Il Superuovo

Mantenere la calma durante la quarantena? Niente di più facile grazie all’ASMR e alle endorfine

Mantenere la calma durante la quarantena? Niente di più facile grazie all’ASMR e alle endorfine

In un periodo in cui i centri benessere sono chiusi è possibile rilassarsi da casa sostituendo i massaggi con l’ASMR.

(youtube.com)

Restare chiusi in casa per tutto questo tempo non è semplice. E se all’inizio il dolce far niente potrebbe apparirci come un’interessante prospettiva, fidatevi che a lungo andare quest’inattività risulterà snervante. Ed ecco che alcuni montano mobili dell’IKEA comprati mesi fa, altri passano intere giornate aggiornando la home di Instagram, gli anziani (quelli che si rendono conto del pericolo) si affidano alla preghiera recitando il rosario, ma poi? Già, una volta terminata la lista delle possibili cose da fare non sappiamo più come gestirci. E allora, dato che di tempo ne abbiamo in abbondanza, perché non prenderci qualche minuto per incrementare i livelli di endorfine e rilassarci come si deve? Esatto, non serve andare in una palestra o in un centro benessere, lo si può fare tranquillamente da casa grazie all’ASMR!

Mai sentito parlare dell’ASMR?

L’acronimo in questione sta per Autonomous sensory meridian response (risposta sensoriale apicale autonoma) e indica una sensazione di formicolio in varie parti del corpo accompagnata da uno stato di rilassamento mentale. A suscitarla concorrono numerosi stimoli di natura visiva, uditiva o tattile, percepiti da un soggetto in modo attivo o passivo. In altre parole, avete presente quando la vostra ragazza o il vostro ragazzo vi abbraccia sussurrandovi dolci parole d’amore? Ecco, la sensazione di benessere psicofisico che provate in quell’occasione è proprio l’ASMR.

In tempi di quarantena, tuttavia, questo tipo di stimolo sensoriale non può essere generato dall’affetto e dalla vicinanza. Occorre dunque trovare una soluzione, qualcosa che generi lo stesso formicolio e ci induca in uno stato di relax. Non c’è bisogno di preoccuparsi: tra i metodi più diffusi per stimolare l’ASMR c’è l’ascolto di voci sussurrate. Youtubers da tutto il mondo hanno già da tempo iniziato a registrare il proprio whispering riscuotendo un discreto successo. Ma non finisce qui. Oltre al sussurro, infatti, vi sono molti video e registrazioni audio di role-play. Alcuni esempi prevedono il simulare il taglio dei capelli, una visita dal dottore o sedute di terapia. E, sebbene queste situazioni siano create e recitate appositamente, alcuni ascoltatori o spettatori affermano che l’ASMR risolve problemi d’insonnia, sensazioni di ansia o attacchi di panico.

Se ci rilassiamo è anche merito delle endorfine

Sappiamo già che qualsiasi sensazione fisica è elaborata dal nostro cervello grazie a delle sostanze chimiche che aiutano a veicolare le trasmissioni degli impulsi elettrici. Nel nostro caso si tratta delle endorfine, molecole classificabili come neurotrasmettitori. Dotate di una struttura peptidica e di proprietà analgesiche e fisiologiche simili a quelle della morfina e dell’oppio, presentano tuttavia una portata ben più ampia rispetto a essi.

Quando un impulso nervoso raggiunge la colonna vertebrale, le endorfine vengono rilasciate in modo da prevenire un ulteriore rilascio di questi segnali. Sono presenti nei tessuti degli animali superiori e vengono rilasciate in particolari condizioni e durante le attività fisiche più estenuanti: culturisti e atleti di livello avanzato, ad esempio, diventano “dipendenti” dall’allenamento intenso proprio perché causa un grande rilascio di queste sostanze. Anche una forte emozione ne induce la produzione, così come l’ingestione di certi cibi (ad esempio la cioccolata e in generale alimenti dolci o comunque ricchi di carboidrati) e lo strofinamento prolungato sulla pelle (come avviene durante il massaggio).

Come anche numerosi alcaloidi di derivazione morfinica, le endorfine sono in grado di procurare uno stato di eccitazione o di sonnolenza più o meno intenso a seconda della quantità rilasciata. Giusto per citare un esempio, si utilizza l’espressione Runner’s high (letteralmente “sballo del corridore”) per indicare la sensazione di euforia riscontrata da molti atleti durante la pratica sportiva prolungata.

(laralucaccioni.com)

Il relax è a portata di tutti

L’ascolto di voci sussurrate, tuttavia, non è l’unico modo che abbiamo per stimolare la risposta sensoriale da casa. Esistono infatti moltissime pratiche come lo yoga e la meditazione ma, a dire il vero, anche un bagno caldo accompagnato da una piacevole musica di sottofondo e delle candele profumate possono aiutare. Non esiste infatti un modo specifico, dipende tutto da noi e dalla nostra soggettività nel percepire i diversi stimoli.

Chi invece non riesce proprio a stare fermo, può tranquillamente buttare via le candele e dedicarsi all’attività fisica home made: corsa sul posto, sollevamento di confezioni d’acqua e addominali sul tappeto del soggiorno sono solo alcuni dei semplici esercizi che possiamo fare con il vantaggio di non dover aspettare che una panca si liberi o che l’istruttore venga a darci consigli. Detto ciò, non preoccupatevi del fatto che se a uccidervi non sarà il Corona Virus ci penserà la nooia; come potete vedere di attività da fare in casa ce ne sono in abbondanza, perciò restate lì. Andrà tutto bene!

(youtube)

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: