellaio matto o lo stregatto).
Alice ci insegna anche a costruire la propria identità e scegliere la propria vita: durante tutta la storia, Alice incontra personaggi che le chiedono chi sia o da dove venga. Questo fa sì che Alice debba sempre prendere i considerazione e questionarsi chi sia, cosa fa e da dove venga, insieme ai ruoli che ricopre nella sua vita, imparando a conoscere sé stessa e la sua identità.

Scappiamo Alice qui sono tutti normali

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: