Il Superuovo

Lucy in the Sky with Diamonds: i Beatles fra LSD, australopitechi e nane bianche nel profondo spazio

Lucy in the Sky with Diamonds: i Beatles fra LSD, australopitechi e nane bianche nel profondo spazio

Una delle canzoni più celebri dei Beatles, “Lucy in the Sky with Diamonds”, è stata da sempre al centro di molte polemiche per il rimando all’LSD, droga allucinogena molto utilizzata nel periodo d’oro della band inglese.

La copertina dell’album dei Beatles da cui è tratta la canzone “Lucy in the Sky with Diamonds”.

Quali sono le vere intenzioni dietro quel titolo? E soprattutto, quali sono state le influenze della canzone su vari eventi avvenuti in seguito nella storia dell’uomo? Scopriamolo insieme.

Lucy in the Sky with Diamonds: un gioiello dei Beatles

Pubblicata nel 1967 nell’album  Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, è stata composta principalmente da John Lennon, il quale, in successive interviste rilasciate in TV, ha cercato di spiegare l’origine di quel peculiare titolo e anche del testo della canzone. John infatti affermò che un giorno suo figlio Julian era tornato a casa dall’asilo con un disegno che aveva chiamato “Lucy nel cielo con i diamanti”, facendo riferimento ad un suo amico di scuola. Ringo Starr, che aveva assistito alla scena fra padre e figlio, raccontò poi che John aveva avuto come un’ispirazione e che si fiondò a scrivere un testo riguardo Lucy. Tuttavia, subito dopo il rilascio della canzone, ci furono molte discussioni sul titolo e sul fatto che, unendo fra loro le prime lettere delle uniche parole con la maiuscola iniziale, si otteneva la sigla LSD, ossia quella della droga allucinogena chimicamente nota come dietilammide dell’acido lisergico.
John Lennon disse di essersi ispirato molto ai personaggi e ai luoghi di  Alice nel paese delle meraviglie, di cui era un avido lettore.

LSD: effetti sull’uomo

Sintetizzato per la prima volta nel 1938, l’LSD viene generato dall’acido lisergico, solitamente presente in funghi che crescono su alcuni frumenti. Viene solitamente prodotto in forma cristallina e poi mescolato con altri ingredienti inattivi o diluito come liquido. Non ha odore ma ha un sapore leggermente amaro e si pensa che il suo potere allucinogeno sia dovuto all’interazione con i neuroni serotoninergici.
Il corpo umano infatti confonde l’LSD per la serotonina e la inserisce nel contesto della sinapsi al posto di 5-HT. Inoltre, visto che l’LSD ha una maggiore affinità per i recettori serotoninergici, non si stacca facilmente e inibisce la corretta trasduzione del segnale neurotrasmettitore. Sembrerebbe che ci siano anche analogie per quanto riguarda la densità elettronica negli orbitali di massima energia, probabilmente alla base dell’abilità dell’LSD di inserirsi perfettamente nei recettori della serotonina.

Formula chimica e tridimensionale dell’LSD.

Lucy: dai nostri antenati allo spazio

Nel 1970 un gruppo di ricercatori archeologi stava analizzando alcune aree nella regione di Hararghe in Etiopia alla ricerca di reperti antropologici. Nel novembre del ’71, l’archeologo Johanson iniziò a trovare alcuni frammenti ossei di un fossile che sembrava appartenere ad un ominide che camminava su due piedi. Inizialmente questa “persona” venne battezzata AL-129-1. Tuttavia, dagli stessi ricercatori, venne ribattezzata Lucy siccome il team ascoltava in continuazione il nuovo album dei Beatles, soprattutto la precedentemente citata Lucy in the Sky with Diamonds, anche il giorno in cui vennero scoperti e riportati alla luce i resti dell’ominide.
Ancora più azzeccato col titolo della canzone, ricordiamo Lucy, anche nota come V886 Centauri. Si tratta di una nana bianca che sembrerebbe avere delle proprietà davvero speciali. Nel 1995 un gruppo di scienziati usò una tecnica nota come astrosismologia  al fine di valutare quale fosse la composizione materiale della nana e rimasero colpiti dal fatto che quasi il 90% del pianeta fosse completamente cristallizzato, tutto compattato in reticoli geometrici ben definiti. Dal momento che Lucy è quasi interamente fatta di carbonio, qual è quindi la sua vera natura?

Scheletro di Lucy, assieme alle parti restanti in materiale sintetico.

E tu che ne pensi? Faccelo sapere!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: