Il Superuovo

Perché la Buster Sword di Cloud è una spada impossibile da usare?

Perché la Buster Sword di Cloud è una spada impossibile da usare?

La tanto spettacolare quanto ridicola spada del protagonista ha delle dimensioni ingestibili, che la rendono particolarmente complicata da impugnare.

Capirete che una cosa del genere in puro acciaio ha i suoi problemi dal punto di vista fisico.

Qualche giorno fa è uscito il remake di uno dei titoli più apprezzati di sempre: Final Fantasy VII. Per distrarmi dal fatto che ancora non mi è arrivato ho pensato che fosse finalmente giunto il momento di rovinare l’infanzia anche alla categoria di pubblico che apprezza questo genere di classici di stile giapponese, andando a colpire nello specifico ciò che costituisce almeno il 50% dell’epicità dei protagonisti di questi giochi, ovvero le loro armi. E visto che siamo in tema FFVII, e che il buon Cloud è un personaggio che non passa mai di moda, andiamo dritti dritti sulla Buster Sword. Vediamo se ha senso di esistere al di fuori della bolla di protezione dalle leggi della fisica che la circonda di solito.

Questo è l’artwork originale, per farvi capire le proporzioni.

I dati della spada VII

Prima di tutto, come al solito, bisogna recuperare i dati che ci servono. Cominciamo dalla lunghezza della spada nella sua interezza: si può stimare dagli artwork ufficiali, ma se c’è qualcosa che ho imparato scrivendo questi articoli è che c’è sempre qualcuno che ha avuto la tua stessa idea prima di te. Questo vuol dire che la si può trovare tranquillamente su internet: in questo video di Man at Arms si può vedere che qualcuno ha addirittura forgiato una copia piuttosto simile della Buster Sword. La replica che possiamo quindi prendere come riferimento è lunga 180 cm, di cui 45 sono di elsa e 135 di lama, e larga 30 cm. Per quanto riguarda il peso (in senso generale), c’è un appunto da fare. Il modello di Man at Arms è stato realizzato in lega di alluminio, con un rivestimento di acciaio sul filo della spada, risultando in un peso di 35 kg circa. Tuttavia, c’è una specifica scena del film Advent Children (2005) in cui si vede chiaramente della ruggine su quasi tutta la superficie della lama, il che mi suggerisce che la Buster Sword originale dovrebbe essere in realtà totalmente di un materiale simile al ferro o all’acciaio, portando così il peso ad un assurdo 12o kg. Ora, siccome non penso che le braccina di Cloud stiano sollevando e menando in giro l’equivalente di una leonessa appoggiata a metà della spada, userò il valore ottenuto da Man at Arms, assumendo che il materiale effettivo usato in FFVII sia qualche lega magica e iperleggera. Quindi, 35 kg, direte voi, nulla di che per un individuo particolarmente in forma, giusto? Sbagliato. A cosa servirebbe questo articolo allora?

Ecco l’immagine incriminata.

Crisis Momentum

Il primo problema che ci si para davanti è dato dall’esistenza di una fastidiosa cosa chiamata Prima Legge di Newton. In generale, i corpi non vogliono cambiare stato: ciò vuol dire che se bisogna compiere del lavoro per mettere in moto un corpo, tendenzialmente bisogna compierlo anche per fermarlo. Nel momento in cui il signor Strife mette in movimento la spada, questa comincia a muoversi ad una certa velocità: fin qui tutto bene, ma in un combattimento all’arma bianca si è soliti far cambiare direzione spesso alla propria lama, e per farlo si deve fermare il movimento in corso, e farne partire uno nuovo in una diversa direzione. Ecco: l’inerzia, ovvero la capacità di un corpo di opporsi al cambiamento del proprio stato di moto, dipende dalla massa, e non è un problema di solito per quanto riguarda le spade normali, dal peso medio di 1,5 kg. Ma quando entra in gioco uno spadone di 35 kg, le cose cambiano, e lo sforzo da fare per opporsi al moto dello stesso diventa immane. Per mettere le cose in prospettiva, possiamo calcolare la quantità di moto (o momento lineare) della Buster Sword in movimento, usando come velocità tangenziale quella media di un uomo che sferra un colpo con una spada comune (anche qui siamo molto buoni, dal momento che è palese che Cloud sia in grado di muovere quella cosa a velocità ben superiori del normale), quindi circa 18 m/s. Per la massa, invece, contiamo i 35 kg della spada sommati a 10 kg delle braccia. Quindi p=m*v, e otteniamo 810 kgm/s, il che già ci suggerisce l’impossibilità della cosa. Ma se vogliamo andare ancora oltre, possiamo considerare il movimento come circolare, e calcolare la forza centrifuga che agirebbe sul nostro Cloud : Fc = (m*v^2)/r, considerando il raggio come la distanza del centro di gravità del sistema Cloud-spada dall’asse di rotazione che stimiamo a 1,1 m. Il risultato è un preoccupante valore di 13255 N, poco meno della forza del morso di un coccodrillo. Questa non solo è una quantità assurda, ma è anche altamente problematica da un altro punto di vista, ovvero quello dell’attrito.

Eppure, questo incredibile uomo riesce a tenere lo spadone non solo in quella terribile posizione, ma anche con una mano sola.

Advent friction

Il risultato che abbiamo ottenuto per la forza centrifuga ha una conseguenza fondamentale: anche se Cloud fosse dotato di una super forza, non sarebbe comunque in grado di usare la Buster Sword con efficacia. Anche se il protagonista fosse abbastanza forte da opporsi ad una tale forza ogni volta che vuole variare il moto della spada, non sarebbe comunque in grado di trasferire tutta questa forza attraverso l’arma, per via dell’attrito. Immaginate di essere in piedi su uno strato di ghiaccio solido, e di cercare di spingere un’altra persona davanti a voi, che però si trova su terreno normale. Ciò che otterrete è l’esatto contrario di quello che volevate fare: sarete voi quelli ad essere spinti indietro. Questo accade per la Terza Legge di Newton, la famosa “ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria”, che in questo caso si traduce con la generazione di una forza nella vostra stessa direzione, ma di verso opposto, maggiore della forza d’attrito generata dai vostri piedi e il terreno, causando così il moto. Ora, dal momento che la forza d’attrito è proporzionale al carico applicato, che nel caso di Cloud è il suo peso, cominciate a capire dov’è il problema. Secondo alcune wiki, parliamo di circa 62 kg, quindi se assumiamo che l’accelerazione di gravità sia pari a g, la forza peso è di 608.22 N. Anche con i coefficienti di attrito più generosi (nella remota ipotesi in cui il signor Strife indossi degli stivali di argento e stia combattendo sull’argento) non si arriverà mai ad una forza d’attrito superiore a 730 N. Dal momento che la forza centrifuga che abbiamo calcolato prima è qualcosa come 18 volte più grande, direi che è impossibile per il nostro biondissimo soldato stare in equilibrio mentre mena la Buster Sword in giro. Al di là della sua forza, per poterlo fare con un certo controllo dovrebbe pesare come minimo 1130 kg. 1130! Pensate che casino sarebbe con la fisica del gioco.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: