Il Superuovo

Mostriamo la vera faccia di Ernesto Che Guevara attraverso la sua icona pop

Mostriamo la vera faccia di Ernesto Che Guevara attraverso la sua icona pop

Che Guevara dopo la sua morte è diventato un’icona pop che simboleggia la rivoluzione quasi per caso.

Siamo abituati a vedere la faccia del Che ovunque, nelle magliette, cappellini, murales ma la maggior parte di noi non sa nemmeno il perché sia diventato così famoso.

DELLE STRANE COINCIDENZE

La foto scattata da Alberto Korda di Ernesto Guevara , più conosciuto come il Che per il suo particolare intercalare, fece letteralmente il giro del mondo. Venne scattata il 5 marzo del 1960, giorno della commemorazione delle 1100 vittime dell’esplosione della nave francese “La Coubre” nel porto dell’Avana. L’uomo che fece diventare famosa questa foto fu Giangiacomo Feltrinelli, editore milanese che la scelse come copertina del “Diario in Bolivia” del Che. La foto in seguito divenne un’icona pop tramite alcune serigrafie.

GUEVARA PRIMA DI DIVENTARE IL CHE

Prima di questo successo straordinario Ernesto era uno studente di medicina come tanti altri, viveva in Argentina. La chiave di volta della sua vita fu un viaggio fatto a 23 anni a bordo di una moto chiamata “La poderosa” in compagnia del suo amico Alberto Granado. Influenzerà la sua visione del mondo per sempre. Nel dicembre del 1951 decise di lasciare tutte le sue comodità e la famiglia per scoprire la sua terra, come facevano i conquistatori portoghesi e spagnoli nel XV secolo. Il viaggio gli farà scoprire un’America Latina che non aveva mai visto da casa sua: il dolore, la povertà, la prostituzione, le malattie. Tutto questo smuoverà qualcosa in lui, scopre la sua affinità con l’umanità e da questo momento prende la decisione di cambiare il mondo, proposito troppo ambizioso per un solo uomo. Nel 1952, dopo 6 mesi il viaggio arriva al termine a Caracas, Venezuela. Per tutta la durata del percorso tenne un diario, per questo noi oggi possiamo leggere le sue riflessioni nel libro “Latinoamericana”.

IL SUO PENSIERO

Dopo questa esperienza incontrerà Fidel Castro con cui compie la rivoluzione cubana per rovesciare il regime dittatoriale di Fulgencio Batista. La rivoluzione cubana sarà il  modello per le future rivoluzioni. Il Che andrà in Congo per portare le sue idee come consigliere militare e in seguito in Bolivia dove sarà assassinato. Il suo pensiero, basato soprattutto sulla creazione di una nuova società e sulla costituzione di un uomo cosciente delle sue azioni si ritrova nell’influenza di Marx e del comunismo russo, però in un certo senso la sua visione si allontana per l’insistenza nella partecipazione di ogni individuo per arrivare alla formazione di una società socialista. A Cuba si importarono modelli europei ma Guevara seppe fare sue quelle idee modificandole e adattandole alla sua visione.

IL MITO DEL CHE

Le circostanze della sua morte lo hanno mitizzato agli occhi della gente. Morì il 9 ottobre 1967, a seguito della cattura in Bolivia. Gli spararono a gambe, braccia e petto per non farla sembrare un’esecuzione capitale. L’infermiera incaricata di lavare il suo corpo disse che aveva gli occhi ben aperti. Da questo momento inizia il processo di beatificazione che ancora oggi i contadini di quella zona della Bolivia e di buona parte del Sud America hanno realizzato identificando la sua figura con quella di Cristo perché dicono che entrambi hanno sacrificato la loro vita per gli ultimi. Sembrano dettagli irrilevanti ma sono importanti per capire l’immaginario collettivo di quelle popolazioni. In molti posti tra Valle Grande e la Higuera, luogo dove fu assassinato, lo chiamano “San Ernesto de la Higuera” e dicono che sia nato lì, esattamente come succede per i santi per cui il vero giorno di nascita non è quello della nascita fisica ma quello della morte, perché si entra nell’immortalità, la nascita spirituale. Ci sono probabilmente delle coincidenze, che contribuiscono a creare un alone di leggenda intorno alla figura del Che. Che Guevara, oltre al suo mito lasciò qualcosa di più forte ossia il suo pensiero.

UNA VISIONE GLOBALE

La sua visione non si limitava all’America Latina, si espandeva per tutto il mondo tanto che lui stesso disse che “sentiva il dolore del mondo”. Questo modo di vedere si incontra nei fatti della sua vita: non rimase solamente a Cuba, cercò di portare le sue idee per il mondo, così andò in Congo, in Cina, in Bolivia, ma le sue azioni portarono disastri. Nonostante i fallimenti quest’uomo ha riacceso la speranza nei latinoamericani, speranza di una vita migliore. Lo hanno celebrato in diverse canzoni come Hasta Siempre di Carlos Puebla, anche Guccini gli ha dedicato una canzone intitolata “Che Guevara”. Questa persona è stata molto più di un’icona, è stato un punto di riferimento per un intero continente e per certi versi per il mondo intero.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: